Cratere Faraday

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cratere Faraday
TipoCrater
Satellite naturaleLuna
Faraday lunar crater map.jpg
I crateri Faraday.
Dati topografici
Coordinate42°27′S 8°45′E / 42.45°S 8.75°E-42.45; 8.75
MagliaLQ-27 (in scala 1:2.500.000)

LAC-112 Tycho (in scala 1:1.000.000)

Diametro69 km
Localizzazione
Cratere Faraday
Mappa topografica della Luna. Proiezione equirettangolare. Area rappresentata: 90°N-90°S; 180°W-180°E.

Faraday è un cratere lunare di 69,03 km situato nella parte sud-orientale della faccia visibile della Luna, ad est del cratere Maurolycus e sul bordo sudorientale del più ampio cratere Stöfler.

Il margine di Faraday è stato significativamente ricoperto da successivi impatti, in particolare da una coppia di crateri situata lungo il bordo sudovest, e da un cratere lungo il bordo nordovest. l'orlo nordoccidentale di Faraday forma un enorme bastione roccioso attraverso il fondo piatto del cratere Stöfler.

Il fondo del cratere Faraday, pressoché piatto nella metà nordovest, è diviso quasi a metà da un basso crinale che si estende da sudovest a nordest.

Il cratere è dedicato al fisico inglese Michael Faraday.

Crateri correlati[modifica | modifica wikitesto]

Area del cratere
L'area del cratere con mineral postprocessing

Alcuni crateri minori situati in prossimità di Faraday sono convenzionalmente identificati, sulle mappe lunari, attraverso una lettera associata al nome.

Faraday Coordinate Diametro (in km)
A[1] 41°32′24″S 9°39′00″E / 41.54°S 9.65°E-41.54; 9.65 (Faraday A) 19,99
C[2] 43°19′12″S 8°02′24″E / 43.32°S 8.04°E-43.32; 8.04 (Faraday C) 28,49
D[3] 43°46′48″S 9°36′36″E / 43.78°S 9.61°E-43.78; 9.61 (Faraday D) 13,47
G[4] 45°55′12″S 10°03′36″E / 45.92°S 10.06°E-45.92; 10.06 (Faraday G) 29,62
H[5] 45°07′12″S 10°14′24″E / 45.12°S 10.24°E-45.12; 10.24 (Faraday H) 11,91
K[6] 42°40′48″S 10°18′00″E / 42.68°S 10.3°E-42.68; 10.3 (Faraday K) 6,71

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Faraday A, su Gazetteer of Planetary Nomenclature, United States Geological Survey. URL consultato il 4 aprile 2021.
  2. ^ (EN) Faraday C, su Gazetteer of Planetary Nomenclature, United States Geological Survey. URL consultato il 4 aprile 2021.
  3. ^ (EN) Faraday D, su Gazetteer of Planetary Nomenclature, United States Geological Survey. URL consultato il 4 aprile 2021.
  4. ^ (EN) Faraday G, su Gazetteer of Planetary Nomenclature, United States Geological Survey. URL consultato il 4 aprile 2021.
  5. ^ (EN) Faraday H, su Gazetteer of Planetary Nomenclature, United States Geological Survey. URL consultato il 4 aprile 2021.
  6. ^ (EN) Faraday K, su Gazetteer of Planetary Nomenclature, United States Geological Survey. URL consultato il 4 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare