Diplecogaster bimaculata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Succiascoglio maculato
Diplecogaster bimaculata (dorsal).jpg

Diplecogaster bimaculata (Stefano Guerrieri).jpg

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Gobiesocoidei
Famiglia Gobiesocidae
Genere Diplecogaster
Specie D.bimaculata
Nomenclatura binomiale
Diplecogaster bimaculata
Bonnaterre, 1788

Il Succiascoglio maculato (Diplecogaster bimaculata) è un pesce di mare della famiglia Gobiesocidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È diffuso nel mar Mediterraneo occidentale, nel mar Nero (raro) e nell'Oceano Atlantico a nord fino alla Norvegia.
Vive su fondi detritici o ciottolosi, a profondità maggiori che le altre specie della famiglia, da 10 a 100 metri. È stato però rinvenuto anche su fondi scogliosi e nelle praterie di Posidonia oceanica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Corpo cilindrico, con testa appiattita. La pinna dorsale è uniforme o trasparente, più lunga della pinna anale ed inserita anteriormente a questa.
La colorazione è bruna o rossastra con punti blu. Il maschio ha un ocello nero bordato di bianco sul fianco.
Pare possa raggiungere i 6 cm.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Si riproduce in primavera, le uova vengono deposte all'interno di conchiglie vuote e sono sorvegliate dal maschio.

Nota tassonomica[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due sottospecie di questo pesce, D. bimaculata bimaculata atlanto mediterranea e D. bimaculata euxinca del mar Nero e di alcuni settori del Mediterraneo. Dato che in alcune aree si trovano in simpatria è probabile che siano due specie diverse. Si possono distinguere dalla livrea, dalla lunghezza delmuso e dal numero di raggi nella pinna caudale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X
  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci