Daniela Aiuto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniela Aiuto

Eurodeputato
Legislature VIII
Circoscrizione Circoscrizione Italia meridionale
Incarichi parlamentari
VIII legislatura: membro della Commissione per i trasporti e il turismo; membro della Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere e membro sostituto della Commissione per l'occupazione e gli affari sociali.
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Italia in Comune

M5S (2014-2018)

Titolo di studio Laurea in architettura

Daniela Aiuto (Losanna, 14 dicembre 1975) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Daniela Aiuto nasce a Losanna in Svizzera nel 1975, ma si trasferisce presto in Abruzzo, a Vasto. Studia al liceo scientifico Mattioli di Vasto, nel 2002 si laurea con lode in architettura all'università D'Annunzio di Pescara,[1] vive a Vasto con la sua famiglia, è divorziata e madre di quattro bambini.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 si candida alle elezioni europee con il Movimento 5 Stelle[2] nella circoscrizione Italia meridionale ottenendo 35.829 voti e risultando eletta[3]. Diventa membro della commissione TRAN (Trasporti e turismo) e FEMM (Diritti della donna e parità di genere). Nell'ottobre del 2018, in seguito a diatribe interne, lascia il Movimento 5 Stelle[4] per approdare a Italia in Comune, movimento politico capitanato da Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, e si ricandida per le elezioni europee del 26 maggio 2019 con Italia in Comune, alleata per l'occasione con +Europa.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il Parlamento europeo ha aperto nel 2017 un'inchiesta nei suoi confronti per alcune ricerche finanziate coi fondi europei e che sarebbero risultate copiate da Wikipedia ed altri siti online.[5] La Aiuto si è dichiarata parte lesa e ha annunciato che intraprenderà vie legali nei confronti delle società a cui aveva commissionato le ricerche.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniela Aiuto, su europarl.europa.eu. URL consultato il 23 maggio 2019.
  2. ^ Polemiche in Abruzzo sulla candidata grillina che nessuno conosce, su ilgiornale.it, 22 aprile 2014. URL consultato il 23 maggio 2019.
  3. ^ Ministero dell'Interno, su elezioni.interno.it. URL consultato il 27 Giugno 2014.
  4. ^ Daniela Aiuto ha spiegato perché ha lasciato il M5S, su agi.it, 10 ottobre 2018. URL consultato il 23 maggio 2019.
  5. ^ Scandalo rimborsi alla Ue: così i partiti euroscettici hanno truffato Strasburgo, in Repubblica.it, 7 marzo 2017. URL consultato l'8 marzo 2018.
  6. ^ Ue: Aiuto (M5s), in vicenda rimborsi io parte lesa - Altre news - ANSA Europa, in ANSA.it, 7 marzo 2017. URL consultato l'8 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]