Deliveroo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Deliveroo Ltd.
StatoRegno Unito Regno Unito
Forma societariasocietà privata
Fondazione2013
Fondata daWill Shu
Sede principaleLondra
Persone chiaveWill Shu (CEO)
Greg Orlowski
Dan Winn (CTO)
Rohan Pradhan (COO)
Settorecommercio elettronico
Prodottifood delivery
Fatturato476000000 £ (2018)
Sito webdeliveroo.co.uk

Deliveroo Ltd. è una compagnia di consegna di cibo in rete fondata nel 2013 da Will Shu.[1] Con sede a Londra, in Inghilterra, opera in più di 500 città[2] in Regno Unito, Olanda, Francia, Belgio, Irlanda, Spagna, Italia, Australia, Singapore, Emirati Arabi Uniti, Kuwait, e Hong Kong. Un'azienda sussidiaria, Deliveroo Editions, si concentra sullo sviluppo di una rete di cucine fantasma (cucine che preparano cibi esclusivamente da consegnare a casa).[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La società Deliveroo, con sede a Londra, è stata fondata nel 2013 da Will Shu.[1] La società guadagna addebitando una commissione ai ristoranti e addebitando ai clienti una commissione per ordine.[4] Opera in cinquecento città[5] in Regno Unito, Olanda, Francia, Germania, Belgio, Irlanda, Spagna, Italia, Australia, Singapore, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Hong Kong.

Gli ordini vengono effettuati tramite l'applicazione o tramite il sito e successivamente i rider (fattorini) trasportano il cibo dal ristorante fino all'indirizzo indicato dal cliente.

Nel novembre 2017 Deliveroo ha introdotto Deliveroo Plus, un servizio di abbonamento che offre ai clienti nel Regno Unito consegna gratuita illimitata.[6]

Nel Regno Unito, oltre che con migliaia di ristoranti indipendenti, Deliveroo lavora con alcuni delle più grandi catene della ristorazione presenti nel paese.[7][8] Il 16 novembre 2016, la società produttrice di birra Heineken International concluse un accordo con Deliveroo per la consegna di birre.[9][10]

Nel gennaio 2017, Deliveroo annunciò l'intenzione di creare 300 posti di lavoro in ambito tecnologico nel Regno Unito in vista dell'apertura della nuova sede di Londra alla fine dello stesso anno. Sempre a gennaio 2017, la società di origine britannica aveva oltre 1000 dipendenti a tempo pieno.[11]

Le cucine Deliveroo Editions vennero lanciate ad aprile 2017. Queste cucine, di sola consegna a domicilio, a volte conosciute come ristoranti fantasma, consentono ai ristoranti di raggiungere i clienti in località più lontane dal ristorante, aprendo solo una cucina distaccata senza dover sostenere i costi di gestione di un secondo ristorante. Deliveroo utilizza i suoi dati per identificare le aree in cui la domanda dei clienti per determinate cucine è elevata e prevedere quali ristoranti avranno probabilmente successo lì.[12][13]

A metà giugno 2016, i fondatori di Deliveroo, Will Shu e Greg Orlowski hanno ricevuto un premio per i "Best Startup Founders" nell'ambito di "The Europas Startup Conference and Awards", assegnati a società tecnologiche. La società ha anche vinto il premio "Fastest Rising Startup of the Year" e il premio "Europas Grand Prix".[14]

Deliveroo ha registrato una perdita di 1,4 milioni di sterline per l'anno 2015. A metà novembre 2016, la società ha registrato una perdita di 18,1 milioni di sterline. Nel settembre 2017 Deliveroo ha confermato una crescita dei ricavi globali del 611% avvenuta nell'anno precedente, con un fatturato di 128,6 milioni di £, mentre "le perdite sono salite da 30,1 milioni a 129,1 milioni di sterline".[15][16][17]

Nel 2018 in Italia, Deliveroo ha contribuito a generare un indotto per l'economia italiana pari a 86 milioni di euro, contribuendo alla creazione di più di 1 700 posti di lavoro.[18]

Ciclofattorino Deliveroo nel Regno Unito

Deliveroo fornisce il servizio di consegna, nonché la commercializzazione e la presa degli ordini, consentendo di effettuare ordini da asporto ai ristoranti che normalmente non offrono un servizio di consegna a domicilio.

