Dési Bouterse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dési Bouterse
President Bouterse.JPG
Dési Bouterse nel 2010

Presidente del Suriname
Durata mandato 12 agosto 2010 –
16 luglio 2020
Vice presidente Robert Ameerali
Ashwin Adhin
Predecessore Runaldo Ronald Venetiaan
Successore Chan Santokhi

Presidente del Consiglio Militare Nazionale
(leader de facto del Suriname)
Durata mandato 25 febbraio 1980 –
27 novembre 1987
Predecessore carica creata
Successore carica abolita

Presidente-pro tempore dell'Unione delle nazioni sudamericane
Durata mandato 30 agosto 2013 –
4 dicembre 2014
Predecessore Ollanta Humala
Successore José Mujica

Presidente del Partito Democratico Nazionale
In carica
Inizio mandato 4 luglio 1987
Predecessore carica istituita

Dati generali
Partito politico Partito Democratico Nazionale
Università Royal Military School
Dési Bouterse
Desi Bouterse.jpg
Bouterse in uniforme
NascitaDomburg, 13 ottobre 1945
Mortevivente
Dati militari
Paese servitoSuriname Suriname
Forza armataEsercito surinamese
GradoTenente colonnello
BattaglieGolpe dei sergenti
Altre carichepolitico
voci di militari presenti su Wikipedia

Desiré "Dési" Delano Bouterse (Domburg, 13 ottobre 1945) è un politico, militare e dittatore surinamese.

Come ufficiale dell'esercito era già stato dittatore de facto del Suriname fra il 1980 e il 1988. Nel 1999 è stato condannato in contumacia nei Paesi Bassi per traffico di cocaina; tuttavia oggi gode dell'immunità diplomatica in quanto Capo di Stato. Nel Suriname è in corso un processo a suo carico per l'uccisione di quindici oppositori politici, fatto avvenuto nel 1982; Bouterse, pur sostenendo di non avere preso lui la decisione, riconosce la propria responsabilità politica per quei fatti.

Il golpe militare, ampiamente sostenuto dalla popolazione, era ufficialmente finalizzato a combattere la corruzione e la disoccupazione (che allora interessava il 18% della popolazione attiva) e a ristabilire l'ordine negli affari pubblici. Tuttavia, "i piani politici erano vaghi, non c'erano state discussioni ideologiche in preparazione del colpo di Stato", osserva lo storico Rosemarijn Hoefte.[1]

Stabilì relazioni diplomatiche con l'Unione Sovietica, Cuba e la Corea del Nord, ma il suo regime non mostrò alcun orientamento comunista. I Paesi Bassi hanno sospeso gli aiuti allo sviluppo alla loro ex colonia, destabilizzando l'economia surinamese. Allo stesso tempo, il crollo del prezzo della bauxite, la principale esportazione del Suriname, ha aggravato la crisi economica. Il regime si trovò presto ad affrontare diverse rivolte, a volte guidate da una parte dell'esercito, a volte da civili. A partire dal 1983, in seguito all'invasione statunitense di Grenada, il Suriname si è avvicinato a Washington e ha espulso i diplomatici cubani, forse per paura di un'aggressione statunitense.[1]

È stato Presidente del Suriname dal 12 agosto 2010 al 16 luglio 2020. Durante la sua presidenza, Dési Bouterse ha introdotto l'assistenza sanitaria universale, la mensa scolastica gratuita, il salario minimo e il regime pensionistico nazionale.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Onorario della Stella Gialla - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Onorario della Stella Gialla
Gran Maestro dell'Ordine Onorario della Palma - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Onorario della Palma

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rosemarijn Hoefte, Suriname in the Long Twentieth Century: Domination, Contestation, Globalization, Palgrave MacMillan, 2014
  2. ^ https://www.economist.com/the-americas/2015/06/11/presidential-pardon

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21158349 · ISNI (EN0000 0000 2842 421X · LCCN (ENn86044993 · GND (DE1027212549 · WorldCat Identities (ENlccn-n86044993