Disbiosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per disbiosi (conosciuta anche come disbacteriosi) in medicina ci si riferisce ad uno squilibrio microbico sulla superficie o all'interno del corpo.[1] Più comunemente la disbiosi è riportata come una condizione inerente al tratto digestivo. Essa è anche correlata a malattie come la malattia infiammatoria cronica intestinale,[2][3][4] la sindrome da fatica cronica[5], l'obesità[6][7], il tumore[8][9] e la colite.[10]

Colonie microbiche presenti sulla superficie o nel corpo sono generalmente benigne o benefiche (seppur in determinate situazioni patologiche, come nell'AIDS, tendano ad attaccare l'organismo con il quale collaborano, soddisfacendo quella che è la caratteristica derivata dal loro nome: opportunisti). Queste colonie microbiche benefiche e di dimensioni appropriate sono in grado di svolgere una serie di funzioni utili e necessarie, come aiutare la digestione.[11] Inoltre, esse proteggono il corpo dalla penetrazione dei microbi patogeni. Queste colonie microbiche benefiche si trovano in concorrenza tra di loro sia per lo spazio che per le risorse e superano le cellule umane di un fattore di 10:1.[12]

Il termine "disbiosi" non è un termine medico standardizzato. Concetti simili sono stati anche descritti come "squilibrio microbico", "squilibrio batterico", o "un aumento dei livelli di batteri nocivi e ridotti livelli di batteri benefici".[13] Una forma di disbiosi è la sindrome da iperproliferazione batterica (SIBO).

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Disbiosi può essere causata da diversi fattori come la ripetuta e inappropriata assunzione di antibiotici[14], l'abuso di alcol[15][16] o una dieta inadeguata.[17]

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Quando questo equilibrio viene alterato, le colonie batteriche presentano una minore capacità di controllare la crescita reciproca e ciò può portare alla proliferazione di una o più di esse che possono ulteriormente danneggiare le altre creando così un circolo vizioso. Se le colonie più vantaggiose sono danneggiati, gli effetti negativi sull'organismo appaiono più pronunciati. Un effetto nocivo può essere il malassorbimento.

Le colonie microbiche espellono anche diversi tipi di sottoprodotti di scarto (tossine). Utilizzando diversi meccanismi di rimozione dei rifiuti, in circostanze normali, il corpo gestisce in modo efficace questi sottoprodotti con poca o nessuna difficoltà. Purtroppo, le colonie di dimensioni inappropriate, per il loro aumento numerico, espellono maggiori quantità di questi sottoprodotti. Poiché la quantità di sottoprodotti microbica aumenta, i livelli più elevati dei sottoprodotti di scarto possono sovraccaricare i meccanismi di rimozione dei rifiuti del corpo.

La combinazione di questi due risultati negativi causa molti dei sintomi negativi sulla salute osservati quando ci si trova davanti ad un caso di disbiosi.

Disbiosi intestinale[modifica | modifica wikitesto]

La disbiosi intestinale o dismicrobismo intestinale o alterazione del microbiota intestinale è una condizione caratterizzata da uno squilibrio della flora batterica enterica. L’alterazione della flora batterica può compromettere la funzionalità intestinale, causando una serie di disturbi come meteorismo, diarrea, dolore e gonfiore addominale accompagnati da uno stato di malessere generale, stipsi, colite, fino all’insorgenza di infezioni batteriche, reflusso, allergie, ipovitaminosi, malattie autoimmuni e tumori del colon.[18] Essa è causata da cattiva alimentazione ricca di cibi raffinati, additivi e inquinanti, farmaci (es. antibiotici), stress, vita sregolata.

La disbiosi può dipendere anche da numerosi altri fattori, primi tra tutti patologie intestinali come la malattia diverticolare, le malattie infiammatorie croniche intestinali, le gastroenteriti acute infettive. Queste condizioni determinano un'aumentata espressione di citochine pro-infiammatorie (proteine che svolgono un ruolo importante nella difesa immunitaria), un'alterazione dell’habitat intestinale e una sostanziale modifica della flora intestinale, con conseguente diarrea. [19]

Anche se si prendono farmaci immunosoppressori nelle patologie autoimmuni, o di chemioterapici nei tumori, può essere causa una debilitazione immunologica e un'alterazione della permeabilità a livello intestinale, ovvero una modifica a livello della tenuta della membrana delle cellule che tappezzano la parete del tubo digerente, con conseguente diarrea, che è alla base dello squilibrio del microbiota intestinale. [20]