Finanziamenti[modifica | modifica wikitesto]

Deliveroo ha raccolto a oggi un totale di 1,5 miliardi di dollari[19] da svariati fondi di investimento in 8 round.

L’ultimo round di investimento è stato guidato da Amazon che a oggi detiene il 11,5%[20] di Deliveroo[21].

Quotazione in Borsa[modifica | modifica wikitesto]

Deliveroo si è quotata in borsa alla London Stock Exchange il 31 marzo 2021.[22]

Nonostante si trattasse della più grande operazione di collocazione sulla borsa inglese, le azioni di Deliveroo sono crollate del 31% pochi minuti dopo l'apertura della contrattazioni.[23]

Il titolo ha recuperato parte del suo valore grazie alla pubblicazione dei dati finanziari della prima metà dell'anno 2021, che hanno dimostrato la solidità del business anche dopo la pandemia Covid-19.[24]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia Deliveroo è attiva dal 1º novembre 2015[25], data in cui ha effettuato il suo primo ordine a Milano.

L'azienda, guidata in Italia dalla fondazione da Matteo Sarzana[26], è oggi attiva in più di 200 città italiane[27] e collabora con più di 12 000 ristoranti sul territorio, da grandi catene come McDonald's[28], Starbucks[29] e Burger King a ristoranti indipendenti.

Da novembre 2019, Deliveroo è inoltre sponsor della nazionale italiana di calcio.[30]

Assodelivery[modifica | modifica wikitesto]

Deliveroo fa parte dell'associazione di categoria Assodelivery[31], all'atto della fondazione, ne facevano parte anche le più grandi altre società operanti nel settore del food delivery: Glovo, Just Eat, Uber Eats e SocialFood.

Il 16 settembre 2020, Assodelivery ha firmato con UGL il primo contratto nazionale per i lavoratori autonomi, offrendo per la prima volta a lavoratori non dipendenti garanzie e tutele quali: paga minima base, assicurazione INAIL, assicurazione per danni contro terzi, indennità per maltempo e incentivi legati alle consegne.[32]

Il contratto ha sollevato diverse critiche[33] a seguito delle quali nel settembre 2020 Just Eat ha annunciato la sua uscita da Assodelivery, per poter firmare con CGIL, CISL e UIL, un contratto di lavoro subordinato per i propri rider, coerente con il contratto nazionale della logistica.[34]

Le altre aziende, continuano ad utilizzare il contratto nazionale firmato con UGL, che garantisce ai rider autonomi tutele e garanzie.[35]

Assodelivery rappresenta ad oggi più del 70% del fatturato generato in Italia dalle aziende di online food delivery e ha lo scopo di rappresentare il settore nei confronti degli organi istituzionali.

Presidente di Assodelivery è Matteo Sarzana[36].

Abbandono del mercato tedesco[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 agosto 2019, Deliveroo ha comunicato ai clienti tedeschi la decisione aziendale di lasciare il mercato tedesco, dichiarando che tutti i servizi si sarebbero fermati dal 16 agosto.[37] Il messaggio indicava l'incapacità dell'azienda di fornire una sufficiente qualità del servizio e che Deliveroo si sarebbe concentrata su altri mercati. Ciò avvenne pochi giorni dopo l'acquisizione della startup scozzese Cultivate e tre mesi dopo aver raccolto 450 milioni di sterline in una partita di finanziamento guidata da Amazon.[38]

Abbandono del mercato spagnolo[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 Luglio 2021, Deliveroo ha annunciato la volontà di uscire dal mercato spagnolo[39] a seguito dell'approvazione di una legge, molto contestata, che impone l'obbligo di assuzione come lavoratori dipendenti dei rider.[40]

Dipendenti[modifica | modifica wikitesto]

Un articolo di stampa riportava che all'inizio di agosto 2016, Deliveroo aveva circa 800 dipendenti,[41] mentre un altro articolo della stessa data riportava che c'erano 6 500 ciclisti impiegati dall'azienda.[42] L'8 settembre 2016, il Financial Times ha riferito che 20 000 fattorini autonomi lavoravano per Deliveroo.[43] A novembre 2016, una fonte ha affermato che oltre 13 000 persone lavoravano per Deliveroo. Nel settembre 2017 Deliveroo ha confermato che l'azienda lavora con 30 000 ciclisti in tutto il mondo.[17]

Nel 2019, Deliveroo contava più di 2 500 dipendenti e più di 60 000 rider attivi in tutto il mondo.[44]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

L'avvocato australiano Josh Bornstein ha esaminato i contratti di lavoro di Deliveroo e del suo concorrente Foodora alla fine di marzo 2016 e ha descritto i contratti come "fasulli", progettati per pagare i lavoratori "al di sotto delle tariffe di aggiudicazione" e per "negare loro i profitti di base".[45]

L'avvocato ha annunciato di stare lavorando a una causa contro Deliveroo, nonché contro Foodora, società che sono state accusate di "aver pagato in modo insufficiente i fattorini e di non aver rispettato le condizioni minime di impiego". Tali accuse sono state confermate dal Young Workers Centre in Australia, che ha sostenuto che gli accordi contrattuali di tali società lasciavano i lavoratori senza le garanzie di un salario minimo, dell'assicurazione lavorativa e dei contributi previdenziali.[46] La campagna "Rights for Riders" mira a "migliorare la sicurezza, i salari, le condizioni e la sicurezza del lavoro per i ciclisti che consegnano cibo".[47]

Sono stati inoltre presentati reclami in merito alla mancata fornitura da parte dell'azienda di attrezzature per l'allenamento e di sicurezza (come luci e caschi) per i ciclisti a volte inesperti. È stato sostenuto che la necessità di dover effettuare in fretta le consegna potrebbe portare ad un comportamento ciclistico pericoloso da parte dei fattorini e che le loro biciclette dovrebbero essere sottoposte a controlli di sicurezza.[48][49]

Scioperi[modifica | modifica wikitesto]

I fattorini di Deliveroo a Londra hanno fatto uno sciopero di un giorno nell'agosto 2016 per protestare contro un nuovo piano di retribuzione che secondo loro avrebbe comportato un guadagno sostanzialmente inferiore al salario minimo[50][51], oltre che per la continua mancanza di retribuzione per malattia e infortunio.[52] La società ha successivamente abbandonato questi piani.[53]

Durante gli scioperi, come mezzo di protesta, i conducenti di Deliveroo di Londra hanno sollevato cartelli contenenti il neologismo "Slaveroo", un termine formato come una contrazione tra "schiavitù" (in inglese: slavery) e il nome dell'azienda. Il termine e il relativo hashtag sulle reti sociali sono stati adottati da diverse testate giornalistiche.[54][55][56][57]

Nel maggio 2017, i lavoratori di Deliveroo hanno protestato contro le condizioni di lavoro a Berlino, in Germania.[58] Nel gennaio 2018, i fattorini Deliveroo hanno scioperato in Belgio e nei Paesi Bassi.[59]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Deliveroo, Introduction to Deliveroo (PDF), su European Commission, 4 febbraio 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  2. ^ (EN) Sophie Sassard, UK's Deliveroo raises nearly $500 mln ahead of 200th city launch, su reuters.com, Reuters, 17 novembre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  3. ^ (EN) Paul Sawers, Food courier Deliveroo launches platform for restaurants to open delivery-only kitchens, su VentureBeat.com, 5 aprile 2017. URL consultato il 17 giugno 2019.
  4. ^ (EN) Parmy Olson, Here's How Deliveroo Built An Army Of 5,000 Drivers In Just 3 Years, Forbes, 17 febbraio 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  5. ^ (EN) Deliveroo Revenue and Usage Statistics (2020), su Business of Apps, 10 gennaio 2019. URL consultato il 13 luglio 2020.
  6. ^ (EN) Sam Shead, Deliveroo's £7.99 a month subscription service is now available across the UK, su uk.businessinsider.com, BusinessInsider, 8 novembre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  7. ^ (EN) Deliveroo Sitemap, su deliveroo.co.uk, Deliveroo. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  8. ^ (EN) Death of the Lunchbox?, su news.deliveroo.co.uk, Deliveroo, 24 aprile 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  9. ^ (EN) Jillian Ambrose, Heineken joins Deliveroo to create booze delivery brand, in The Telegraph, 16 novembre 2016. URL consultato il 18 novembre 2016.
  10. ^ (EN) Rachel Arthur, Deliveroo and Heineken partner to launch beer delivery brand, in Beverage Daily, 17 novembre 2016. URL consultato il 18 novembre 2016.
  11. ^ (EN) Deliveroo to add 300 UK tech jobs in new London office, in BBC News, 18 gennaio 2017. URL consultato il 18 gennaio 2017.
  12. ^ (EN) James Titcomb, Deliveroo opens 30 kitchens to meet surging takeaway demand, su telegraph.co.uk, Daily Telegraph, 5 aprile 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  13. ^ (EN) Madhumita Murgia, Deliveroo expands with standalone takeaway kitchens, su ft.com, Financial Times, 5 aprile 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  14. ^ (EN) Mike Butcher, The Europas Awards 2016 honored the best tech startups in Europe, su techcrunch.com, TechCrunch, 17 giugno 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  15. ^ (EN) Deliveroo boss doubled his pay ahead of riders' protest, in The Guardian, 11 novembre 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  16. ^ Fury as Deliveroo boss nearly doubles his pay while his workers fight for better wages, in This is MONEY, 11 novembre 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  17. ^ a b (EN) James Titcomb, Deliveroo revenues grow over 600pc but losses stack up, su telegraph.co.uk, Daily Telegraph, 21 settembre 2017. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  18. ^ Deliveroo, impatto complessivo di 86 milioni di euro sull'economia italiana, su www.teleborsa.it. URL consultato il 13 luglio 2020.
  19. ^ (EN) Round, su crunchbase.com.
  20. ^ (EN) Amazon to Sell Deliveroo Stake of Up to $148 Million in IPO, in Bloomberg.com, 23 marzo 2021. URL consultato il 12 settembre 2021.
  21. ^ (EN) UK’s CMA clears Amazon’s 16% Deliveroo stake, says COVID-19 impact less severe than initially thought, su TechCrunch. URL consultato il 13 luglio 2020.
  22. ^ (EN) How to buy and short Deliveroo shares, su IG. URL consultato il 12 settembre 2021.
  23. ^ (EN) Deliveroo Sinks 31% in Setback to London Effort to Lure IPOs, su BloombergQuint. URL consultato il 12 settembre 2021.
  24. ^ (EN) Results, reports and presentations, su Deliveroo plc (LSE: ROO). URL consultato il 12 settembre 2021.
  25. ^ La londinese Deliveroo è sempre più internazionale e meno startup, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 12 luglio 2020.
  26. ^ Deliveroo porta la spesa a casa. E la consegna dei pasti si concentra nel weekend, su Il Sole 24 ORE. URL consultato il 12 luglio 2020.
  27. ^ Redazione 2, Deliveroo: 15 nuove città raggiunte a febbraio, su Horecanews.it, 5 febbraio 2020. URL consultato il 12 luglio 2020.
  28. ^ Fase 2: Deliveroo, una consegna su cinque è in formato famiglia - Terra & Gusto, su ANSA.it, 5 maggio 2020. URL consultato il 12 luglio 2020.
  29. ^ Starbucks sarà consegnato a domicilio con Deliveroo | Dissapore, su dissapore.com, 5 luglio 2020. URL consultato il 12 luglio 2020.
  30. ^ FIGC, su www.figc.it. URL consultato il 12 luglio 2020.
