Costa d'Argento (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costa d'Argento
Cala Grande Argentario.jpg
Cala Grande all'Argentario
StatiItalia Italia
RegioniToscana Toscana
Lingueitaliano

La Costa d'Argento[1] è un'area geografica che occupa l'estremità meridionale della Toscana, in provincia di Grosseto. Interessa i territori comunali di Monte Argentario, Orbetello, Magliano in Toscana, Isola del Giglio e Capalbio, situati nella Maremma grossetana. L'area complessiva nel 2012 contava una popolazione di 32.457 abitanti[2].

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dall'acronimo A.R.C.A. Associazione Rinascita Costa d'Argento fondata nel 1944 per la sistemazione dei centri abitati e delle infrastrutture del Comune di Monte Argentario dopo i bombardamenti alleati. Marchio nato per il solo Argentario ed esteso successivamente alle località limitrofe.[3]

Geografia e territorio[modifica | modifica wikitesto]

La Costa d'Argento si sviluppa nel tratto litoraneo compreso tra le pendici meridionali dei Monti dell'Uccellina (Parco naturale della Maremma), presso la località di Talamone, e la foce del fiume Chiarone, al confine con la provincia di Viterbo e il Lazio[4].

Il litorale risulta essere scoglioso all'estremità settentrionale (Talamone) e presso i promontori dell'Argentario e di Ansedonia; gli ampi arenili interessano, da nord a sud, il Golfo di Talamone, il Tombolo della Giannella, il Tombolo della Feniglia.

Tra i tomboli della Giannella e della Feniglia vi è racchiusa la Laguna di Orbetello, in epoche remote parte integrante del Mar Tirreno, fino all'unione del Monte Argentario alla terraferma per il lento sollevamento dei due tomboli stessi.

La Costa d'Argento fa parte del Santuario dei cetacei classificata come Area Specialmente Protetta di Interesse Mediterraneo, lungo il litorale, sono numerose le fortificazioni e le torri di avvistamento.

Costa di Talamone
Orbetello
Isola del Giglio, torre del Campese
Cala di Forno
Colline di Capalbio
Spiaggia della Feniglia

Località balneari[modifica | modifica wikitesto]

Centri storici[modifica | modifica wikitesto]

Città murate[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Aree umide[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Porti e approdi turistici[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni ferroviarie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Verso un modello di economia relazionale...Censis/Google book pag. 47, su books.google.it. URL consultato il 2 gennaio 2016.
  2. ^ Dato Istat Archiviato il 21 febbraio 2015 in Internet Archive. - Popolazione residente al 31 marzo 2012.
  3. ^ Cosmo Milano, 2013, pp. 84.
  4. ^ Minucci: "Sì al Supercomune della Costa d'Argento"/Corriere di Maremma, su corrieredimaremma.corr.it. URL consultato il 2 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cosmo Milano, Porto Santo Stefano paese martire, Pitigliano, Laurum Editrice, 2013, ISBN 9788898171118.
  • Gualtiero Della Monaca, La presa di Porto Ercole: Orbetello e il Monte Argentario nel XV e XVI secolo fino alla fine della guerra di Siena in Maremma, Arcidosso (Grosseto), Effigi, Costa d'Argento, 2010, ISBN 978-8864330624, OCLC 704509843.
  • Francesco Quatraro, La Costa d'Argento, Orbetello (Grosseto), Effequ, 2011, ISBN 978-8889647714, OCLC 744283570.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]