Diane Birch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Diane Birch
Diane Birch in NYC by Stephanie F. Black.jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereSoul
Blues
Pop
Periodo di attività musicale2005 – in attività
Strumentovoce, pianoforte, tastiera, chitarra, violino
Album pubblicati2
Sito ufficiale

Diane Birch (24 gennaio 1983) è una cantautrice e musicista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nata nel Michigan, ma ha vissuto con la famiglia in Zimbabwe, Sudafrica e Australia dal momento che suo padre aveva un lavoro che lo portava in diverse nazioni. All'età di dieci anni si è stabilizzata con la famiglia a Portland, in Oregon dove ha frequentato la Portland Adventist Academy e dove ha iniziato a studiare il pianoforte.[1] Decide poi di trasferirsi a Los Angeles, per comporre colonne sonore. Durante una sua esibizione al Polo Lounge di Beverly Hills nel 2006, viene notata da Prince, che la invita a provare una session nel suo studio di Londra. Qui Diane inizia a comporre e a scrivere la maggior parte dei pezzi che entreranno nel suo album di debutto. Nel 2007 ritorna negli Stati Uniti, a New York e firma con l'etichetta S-Curve Records di Steve Greenberg.

Il 19 maggio 2009 viene pubblicato l'album di debutto intitolato Bible Belt, anticipato dal singolo Nothing But a Miracle. Fa diverse apparizioni televisive (tra le quali quelle al David Letterman Show e al The Tonight Show) e radiofoniche per tutto il 2009. Il suo brano Valentino viene inserito nel film Appuntamento con l'amore (2010).

Nel 2010 apre i concerti di Stevie Wonder in Inghilterra, Francia e Giappone.[2] Nel mese di settembre pubblica il singolo Gee Whiz It's Christmas nelle piattaforme digitali. Inoltre è coautrice del brano Too Soon to End di Alain Clark. Il 7 dicembre 2010 pubblica un EP intitolato The Velveteen Age.

Nel 2013 collabora con il rapper inglese Devlin nella canzone Rewind, che è un rifacimento dell'omonimo pezzo di Diane Birch presente in Bible Belt.

Il 15 ottobre 2013 pubblica il suo secondo album Speak a Little Louder.[3]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 - The Velveteen Age - con la The Phenomenal Hand Clap Band (S-Curve Records)
  • 2016 - Nous (Self-produced, released on bandcamp - Label: Hymnpatia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120540124 · ISNI (EN0000 0000 7854 9918 · Europeana agent/base/116891 · LCCN (ENno2010059858 · GND (DE120403401X · BNF (FRcb16203240v (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2010059858