Domenico Adinolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Domenico Adinolfi
Domenico Adinolfi.jpg
Nazionalità Italia Italia
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi mediomassimi, Pesi massimi
Termine carriera 18 novembre 1982
Carriera
Incontri disputati
Totali 64
Vinti (KO) 51 (26)
Persi (KO) 9 (1)
Pareggiati 3
 

Domenico Adinolfi (Ceccano, 20 giugno 1946) è un ex pugile e attore italiano, campione italiano dei pesi mediomassimi e massimi e Campione europeo dei mediomassimi (1974-1976).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Guascone e bizzarro personaggio della boxe italiana, Domenico Adinolfi nasce da una famiglia molto numerosa e di umili origini. Per necessità economiche e per passione decide di avvicinarsi al pugilato.

Da dilettante Adinolfi ha combattuto ventuno volte in Germania, vincendo 20 incontri e pareggiandone 1.

Carriera da professionista[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera professionistica è divisa in due fasi: la prima è caratterizzata da vittorie esaltanti e momenti di delusione. Conquistò il titolo italiano nella categoria dei medio massimi dopo appena nove match da professionista battendo il trentacinquenne Giulio Rinaldi, un grande della boxe italiana, inducendolo ad abbandonare il pugilato. Dopo quattro riprese, lo sfidante era già nettamente in vantaggio ai punti. Mise l'avversario in ginocchio al quinto round e questi assistette al conteggio incapace a rialzarsi forse più mentalmente che per motivi tecnici[1]. Il match, vissuto come una guerra tra paesi rivali (la Ceccano di Adinolfi contro l'Anzio di Rinaldi) ebbe un'epilogo di insinuazioni relative a presunti "aiuti chimici" utilizzati dal vincitore. Vi fu anche un'inchiesta della FIP che non portò a nessun risultato[2].

Adinolfi difese il titolo italiano battendo ai punti Gianfranco Macchia[3] e Guerrino Scattolin[4]. Lo perse con verdetto ai punti il 4 marzo 1972, a Roma, dai pugni di Gianfranco Macchia, che gli inflisse la prima sconfitta in carriera [5].

Dopo una sfortunata tournée in Sudafrica (2 sconfitte ai punti), Adinolfi riconquistò il titolo italiano il 14 marzo 1973, a Frosinone, battendo ai punti Renzo Grespan. Lo perse definitivamente il 25 agosto successivo cedendo ai punti ad Aldo Traversaro a Chiavari, in casa del suo avversario[5].

Il 3 giugno 1974, Adinolfi perse ai punti a Toronto con Tom Bethea, già sfidante di Nino Benvenuti per il titolo mondiale dei medi.

A Campione il 4 dicembre 1974, il ciociaro riuscì a mettere KO, dopo solo 2 minuti della prima ripresa Karl Heinz Klein, conquistando il titolo europeo dei pesi mediomassimi, lasciato vacante dal britannico John Conteh[6]. Difese il titolo europeo per tre volte in due anni. A Wieze nel 1975 sconfisse Freddy Dekerpel in undici riprese[7]. A Torino nell'ottobre dello stesso anno superò Rudi Lubberts, mettendolo KO in sole due riprese e a Roma nel maggio del 1976 batté Leo Kakolewicz per KO in otto riprese[5].

Perse il titolo a Belgrado il 10 luglio 1976 di fronte al fuoriclasse jugoslavo Mate Parlov ma con un arbitraggio che ha fatto molto discutere. Parlov si era aggiudicato agevolmente le prime riprese ma l'italiano stava dimostrando di poter recuperare lo svantaggio. All'11º round l'arbitro gallese Brimmel, condizionato dall'infernale atmosfera dello stadio jugoslavo, interruppe inspiegabilmente il match dopo un paio di ininfluenti colpi subiti dal detentore del titolo, attribuendo a Parlov la vittoria per knock-out tecnico[8][9].

La rivincita con Parlov, in programma al Palasport di Roma nel marzo 1977, non si tenne mai perché Adinolfi non riuscì a rientrare nel peso[10]. Successivamente Adinolfi salì nella categoria dei Pesi massimi e poi decise di lasciare l'Italia per cercare fortuna in Canada e in Belgio.

Al ritorno in Italia cominciò la seconda fase della sua carriera. A 34 anni si riaffiliò alla Federazione pugilistica italiana e ritrovò la motivazione che lo riportò sul ring. Conquistò il titolo italiano nella categoria dei massimi nell'agosto del 1980 a Norcia sconfiggendo Giovanni De Luca in 12 riprese[5].

Difese vittoriosamente la cintura italiana per quattro volte, battendo Vincenzo Pesapane, Daniele Laghi, ancora Giovanni De Luca e Rinaldo Pellizzari. Tentò infine di conquistare il titolo europeo dei pesi massimi ma fu sconfitto ai punti a Parigi dal francese Lucien Rodriguez. Fu il suo ultimo incontro[5]. A carriera conclusa, Adinolfi si occupò del settore giovanile.

Carriera cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato al film Grand Hotel Excelsior nel ruolo di Bruno Bertoni, lo sfidante di Pericle, interpretato da Carlo Verdone.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Pugile spigoloso, senza peli sulla lingua, ha ricevuto dalla boxe sicuramente meno di quanto avrebbe meritato. Molto è dipeso dal suo carattere difficile, che l'ha portato in competizione anche con i vertici della Federazione pugilistica[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Domenico Adinolfi batte Giulio Rinaldi
  2. ^ Orlando "Rocky" Giuliano, Storia del pugilato, Longanesi, Milano, 1982 p. 116
  3. ^ Domenico Adinolfi batte Gianfranco Macchia
  4. ^ Domenico Adinolfi batte Guerrino Scattolin
  5. ^ a b c d e Domenico Adinolfi su Sport & Note
  6. ^ Domenico Adinolfi diventa Campione d'Europa
  7. ^ Domenico Adinolfi batte Freddy Dekerpel
  8. ^ Sergio Rotondo, Verdetto scandaloso: Adinolfi battuto, in: Corriere della sera, 11 luglio 1976, p. 22
  9. ^ Nino Benvenuti, Ecco perché il ciociaro poteva ancora vincere, in: Corriere della sera, 12 luglio 1976, p. 16
  10. ^ Il medico vieta ad Adinolfi la sfida europea con Parlov, in: Corriere della Sera, 22 marzo 1977, p. 19

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]