Il rischio di una disbiosi intestinale marcata e cronica è alto anche nei pazienti che si sottopongono ad operazioni gastro-intestinali, ospedalizzati, in terapia con antibiotici e altri farmaci, a digiuno o sottoposti a diete non equilibrate, alle prese con le problematiche post-intervento come la dismotilità (nelle resezioni intestinali) o l’ipocloridia (nelle gastrectomie parziali e totali in cui la funzione sterilizzatrice dello stomaco, a carico del succo gastrico, viene meno).[21]

Malattie associate[modifica | modifica wikitesto]

Le interruzioni nel microbioma possono consentire ai fattori esterni o addirittura ai fattori patogeni del microbioma di prendere piede nell'intestino. È stato riportato che la disbiosi è associata a malattie, come la malattia parodontale, [22] malattia infiammatoria dell'intestino, [23] [24] sindrome da stanchezza cronica, [25] obesità, [26] [27] cancro, [28] [29] vaginosi batterica, [30] e colite. [31]

Trattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Probiotici[modifica | modifica wikitesto]

Per contrastare il determinarsi della disbiosi, è necessario ripristinare in tempi rapidi il corretto equilibrio della flora batterica intestinale. A questo proposito, può rivelarsi utile l’assunzione di probiotici. [32]

L'Organizzazione Mondiale della Sanità definisce probiotici come "microrganismi vivi che, somministrati in quantità adeguate, conferiscono un beneficio per la salute dell'ospite". Inoltre, come affermato dal Ministero della Salute, la quantità minima sufficiente per ottenere una temporanea colonizzazione dell’intestino da parte di un ceppo di fermento lattico è di almeno 1 miliardo di cellule vive per ceppo e per giorno.[33] Si tratta di batteri buoni che, dopo essere assunti, sopravvivono nell'organismo per raggiungere la mucosa intestinale e quindi colonizzarla, diventando parte integrante del microbiota. I più utilizzati appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium. Questi sono diversi dai semplici fermenti lattici, batteri che si limitano a fermentare e digerire il lattosio ma non rimangono vivi all'interno dell'organismo. [34] Il vantaggio dell'utilizzo dei probiotici per il trattamento delle malattie correlate alla disbiosi risiede nella loro capacità di trattare la causa sottostante di tali malattie. Alcuni benefici includono la loro capacità di sopprimere l'infiammazione nel microbiota [35] [36] e interrompere la colonizzazione da parte di agenti patogeni. [37]

Antibiotici[modifica | modifica wikitesto]

A causa delle complesse interazioni nel microbioma, non esistono molti dati sull'efficacia dell'uso di antibiotici per il trattamento della disbiosi. Tuttavia un antibiotico ad ampio spettro che ha un basso impatto sul microbioma intestinale chiamato rifaximina, ha dimostrato di essere efficace nel migliorare alcuni dei disturbi associati con disbiosi, tra cui la sindrome dell'intestino irritabile, [38] colite ulcerosa [39] e il morbo di Crohn. [40]

Trapianto di microbiota fecale (FMT)[modifica | modifica wikitesto]

Gli FMT usano la stessa linea di ragionamento dei probiotici; per ricreare un sano equilibrio di microbiota nel microbioma inserendo microbi benefici nell'ambiente. FMT realizza questo facendo una donazione di materiale fecale da un individuo sano, diluito, teso e presentato a un paziente malato. [41] Gli FMT sono attualmente usati per trattare pazienti con infezioni da Clostridium difficile che si sono dimostrati resistenti ad altre terapie. [42] Poiché il processo non è sterile e le contaminazioni possono passare dal donatore al paziente, c'è una spinta per isolare il microbiota chiave e coltivarlo in modo indipendente. [43]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CP Tamboli, C Neut, P Desreumaux e JF Colombel, Dysbiosis in inflammatory bowel disease, in Gut, vol. 53, nº 1, 2004, pp. 1–4, DOI:10.1136/gut.53.1.1, PMC 1773911, PMID 14684564.
  2. ^ P. Seksik, Gut microbiota and IBD, in Gastroentérologie Clinique et Biologique, vol. 34, Suppl 1, 2010, pp. S44–51, DOI:10.1016/S0399-8320(10)70020-8, PMID 20889004.
  3. ^ Philippe Marteau, Bacterial Flora in Inflammatory Bowel Disease, in Digestive Diseases, vol. 27, 2009, pp. 99–103, DOI:10.1159/000268128, PMID 20203504.
  4. ^ P. Lepage, Leclerc, M. C., Joossens, M., Mondot, S., Blottiere, H. M., Raes, J., Ehrlich, D. e Dore, J., A metagenomic insight into our gut's microbiome, in Gut, vol. 62, nº 1, 23 aprile 2012, pp. 146–58, DOI:10.1136/gutjnl-2011-301805, PMID 22525886.
  5. ^ Shaheen E Lakhan e Annette Kirchgessner, Gut inflammation in chronic fatigue syndrome, in Nutrition & Metabolism, vol. 7, 2010, pp. 79, DOI:10.1186/1743-7075-7-79, PMC 2964729, PMID 20939923.
  6. ^ Peter J Turnbaugh, Ruth E Ley, Michael A Mahowald, Vincent Magrini, Elaine R Mardis e Jeffrey I Gordon, An obesity-associated gut microbiome with increased capacity for energy harvest, in Nature, vol. 444, nº 7122, 21 dicembre 2006, pp. 1027–1031, DOI:10.1038/nature05414, ISSN 1476-4687 (WC · ACNP), PMID 17183312.
  7. ^ Peter J. Turnbaugh, Micah Hamady, Tanya Yatsunenko, Brandi L. Cantarel, Alexis Duncan, Ruth E. Ley, Mitchell L. Sogin, William J. Jones, Bruce A. Roe, Jason P. Affourtit, Michael Egholm, Bernard Henrissat, Andrew C. Heath, Rob Knight, Jeffrey I. Gordon, A core gut microbiome in obese and lean twins, in Nature, vol. 457, nº 7228, 22 gennaio 2009, pp. 480–484, DOI:10.1038/nature07540, ISSN 0028-0836 (WC · ACNP), PMC 2677729, PMID 19043404. URL consultato il 25 marzo 2014.
  8. ^ Mauro Castellarin, René L Warren, J Douglas Freeman, Lisa Dreolini, Martin Krzywinski, Jaclyn Strauss, Rebecca Barnes, Peter Watson, Emma Allen-Vercoe, Richard A Moore, Robert A Holt, Fusobacterium nucleatum infection is prevalent in human colorectal carcinoma, in Genome Research, vol. 22, nº 2, 2012-02, pp. 299–306, DOI:10.1101/gr.126516.111, ISSN 1549-5469 (WC · ACNP), PMC 3266037, PMID 22009989.
  9. ^ Aleksandar D Kostic, Dirk Gevers, Chandra Sekhar Pedamallu, Monia Michaud, Fujiko Duke, Ashlee M Earl, Akinyemi I Ojesina, Joonil Jung, Adam J Bass, Josep Tabernero, José Baselga, Chen Liu, Ramesh A Shivdasani, Shuji Ogino, Bruce W Birren, Curtis Huttenhower, Wendy S Garrett, Matthew Meyerson, Genomic analysis identifies association of Fusobacterium with colorectal carcinoma, in Genome Research, vol. 22, nº 2, 2012-02, pp. 292–298, DOI:10.1101/gr.126573.111, ISSN 1549-5469 (WC · ACNP), PMC 3266036, PMID 22009990.
  10. ^ Sarkis K Mazmanian, Capsular polysaccharides of symbiotic bacteria modulate immune responses during experimental colitis, in Journal of pediatric gastroenterology and nutrition, 46 Suppl 1, 2008-04, pp. –11–12, DOI:10.1097/01.mpg.0000313824.70971.a7, ISSN 1536-4801 (WC · ACNP), PMID 18354314.
  11. ^ Andrew L. Kau, Ahern, Philip P., Griffin, Nicholas W., Goodman, Andrew L. e Gordon, Jeffrey I., Human nutrition, the gut microbiome and the immune system, in Nature, vol. 474, nº 7351, 15 giugno 2011, pp. 327–336, DOI:10.1038/nature10213, PMC 3298082, PMID 21677749.
  12. ^ Caiyun Xuan, Jaime M. Shamonki, Alice Chung, Maggie L. DiNome, Maureen Chung, Peter A. Sieling e Delphine J. Lee, Microbial Dysbiosis Is Associated with Human Breast Cancer, in PLoS ONE, vol. 9, nº 1, 8 gennaio 2014, DOI:10.1371/journal.pone.0083744, ISSN 1932-6203 (WC · ACNP), PMC 3885448, PMID 24421902. URL consultato il 24 marzo 2014.
  13. ^ Imbalance in microbial population found in Crohn’s patients | Harvard Gazette
  14. ^ Jason A. Hawrelak e Stephen P. Myers, The causes of intestinal dysbiosis: a review (PDF), in Alternative medicine review, vol. 9, nº 2, 2004, pp. 180–97, PMID 15253677 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2011).
  15. ^ Arthur W. Yan, Derrick E. Fouts, Johannes Brandl, Peter Stärkel, Manolito Torralba, Eckart Schott, Hide Tsukamoto, Karen E. Nelson, David A. Brenner e Bernd Schnabl, Enteric dysbiosis associated with a mouse model of alcoholic liver disease, in Hepatology, vol. 53, nº 1, 2011, pp. 96–105, DOI:10.1002/hep.24018, PMC 3059122, PMID 21254165.
  16. ^ Ece Mutlu, Ali Keshavarzian, Phillip Engen, Christopher B. Forsyth, Masoumeh Sikaroodi e Patrick Gillevet, Intestinal Dysbiosis: A Possible Mechanism of Alcohol-Induced Endotoxemia and Alcoholic Steatohepatitis in Rats, in Alcoholism: Clinical and Experimental Research, vol. 33, nº 10, 2009, pp. 1836–46, DOI:10.1111/j.1530-0277.2009.01022.x.
  17. ^ Yee Kwan Chan, Mehrbod Estaki e Deanna L. Gibson, Clinical consequences of diet-induced dysbiosis, in Ann. Nutr. Metab., vol. 63, suppl2, 2013, pp. 28–40, DOI:10.1159/000354902, PMID 24217034.
  18. ^ G Falony, d Vandeputte e et al, The human microbiome in health and disease: hype or hope., in Acta Clin Belg., nº 27, 2019.
  19. ^ M. Levy, AA Kolodziejczyk, CA Thaiss e E Elinav, Dysbiosis and the immune system, in Nat Rev Immunol, nº 17, 2017, pp. 219-232.
  20. ^ M. Levy, AA. Kolodziejczyk, CA. Thaiss e E. Elinav, Dysbiosis and the immune system, Nat Rev Immunol, nº 17, 2017, pp. 219-232.
  21. ^ P Wang e et al., Rates of infection after coloscopy and esophagogastroduodenoscopy in ambulatory surgery centres in the USA, in Gut, 2018.
  22. ^ Nath SG, Raveendran R, Disbiosi microbica nella parodontite, in Journal of Indian Society of Periodontology, vol. 17, nº 4, luglio 2013, pp. 543-5, DOI:10.4103 / 0972-124X.118334, PMC 3800425, PMID 24174742.
  23. ^ Marteau P, / 000268128 Bacterial flora in inflammatory bowel disease, in Digestive Diseases, 27 Suppl 1, 2009, pp. 99-103, DOI:10.1159 / 000268128, PMID 20203504.
  24. ^ Lepage P, Leclerc MC, Joossens M, Mondot S, Blottière HM, Raes J, Ehrlich D, Doré J, / gutjnl-2011-301805 A metagenomic insight into our gut's microbiome, in Gut, vol. 62, nº 1, gennaio 2013, pp. 146-58, DOI:10.1136 / gutjnl-2011-301805, PMID 22525886.
  25. ^ Lakhan SE, Kirchgessner A, Gut inflammation in chronic fatigue syndrome, in Nutrizione e metabolismo, vol. 7, ottobre 2010, p. 79, DOI:10.1186 / 1743-7075-7-79, PMC 2964729, PMID 20939923.
  26. ^ Turnbaugh PJ, Ley RE, Mahowald MA, Magrini V, Mardis ER, Gordon JI, / nature05414 An obesity-associated gut microbiome with increased capacity for energy harvest, in Nature, vol. 444, nº 7122, dicembre 2006, pp. 1027-31, DOI:10.1038 / nature05414, PMID 17183312.
  27. ^ Turnbaugh PJ, Hamady M, Yatsunenko T, Cantarel BL, Duncan A, Ley RE, Sogin ML, Jones WJ, Roe BA, Affourtit JP, Egholm M, Henrissat B, Heath AC, Knight R, Gordon JI, A core gut microbiome in obese and lean twins, in Nature, vol. 457, nº 7228, gennaio 2009, pp. 480-4, DOI:10.1038 / nature07540, PMC 2677729, PMID 19043404.
  28. ^ Castellarin M, Warren RL, Freeman JD, Dreolini L, Krzywinski M, Strauss J, Barnes R, Watson P, Allen-Vercoe E, Moore RA, Holt RA, Fusobacterium nucleatum infection is prevalent in human colorectal carcinoma, in Genome Research, vol. 22, nº 2, febbraio 2012, pp. 299-306, DOI:10.1101 / gr.126516.111, PMC 3266037, PMID 22009989.
  29. ^ Kostic AD, Gevers D, Pedamallu CS, Michaud M, Duke F, Earl AM, Ojesina AI, Jung J, Bass AJ, Tabernero J, Baselga J, Liu C, Shivdasani RA, Ogino S, Birren BW, Huttenhower C, Garrett WS, Meyerson M, Genomic analysis identifies association of Fusobacterium with colorectal carcinoma, in Genome Research, vol. 22, nº 2, febbraio 2012, pp. 292-8, DOI:10.1101 / gr.126573.111, PMC 3266036, PMID 22009990.
  30. ^ Africa CW, Nel J, Stemmet M, Anaerobes and bacterial vaginosis in pregnancy: virulence factors contributing to vaginal colonisation, in International Journal of Environmental Research and Public Health, vol. 11, nº 7, luglio 2014, pp. 6979-7000, DOI:10.3390 / ijerph110706979, PMC 4113856, PMID 25014248.
  31. ^ Mazmanian SK, / 01.mpg.0000313824.70971.a7 Capsular polysaccharides of symbiotic bacteria modulate immune responses during experimental colitis, in Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition, 46 Suppl 1, aprile 2008, pp. E11-2, DOI:10.1097 / 01.mpg.0000313824.70971.a7, PMID 18354314.
  32. ^ EFSA Journal 2009
  33. ^ Ministero della Salute, Commissione unica per la nutrizione e dietistica, "Guidelines in provincia and prebiotici" http://www.salute.gov.it/C_17_pubblicazioni_1016_allegato.pdf
  34. ^ I. Presti, G. D'Orazio, M. Labra e et al., Evaluation of the probiotic properties of new Lactobacillus and Bifidobacterium strains and their in vitro effect, in Appl Microbiol Biotechnol, 99(13), 2015, pp. 5613-26.
  35. ^ Drakes M, Blanchard T, Czinn S, Bacterial probiotic modulation of dendritic cells, in Infection and Immunity, vol. 72, nº 6, giugno 2004, pp. 3299-309, DOI:10.1128 / IAI.72.6.3299-3309.2004, PMC 415669, PMID 15155633.
  36. ^ Kim SO, Sheikh HI, Ha SD, Martins A, Reid G, / j.1462-5822.2006.00763.x G-CSF-mediated inhibition of JNK is a key mechanism for Lactobacillus rhamnosus-induced suppression of TNF production in macrophages, in Cellular Microbiology, vol. 8, nº 12, dicembre 2006, pp. 1958-71, DOI:10.1111 / j.1462-5822.2006.00763.x, PMID 16889627.
  37. ^ Kendall MM, Sperandio V, / MOG.0b013e3280118289 Quorum sensing by enteric pathogens, in Current Opinion in Gastroenterology, vol. 23, nº 1, gennaio 2007, pp. 10-5, DOI:10.1097 / MOG.0b013e3280118289, PMID 17133078.
  38. ^ Sharara AI, Aoun E, Abdul-Baki H, Mounzer R, Sidani S, Elhajj I, / j.1572-0241.2006.00458.x A randomized double-blind placebo-controlled trial of rifaximin in patients with abdominal bloating and flatulence, in The American Journal of Gastroenterology, vol. 101, nº 2, febbraio 2006, pp. 326-33, DOI:10.1111 / j.1572-0241.2006.00458.x, PMID 16454838.
  39. ^ Guslandi M, Petrone MC, Testoni PA, Rifaximin for active ulcerative colitis, in Malattie infiammatorie dell'intestino, vol. 12, nº 4, aprile 2006, p. 335, DOI:10,1097 / 01.MIB.0000215092.85116.6c, PMID 16633057.
  40. ^ Shafran I, Johnson LK, / 030079905X53252 An open-label evaluation of rifaximin in the treatment of active Crohn's disease, vol. 21, agosto 2005, pp. 1165-9, DOI:10.1185 / 030079905X53252, PMID 16083525.
  41. ^ What is FMT? – The Fecal Transplant Foundation, su thefecaltransplantfoundation.org, 27 giugno 2018.
  42. ^ Smith MB, Kelly C, Alm EJ, / 506290a Policy: How to regulate faecal transplants, in Nature, vol. 506, nº 7488, febbraio 2014, pp. 290-1, DOI:10.1038 / 506290a, PMID 24558658.
  43. ^ (EN) Dupont HL, / j.cgh.2013.03.016 Diagnosis and management of Clostridium difficile infection, in Clinical Gastroenterology and Hepatology, vol. 11, nº 10, ottobre 2013, pp. 1216-23; quiz e73, DOI:10.1016 / j.cgh.2013.03.016, PMID 23542332.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]