David Gemmell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

David Andrew Gemmell (Londra, 1º agosto 194828 luglio 2006) è stato uno scrittore britannico.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È considerato uno dei più autorevoli scrittori di fantasy britannici[1], conosciuto soprattutto per la Saga dei Drenai, composta da undici volumi, pubblicati dal 1984 (La leggenda dei Drenai) al 2004 (Le spade del giorno e della notte).

Ha pubblicato anche diverse altre saghe di minor ampiezza, come quella delle Sipstrassi (1987-1994), in cinque volumi, e dei Rigante (1998-2002), in quattro volumi, e vari romanzi autonomi.

Si è cimentato anche con romanzi storici di ambientazione classica, con il dittico Il leone di Macedonia (1990) e Il principe nero (1991) e soprattutto la trilogia sulla Guerra di Troia (2005-2007), della quale il secondo volume è stato pubblicato dopo la morte dell'autore e il terzo è stato completato dalla moglie Stella.

È morto il 28 luglio 2006, a due settimane da un'operazione chirurgica per l'impianto di un bypass.

Il fantasy gemmelliano differisce da quello classico poiché gli elementi fantastici, come magie e razze alternative, sì sono presenti, ma non sono approfonditi tanto da non essere largamente influenti nella narrativa. L'autore predilige lasciare spazio alla storia verosimile del mondo dei Drenai con le sue evoluzioni politiche e diplomatiche che costituiscono la base su cui poi si sviluppano le singole storie dei personaggi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo dei Drenai[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo delle Sipstrassi[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo delle Highland (Hawk Queen)[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo dei Rigante[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo Antica Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo di Troia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi autonomi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DAVID GEMMELL Author whose heroes battled with doubt and dotage in the fight for good, in The Times, 1 agosto 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN98815750 · ISNI (EN0000 0001 2144 9147 · LCCN (ENn92105356 · GND (DE120185385 · BNF (FRcb13548837r (data)