  31. ^ AssoDelivery, cosa farà l'associazione fondata da Deliveroo, Glovo, Just Eat, Uber Eats e Social Food, su Startmag, 24 luglio 2018. URL consultato il 13 luglio 2020.
  32. ^ Assodelivery e Ugl firmano primo contratto rider in Europa, su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 12 settembre 2021.
  33. ^ Gionata Cavallini, Il Ccnl Rider Ugl-Assodelivery LUCI E OMBRE DI UN CONTRATTO CHE FA DISCUTERE, su consulentidellavoro.mi.it.
  34. ^ Dopo l'annuncio che assumerà i rider Just Eat esce da Assodelivery. E ammette: "Il ccnl firmato con Ugl prevede pagamento a cottimo", su Il Fatto Quotidiano, 11 novembre 2020. URL consultato il 12 settembre 2021.
  35. ^ Trasporti - RIDER (Ugl - Assodelivery) - RIDER (Ugl - Assodelivery) - ilCCNL.it, su ilccnl.it. URL consultato il 12 settembre 2021.
  36. ^ Chi siamo – AssoDelivery, su assodelivery.it. URL consultato il 13 luglio 2020.
  37. ^ (EN) Food delivery service Deliveroo pulls out of Germany. URL consultato il 13 agosto 2019.
  38. ^ (EN) Amazon takes bite of Deliveroo in £450m funding round, su uk.finance.yahoo.com. URL consultato il 12 agosto 2019.
  39. ^ (EN) Deliveroo could leave Spanish market ahead of on-demand labor reclassification, su TechCrunch. URL consultato il 12 settembre 2021.
  40. ^ (EN) Condé Nast, Spain had a plan to fix the gig economy. It didn’t work, in Wired UK. URL consultato il 12 settembre 2021.
  41. ^ (EN) Adam Satariano, Deliveroo Raises $275 Million to Escalate Food-Delivery Wars, su Bloomberg.com, 5 agosto 2016. URL consultato il 9 agosto 2016.
  42. ^ (EN) Sananda Sahoo, Food delivery service Deliveroo aims to expand in Dubai, su The National, 7 agosto 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  43. ^ (EN) Sarah O'Connor, When your boss is an algorithm, in The Financial Times, 8 settembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  44. ^ (EN) Shona Ghosh, How Deliveroo went from being the idea of a hungry banker to a $2 billion food delivery giant with backing from Amazon, su Business Insider. URL consultato il 20 luglio 2020.
  45. ^ (EN) Patrick Hatch, Deliveroo and foodora accused of using sham contracts for bicycle delivery riders, in The Sydney Morning Herald, 30 marzo 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  46. ^ (EN) Delivery services Foodora and Deliveroo face claims of exploitation, underpayment, in The Sydney Morning Herald, 29 luglio 2016. URL consultato il 3 novembre 2016.
  47. ^ (EN) Rights for Riders FAQs, su Young Workers Centre. URL consultato il 3 gennaio 2017.
  48. ^ (EN) Grace Marsh, Deliveroo cyclists are accused of causing mayhem ‘riding against the clock’, su The Sunday Times, 5 giugno 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  49. ^ (EN) Laura Laker, Deliveroo criticised for letting inexperienced riders loose without lights, su road.cc, 8 novembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2016.
  50. ^ (EN) Harry Readhead for Metro.co.uk, Deliveroo drivers are on strike all day today in row over pay, su metro.co.uk, 11 agosto 2016. URL consultato il 16 agosto 2016.
  51. ^ (EN) Deliveroo rider: 'After an accident or injury we are on our own', in The Guardian, 15 agosto 2016. URL consultato il 16 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2016).
  52. ^ (EN) Why the Deliveroo strike matters for the future of workers' rights, su ibtimes.co.uk, 12 agosto 2016. URL consultato il 16 agosto 2016.
  53. ^ (EN) Deliveroo has scrapped plans to force its ‘absurd’ new contract on staff, su independent.co.uk, 17 agosto 2016. URL consultato il 19 agosto 2016.
  54. ^ (EN) London Deliveroo drivers stage protest over 'slaveroo' changes in pay, in International Business Times, 11 agosto 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  55. ^ (EN) Jim Benfield, #Slaveroo, Industrial Action and Cooperativism: What Does the Future of the Digital Platform Economy Hold?, Novara Media, 27 ottobre 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  56. ^ (FR) Perinne Signoret, A Londres, les coursiers de Deliveroo déjà en grève, su Libération, 12 agosto 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  57. ^ (NL) Clara van de Wiel, Waarom het succes van de Deliveroo-staking een beetje hoop geeft, Vrij Nederland, 17 agosto 2016. URL consultato il 12 novembre 2016.
  58. ^ (EN) Foodora and Deliveroo couriers protest working conditions in Berlin, su thelocal.de, 18 maggio 2017. URL consultato il 1º marzo 2018.
  59. ^ (EN) Deliveroo riders go on strike in Belgium and Netherlands, su telegraph.co.uk, 20 gennaio 2018. URL consultato il 1º marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende