Cucciolo e Beppe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cucciolo (fumetto))

Cucciolo e Beppe sono due personaggi immaginari dei fumetti ideati da Giuseppe Caregaro[1], proprietario delle Edizioni Alpe, e dal disegnatore Rino Anzi[2] nel 1940 insieme alla collaborazione di Federico Pedrocchi[3].[4][5] Erano animali antropomorfi chiaramente ispirati a Topolino e Pippo ma successivamente vennero ripresi da Giorgio Rebuffi che li revisionò profondamente[4] svincolandoli definitivamente dalle radici disneyane e ponendo le basi per una fortunata vita editoriale durata fino alla fine degli anni ottanta.[6] Vennero pubblicati su varie testate pubblicate dalle Edizioni Alpe dagli anni quaranta agli anni ottanta e la serie principale esordita nel 1952, Cucciolo, venne edita fino al 1989 per oltre 600 numeri.[6][7][8]

Cucciolo
Autori
  • Giuseppe Caregaro
  • Rino Anzi disegnatore
  • Giorgio Rebuffi rivisitazione del personaggio dal 1942
Editore Edizioni Alpe
1ª app. 1941
1ª app. in Gli Albi di Scimmiottino
Specie cane antropomorfo
Sesso Maschio
Beppe
Autori
  • Giuseppe Caregaro
  • Rino Anzi disegnatore
  • Giorgio Rebuffi rivisitazione del personaggio dal 1942
Editore Edizioni Alpe
1ª app. 1941
1ª app. in Gli Albi di Scimmiottino
Specie cane antropomorfo
Sesso Maschio

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Cucciolo
fumetto
Lingua orig. italiano
Paese Italia
Disegni Giorgio Rebuffi, Umberto Manfrin
Editore Edizioni Alpe
1ª edizione 1 gennaio 1953 – 1989
Albi 672 (completa)

Esordi e periodo anteguerra[modifica | modifica wikitesto]

I personaggi Cucciolo e Beppe esordiscono sulla collana Gli albi di Scimmiottino, edita dalle Edizioni Alpe, nel n°76 del 4 settembre 1941 con la storia "Cucciolo e la scure miracolosa", scritta da Federico Pedrocchi con lo pseudonimo di Antonio Carozzi e disegnate da Rino Anzi, alla quale seguiranno altre storie fino alla chiusura della testata nel dicembre 1941 sostituita dalla nuova testata Gli Albi della Fantasia[9], una collana contenitore pubblicata dal 1942 al 1943 e che alternava storie di Cucciolo di Federico Pedrocchi ad altri personaggi come Coriolano di Walter Faccini e riduzioni di fiabe classiche o romanzi epici.[10][11] I personaggi compaiono fin dal primo numero della serie (Cucciolo e la stellina spenta, 15 gennaio 1942)[12]. Per disposizione governative, le nuvolette e la divisione in vignette sono bandite dai periodici per ragazzi e pertanto la nuova collana si distingue dalla precedente per la presenza delle didascalie al posto dei fumetti. Nel n° 4 del 15 febbraio 1942, con la nona storia dei personaggi, "Cucciolo al concorso inventori" , essi subiscono una radicale trasformazione venendo realizzati con più come animali umanizzati, graficamente molto simili ai personaggi della Disney, Topolino e Pippo, ma come persone, mantenendone però le caratteristiche psicologiche e caratteriali e vagamente la fisionomia della precedente versione; cambia il vestiario che ora è malamente rattoppato, Beppe partecipa al concorso con un cavallo meccanico, confermandosi un geniale progettista (a dimostrare la continuità con il suo alter ego canino, cita il suo "Aeroterracqueo", che aveva dato titolo a uno dei racconti "animali"); i due sono affiancati da un terzo bambino, "Pino", gemello di Pinocchio ma senza naso che però subito scompare dalla scena. Nel racconto "Nella terra dei sosia" (n° 33, 1943) illustrato da Roberto Peroni[13], Cucciolo indossa un cappello floscio e, come Beppe, acquisisce il caratteristico ciuffo; i due cominciano gradualmente a invecchiare, trasformandosi da bambini in ragazzi di età imprecisata. Nel corso di quella storia, i due scoprono una tribù di uomini preistorici tutti uguali tra loro e con l'identico nome "Poldo", personaggi che ritornano in altri tre albi (nn° 35, 48 e 52). La collana - che come la precedente pubblica alternativamente varie serie - si interrompe con il n° 64 del 1943[10].

Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948 le storie dei personaggi ritornano in tre supplenti della collana I Grandi Racconti Illustrati nei quali vengono ristampate quasi tutte le storie in cui i due protagonisti sono ancora animali antropizzati. Il terzo supplemento "Il Natale di Cucciolo", pubblica un'avventura inedita, "Pranzo di fine anno", a firma - nell'ultima vignetta - di E. Raineri[14]. Almeno due delle avventure come animali antropizzati, "Cucciolo e l'aeroterracqueo di Beppe" e "Cucciolo e le superstizioni di Beppe", sono ridisegnate alla fine degli anni cinquanta con i protagonisti in forma umana con i titoli "L'aeroterracqueo" e "Beppe super superstizioso"; l'autore è probabilmente Raffaele Cormio.[15] Nell'aprile 1949 esordì una nuova testata, "Gaie Fantasie" che alterna la ristampa di materiale anteguerra a quello inedito e che successivamente sarà nota anche come Fantasie Allegre e Le Gaie Fantasie di Cucciolo, costituita da albi mensili di 48 pagine in grande formato.[16] All'inizio la serie ristampava racconti tratte dalle collane Gli Albi della Fantasia e Gli Albi di Scimmiottino, sia di Cucciolo che di altri personaggi come Coriolano, e nel 1952 inizia a pubblicare quasi esclusivamente materiale inedito e, salvo rare eccezioni, i personaggi mantengono l'aspetto di ragazzi dell'ultimo periodo de Gli Albi dell'Allegria; abbigliamento e certi particolari del volto variano a seconda del disegnatore ma Cucciolo è sempre caratterizzato dalla presenza del cappello floscio che porta fino al 1953. Alla realizzazione delle loro nuove avventure contribuiscono Rino Anzi, Lina Buffolente[17], Roberto Peroni, Egidio Gherlizza[18], Giuseppe Perego[19], Dario Guzzon[20]. Un altro illustratore anonimo realizzò una versione di Cucciolo in stile disneyano, con gli occhi a torta. Tra i copertinisti ricorrono il non meglio noto "Adry", autore anche del racconto "I due leoni", Franco Aloisi, Luciano Bottaro, Lina Buffolente, Carlo Gentina, Egidio Gherlizza, Dario Guzzon, Giuseppe Perego, E. Raineri[21].[16]

Anni cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1950 fece la sua apparizione i personaggi di Bombarda (Cucciolo contro Bombarda, n° 18), dei tre nipoti Tip, Top e Tap (Cucciolo e Tip, Top e Tap, n° 20, disegni di Roberto Peroni). Nell'episodio Caccia grossa (L'isola del tesoro e altre storie, n° 27, 1951) esordì come autore Giorgio Rebuffi mentre "Le istantanee di Beppe" (n° 12, 1952, testi di Carlo Chendi) è l'esordio di Luciano Bottaro[22] mentre con "Cucciolo e Beppe parrucchieri provetti" (n° 20, 1952) ebbe inizio la produzione di Umberto Manfrin[23]; "Negli abissi del Mar-Mellata" (n° 5, 1954, testo di Cesare Solini) e "Vacanze in Africa" (n° 13, 1954) sono rispettivamente la prima storia di Tiberio Colantuoni e di Franco Aloisi. Le trame erano inizialmente semplici e infantili e, per tutto il 1952, si alternarono con quelli più elaborati realizzati da Rebuffi spesso su testi di Roberto Renzi per la testata dedicata Cucciolo in formato libretto, in cui Cucciolo e Beppe erano rappresentati come adulti. Il punto di congiunzione tra le due versioni dei personaggi è l'albo "La banda del filo" (n°5, 1953) disegnato da Rebuffi, in cui compare anche Tiramolla. Le pubblicazioni continuarono fino al 1956, con 144 uscite divise in tre serie in tre diversi formati, numerate a partire da 1 a ogni annata e con numerosi supplementi tra cui nel 1953 "Cucciolo in 3D", il primo albo italiano a tre dimensioni, sull'onda del boom dei fumetti tridimensionali pubblicati negli Stati Uniti.[16]

La popolarità del personaggio fu sancita dall'uscita di un albo omonimo in formato "libretto", lo stesso adottato con grande successo nel 1949 dal Topolino della Mondadori.[4][24] L'editore Caregaro riteneva infatti di possedere una carta vincente per battersi con quella testata, e in effetti per alcuni anni Cucciolo costituì il principale concorrente della testata della Mondadori.[25]. La prima uscita in formato "libretto" fu l'albo "La strenna di Cucciolo", supplemento al n°29 di "Gaie Fantasie" del 15 agosto 1951 con il racconto Al fuoco! di Giorgio Rebuffi; il primo numero della serie di Cucciolo uscì il 1º gennaio 1952.[24] In questa testata, Rebuffi, che si autoritraeva nelle vesti del disegnatore "Mister Alt", reinventò la coppia di personaggi ora del tutto affrancati dai modelli grafici disneyani. Divenuti adulti, Cucciolo e Beppe entrarono a far parte della middle-class lavoratrice (anche se la loro occupazione non è chiara) muovendosi in un ambiente sempre più urbanizzato; quello che all'inizio era denominato "Il villaggio" diventa gradualmente una città poi battezzata per breve tempo "Cucciolopoli". Nell'avventura I"l 1º congresso", il personaggio di testata organizzò un grande incontro tra i protagonisti delle storie pubblicate in quel numero del mensile, Fox, Bingo Bongo e Coriolano; altre serie di contorno, molte delle quali già note ai lettori di Gaie Fantasie, apparvero nei numeri successivi.[26] Per mezzo di brevi raccordi Rebuffi collega le varie storie di ogni albo con un filo conduttore, nell'intento di creare un mondo unificato analogo all'universo Disney. L'autore realizzò numerosi altri racconti "metafumettistici", in cui veniva eliminata la cosiddetta "quarta parete" e i protagonisti della vicenda parlavano direttamente con il lettore o interagivano con la realtà del lettore, per esempio cancellando le armi dell'avversario con una gomma da disegno. Inventò inoltre nuovi e apprezzati personaggi come il cugino menagramo Giona (1954), l'imprendibile Fantasmak (1954), La Peppa (1956), il cosacco Ivan Ilià (1958), il "Luposki della steppa" Pugacioff (1959); attribuì un cognome a Beppe ("Dei Bepponi", nel racconto "Il certificato"[27]), e affinò le caratteristiche di personaggi già esistenti, come Bombarda, presentato nell'albo "Il Bar di Beppe" come un oste disonesto e manesco (Gaie Fantasie n° 16, 1952), divenne poi malfattore a tempo pieno, e infine, grazie a Rebuffi, un quasi-ex-furfante a sua volta vittima del Lupo Pugacioff.

Il più noto personaggio creato graficamente da Rebuffi è Tiramolla, ideato da Roberto Renzi[28], che fece la sua comparsa nel n° 8 (1952) in una storia Il mistero della villa; il successo del personaggio fu tale che il 16 luglio 1953 le edizioni Alpe gli dedicarono un albo che portava il suo nome con le stesse caratteristiche di "Cucciolo". Dal n 14 del 1962 Cucciolo pubblicò in copertina il marchio "Garanzia Morale", associazione di editori italiani che assicurava l'assenza di disegni e situazioni non adatte allo scopo di evitare una minacciata pre-censura governativa simile a quella cinematografica.

Anni sessanta e declino[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Caregaro diresse la casa editrice fino al 1963, anno della sua morte, che segnò l'inizio del declino delle Edizione Alpe. Gli autori come Bottaro e Rebuffi passarono a lavori più remunerativi e artisticamente più soddisfacenti e la produzione di nuove storie - realizzate da Gino Esposito ("Gino Scott"), Mario Moletti, Alberico Motta, Attilio Ortolani ("Attor"), Michele Seccia[29], Maria Luisa Uggetti e, soprattutto, Sante Villani, in arte Vilsa e Carlo Signoroni, in arte Willi's - non riuscì però a replicare il successo del periodo d'oro degli anni cinquanta e sessanta.

Fin dagli anni cinquanta Cucciolo comparve in un'infinita serie di ristampe, albi speciali, raccolte nei formati più disparati.[30] Alla fine, dopo effimeri tentativi di rinnovamento, Cucciolo e tutte le altre testate della Casa Editrice Alpe chiusero nel 1987 e i diritti delle storie e dei personaggi vennero ceduti alla casa editrice Vallardi che nel 1990 tentò un rilancio del personaggio nell'ambito del progetto della testata Tiramolla, un settimanale graficamente identico a Topolino pubblicizzato con un grande battage pubbliciatrio ma caratterizzato da storie di scarsa qualità. Nei primi mesi del 1993 ne venero interrotte le pubblicazioni; nell'ottobre dello stesso anno la casa editrice Comic Art provò a riproporla in albi mensili in bianco e nero, ma la collana chiuse dopo tre numeri.

Ristampe e fan fiction[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni novanta le storie di Cucciolo e Tiramolla sono oggetto di ristampe e recuperi filologici. In particolare le Edizioni Annexia hanno pubblicato fra il 2014 e il 2015 otto volumi dedicati ai due personaggi. Marco Pugacioff [31] è autore di alcuni racconti “fan fiction” interpretati da Cucciolo e Beppe; ha ristampato a bassa tiratura le primissime storie dei personaggi, comprese quelle in cui essi compaiono in versione animale e dando un perché alla trasformazione da cagnolini a bambini[32].

Elenco delle avventure degli anni quaranta[modifica | modifica wikitesto]

Gli Albi di Scimmiottino

76 (04/09/41) Cucciolo e la scure miracolosa

78 (18/09/41) Cucciolo nel paese dei maghi

80 (02/10/41) Cucciolo e l'aeroterracqueo di Beppe

82 (16/10/41) Cucciolo e le superstizioni di Beppe

84 (13/12/41) Cucciolo e il bandito Musonero

Gli Albi della Fantasia

01 (15/01/42) Cucciolo e la stellina spenta (primo racconto raccontato con didascalie in prosa)

02 (22/01/42) La villa dell'allegria

03 (05/02/42) Cucciolo incontra Pinocchio

04 (15/02/42) Cucciolo al concorso inventori (prima apparizione di Cucciolo e Beppe come ragazzini)

06 (07/03/42) Cucciolo alpinista

10 (10/06/42) Cucciolo e la gara da pesca

12 (24/06/42) Cucciolo e la caccia all'orso

18 (26/08/42) Cucciolo e il concorso fotografico

21 (16/09/42) Cucciolo cacciatore di leoni

23 (21/10/42) Cucciolo e Beppe in crociera. Il biglietto della lotteria

30 (24/12/42) Cucciolo e il Natale nel villaggio

33 (21/01/43) Cucciolo nella terra dei sosia (Prima storia non illustrata da Rino Anzi: disegni di Roberto Peroni [Ferdinando Corbella])

35 (11/02/43) Cucciolo:il Poldo alla riscossa

37 (11/03/43) Cucciolo e il caffé motorizzato

38 (18/03/43) Cucciolo e l'autostazione modello

45 (06/05/43) Cucciolo e la festa mascherata

48 (10/06/43) Cucciolo e le sue tribolazioni

52 (08/07/43) Cucciolo e i guai del Poldo

(Ristampe) I Grandi Racconti Illustrati (Editoriale Subalpino)

Suppl. al 04 del 10/07/'48 Le vacanze di Cucciolo

Suppl. al 08 del 10/09/'48 Cucciolo va in Campagna

Suppl. al 14 del 10/12/'48 Il Natale di Cucciolo

Edizione estere[modifica | modifica wikitesto]

Francia

Vennero ribattezzati Moustic et Pato nella versione umanizzata di Rino Anzi, Ferdinando "Roberto Peroni" Corbella e vari disegnatori precedenti a Rebuffi comparvero saltuariamente tra il 1949 e il 1952 in appendice a "Sciuscia" e "Le Petit Sheriff" della PEI/Sagédition. I personaggi passarono poi alla Lug ma la Sagédition si assicurò Pepito, che fu protagonista di varie collane tra il 1954 e il 1981. Sulle sue pagine e su quelle di "Le petit Sheriff" e di "Ranch Magazine" continuarono a uscire molte serie provenieni dalle Edizioni Alpe.[33] La testata più famosa e longeva fu comunque "Pipo", pubblicata da settembre 1952 per 229 numeri fini a novembre 1961 dalle Editions Lug[34], e fu il primo albo umoristico nel caratteristico "Petit Format" (tascabile).[35] La coppia Pipo - Concombre (Beppe) condivise l'albo con Tiramolla (Elastoc) pubblicato fin dal N. 4; con Fox (precedentemente pubblicato da Sagè), con Serafino ("Seraphin"), con Topy/Cucciolino/Scimmiottino qui chiamato Makakos, con Nonno Bigio (precedentemente pubblicato da Sagè), qui denominato Papa Grìndecel e con personaggi realistici come Robin Hood (Robin des bois)[36]. Molte delle prime copertine sono opera del popolare autore Jean Cézard[37]. Nel dicembre 1961 Pipo si fuse con Pim Pam Poum, nella nuova testata Pim Pam Poum Pipo che pubblicava anche Bibì e Bibò. La serie terminò con il n. 132 del novembre 1972[38]. Ai personaggi dell'Alpe furono dedicate altre due collane: Mini Pipo e Maxi Pipo, per cui Jean-Yves Mitton, noto per la sua ottima versione del Grande Blek, creò i personaggi di Popoff, cuginetto di Pugacioff e della lupetta Troika. I rapporti tra Alpe e Lug furono molto stretti; tramite il già citato Lionello Martini e l'agente Arnalda Maffi molti autori italiani iniziarono a collaborare direttamente con il mercato d'oltralpe. Nel 1976 le Edizioni Alpe realizzarono direttamente per il mercato francese il mensile Elastoc (Tiramolla)[39], ma l'iniziativa non ebbe successo e si interruppe dopo 12 numeri pubblicati in due formati (da n. 1 a n. 7 15x22 cm, poi tascabile).

Germania

Tra il 1954 e il 1956 Cucciolo uscì in 38 albi ripresi da Gaie Fantasie pubblicati da Alfons Sermau Verlag. Il personaggio fu ribattezzato Der Lustige Augustin ("Il divertente Augustin"); il titolo riecheggia quello di una popolare canzone viennese, Ach, du lieber Augustin ("Oh, mio caro Augustin"), e Augusto è in Germania un nome comico per eccellenza in quanto designa il pagliaccio contrapposto al clown Bianco. Nello stesso periodo (1954-1957) storie di Cucciolo e degli altri personaggi Alpe uscirono senza periodicità fissa in "Der Fidele Cowboy" ("L'allegro Cow Boy") , edito sempre da Semrau per 75 numeri. L'albo pubblicava inizialmente racconti umoristici con cow boy, quindi allargò il campo a serie comiche generiche di varie provenienza. Tra i numeri 19 e 75 nella testata comparve l'immagine e il nome di "Buffalo Brill" di Perego.[senza fonte]

Grecia

Oι Πέπο και Κάρλο, "Pepo e Carlo" ovvero Cucciolo e Beppe nell'edizione greca, furono protagonisti insieme ad altri personaggi provenienti dalle testate italiane Cucciolo e Tiramolla dell'albo contenitore Τιραμόλα ("Tiramola"), pubblicato dalla casa editrice Καμπανά (Kabanas) a partire dal 1970 e proseguito per circa 1000 numeri. Il termine "Tiramola" è entrato a fare parte del lessico greco con un significato molto diverso da quello italiano ("Persona irresoluta e inconcludente") ancor oggi designa qualcuno in grado di destreggiarsi e assorbire i colpi quasi fosse fatto di gomma, come il calciatore Nick Vamvakoulas, così soprannominato. Un altro personaggio dell'Alpe, Σεραφίνο ("Serafino"), ottenne notevole successo e gli fu dedicato un albo nel 1969 e venne pubblicato per un migliaio di numeri, molti dei quali disegnati localmente da Isaak Moskidi.[senza fonte]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ imparentato con Arnoldo Mondadori e già impiegato presso di lui. Diversa è l'opinione espressa in https://marcopugacioff.blogspot.it/2016/08/antonio-carozzi-federico-pedrocchi.html in cui l'autore della scheda dà l'idea di base a Caregaro ma la completa creazione a Pedrocchi.
  2. ^ Rino Anzi, su marcopugacioff.blogspot.it. URL consultato il 09 ottobre 2017.
  3. ^ formandosi con lo pseudonimo di Antonio Carozzi
  4. ^ a b c Cucciolo, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  5. ^ FFF - CUCCIOLO E BEPPE, su www.lfb.it. URL consultato il 05 giugno 2017.
  6. ^ a b Cucciolo - testata, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  7. ^ TUTTO CUCCIOLO, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  8. ^ Storie di Cucciolo, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  9. ^ Gli albi di Scimmiottino, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  10. ^ a b GLI ALBI DELLA FANTASIA, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  11. ^ Vedi:https://marcopugacioff.blogspot.it/2016/10/cronologia-di-cucciolo-beppe.html
  12. ^ Vedi Guida al fumetto italiano, ed. Epierre
  13. ^ (pseudonimo di Ferdinando Corbella)
  14. ^ l'Autore è infatti il copertinista E. Rainieri, in cui si cela più che probabilmente sotto pseudonimo, il creatore grafico di Cucciolo & Beppe: Rino Anzi il cui stile era ormai cambiato dopo la guerra.Vedi l'immagine in: https://it.pinterest.com/pin/31806741101720794/
  15. ^ Vedi le storie nella collana spillata Le storie di Cucciolo N. 3 dell'11 febbraio 1960 e N. 5 dell'11 marzo 1960
  16. ^ a b c Gaie Fantasie, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  17. ^ (che a volte riveste Beppe con pantaloni alla zuava, toglie a Cucciolo il ciuffo e lo dota di orecchie a punta)
  18. ^ (che riveste Beppe con un golf nero)
  19. ^ (che gli fa indossare un maglione bianco con una striscia)
  20. ^ (che ne riprende lo stile)
  21. ^ il quale dotò Cucciolo e Beppe di una foltissima chioma. Ma già Rino Anzi dotò i due bambini di una folta chioma, vedi immagine in https://it.pinterest.com/pin/31806741101660029/ il che accentua l'idea che siano disegni di uno stesso autore.
  22. ^ Vedi: https://marcopugacioff.blogspot.it/2016/08/blog-post_16.html
  23. ^ noto con lo pseudonimo "Manberto"
  24. ^ a b Cucciolo "libretto", su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 05 giugno 2017.
  25. ^ Vedi: Cucciolo & dintorni, di Giorgio Rebuffi, edito dall'associazione culturale Annexia nel 2014
  26. ^ Nella prima annata di Cucciolo furono pubblicate le storie di Bingo Bongo e di suo figlio Lippo Lappo (di Giorgio Rebuffi), Birba & Spacca e Buffalo Brill (ambedue di Giuseppe Perego), Coriolano e il gorilla pugilatore Pantaleo (qui di Giorgio Rebuffi, poi di Antonio Terenghi e Luciano Bottaro), lo Sceriffo Fox e Conny (Giorgio Rebuffi), Giacomino (Zenobio Baggioli), La famiglia Chicchirichì (Egidio Gherlizza), Gianni e Marcello (qui di Egidio Gherlizza), Nonno Bigio (Gino Gavioli), il piccolo corsaro Pepito (Luciano Bottaro), Poldo (Antonio Terenghi), il vagabondo Serafino (Egidio Gherlizza), Topy e Didò (già "Scimmiottino", e poi "Cucciolino") (di Rino Anzi e altri disegnatori; vedi <http://www.mastromarcopugacioff.it/FumettiSito/Cucciolino.htm>. Seguono molti nuovi personaggi di questi e altri autori, tra cui Carlo Peroni, Bonvi, Silver.
  27. ^ Retronika, 30 maggio 2014
  28. ^ Tra gli altri soggettisti e sceneggiatori degli anni '50, oltre a gran parte degli autori dei disegni, citiamo Carlo Chendi, Attilio Mazzanti ("Alex Murray"), Andreina Repetto, Alfredo Saio, Cesare Solini
  29. ^ Vedi: https://marcopugacioff.blogspot.it/2016/08/mik-seccia.html
  30. ^ Di seguito alcuni dei titoli di copertina (non necessariamente corrispondenti a quelli “ufficiali” della registrazione in tribunale, in cui i fascicoli sono di solito accreditati come supplementi) collegati alla collana Cucciolo; la maggior parte delle testate, delle quali è indicato l'anno d'inizio, sono raccolte (R) o pubblicano ristampe (RIST); l'elenco non ha pretese di completezza e non include le altrettanto numerose pubblicazioni collegate a Tiramolla né quelle dedicate ad altri personaggi Alpe. Storie e fiabe, 1951 (R di Gaie Fantasie con pochi albi inediti) poi albi originali (Strenna di Cucciolo, Almanacco di Cucciolo, Super Strenna e altri), 1955 - Il (primo, secondo…) libro di Cucciolo (poi Il Nuovo Libro di Cucciolo, Raccolta di Cucciolo, Tutto Cucciolo) (R di Cucciolo), 1952 - Il Grande Cucciolo e Super Cucciolo (R di Storie e Fiabe), 1959 - Le storie di Cucciolo (RIST), 1959 – I giuochi di Cucciolo, 1960 - Raccolta Storie di Cucciolo, Selezione Storie di Cucciolo (R Storie di Cucciolo), 1961 - Cucciolo gigante (RIST; grande formato), 1961 - Cucciolo Raccolta (R di Cucciolo Gigante), 1962 - Le avventure di Pugacioff (8 volumi RIST). 1963. Di gran parte di queste testate escono anche supplementi fuori serie.
  31. ^ blog di marco pugacioff, marcopugacioff.blogspot.it.
  32. ^ Vedi: https://marcopugacioff.blogspot.it/2017/08/cucciolo-la-scure-miracolosa-pranzo-di.html
  33. ^ Tra i personaggi Alpe pubblicati dalla Sagé: Bingo Bongo di Giorgio Rebuffi, Bufalo Brill di Giuseppe Perego, Caribu di Antonio Terenghi, Fox di Giorgio Rebuffi (poi ripreso dalla Lug), Nonno Bigio ("Pêre Ernest", poi ripreso dalla Lug) di Gino Gavioli, Poldo di Antonio Terenghi, Teddy Sberla di Antonio Terenghi, Trik e Trak di Franco Aloisi.
  34. ^ fondate a Lione nel 1950 da Marcel Navarro e Alban Vistel
  35. ^ Pipo (Lug) - BD, informations, cotes
  36. ^ Vedi: http://www.mastromarcopugacioff.it/Articoli/quandoRebuffiVegliava.htm
  37. ^ Cézard - Bibliographie, BD, photo, biographie
  38. ^ Pim Pam Poum (Pipo - Mensuel) - BD, informations, cotes
  39. ^ (FR) Série : Elastoc -:- sur www.BD-PF.fr, su www.bd-pf.fr. URL consultato il 09 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Teresa Comelli, Breve cronistoria delle Edizioni Alpe, in fanzine WOW n. 40, primavera 1983, Luigi Bona editore.
  • Giorgio Rebuffi, Walhalla Speciale Cucciolo Story, Comixcomunity, 2004.
  • http://www.lfb.it/fff/fumetto/test/c/cucciolo.htm
  • Federico Pedrocchi & Rino Anzi, Le imprese perdute di Cucciolo & Beppe del 1941, Dicembre 2015.
Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti