Mate Parlov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mate Parlov
Mate Parlov (crop).jpg
Dati biografici
Nazionalità bandiera Jugoslavia
Altezza 188 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi mediomassimi
Ritirato 31 marzo 1980
Carriera
Incontri disputati
Totali 29
Vinti (KO) 24 (12)
Persi (KO) 3 (1)
Pareggiati 2
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Monaco di Baviera 1972 mediomassimi
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Avana 1974 mediomassimi
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Argento Bucarest 1969 medi
Oro Madrid 1971 mediomassimi
Oro Belgrado 1973 mediomassimi
 

Mate Parlov (Imoschi, 16 novembre 194829 luglio 2008) è stato un pugile jugoslavo.

Medaglia d'oro per la ex Jugoslavia della categoria dei mediomassimi alle Olimpiadi di Monaco del 1972, come professionista fu campione europeo nel 1976 e campione mondiale nel 1978.

Parlov è universalmente considerato il più grande pugile croato di ogni tempo, e anche uno tra i più grandi sportivi croati del XX secolo.[1][2][3][4][5][6][7]

La carriera dilettantistica[modifica | modifica wikitesto]

Grandissimo dilettante, disputò 310 incontri perdendone solo 13. Tra i pugili in maglietta, oltre a vincere l'oro nel 1972 alle Olimpiadi di Monaco, fu 13 volte campione di Iugoslavia, 5 volte campione dei balcani, 2 volte vincitore dei Golden Gloves (nel 1967 e nel 1969), 2 volte campione europeo (nel 1971 a Madrid e nel 1973 a Belgrado), e campione mondiale ai Campionati mondiali di pugilato dilettanti 1974 dell'Avana.

La carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Divenne professionista a quasi 27 anni ma, grazie alla fama e all'esperienza tra i dilettanti, gli fu data in breve l'opportunità di combattere per il titolo europeo dei mediomassimi, che conquistò il 10 luglio 1976 battendo per KOT all'11º round Domenico Adinolfi. Un paio di mesi prima era stato battuto ai punti da Matthew Saad Muhammad, futuro campione mondiale della categoria, con cui Parlov pareggiò la rivincita, sostenuta nel dicembre del 1976.

Il 17 giugno 1978 Parlov divenne campione del mondo dei mediomassimi sconfiggendo il britannico John Conteh, ma perse il titolo alla prima difesa contro Marvin Johnson, nel dicembre dello stesso anno.

Passato alla categoria di peso superiore dei cruiserweight, pareggiò un match con Marvin Camel, perdendo ai punti la rivincita e ritirandosi nel 1980.

Vita dopo la boxe[modifica | modifica wikitesto]

Parlov allenò la nazionale jugoslava di boxe alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984, dove i pugili balcanici raggiunsero il miglior risultato di sempre, vincendo un oro, un argento e due bronzi. Dopodiché, nel 1985, si trasferì con la famiglia a Fasana, vicino a Pola, dove aprì e condusse un proprio bar, lontano dalla boxe e dal pubblico, con l'eccezione di pochi episodi in cui comparve come commentatore di match di pugilato per la televisione croata.

Nel marzo del 2008 gli fu diagnosticato un cancro ai polmoni, di cui Parlov morì quattro mesi più tardi all'ospedale di Pola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Account Suspended
  2. ^ Gloria - IN MEMORIAM: MATE PARLOV / Odlazak boksača koji je volio pjesnike
  3. ^ http://www.sportske.hr/Default.aspx?sid=15422
  4. ^ Mate Parlov se bori s teškom bolesti pluća - Vijesti.net - Index.hr
  5. ^ Umro Mate Parlov – Nacional.hr
  6. ^ http://www.vjesnik.hr/Html/2008/07/30/Clanak.asp?r=spo&c=1
  7. ^ Radio 101 - Naslovnica

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]