Corridoio del Vacan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Corridoio del Vacan
واخان
Vrang Stupa.jpg
Panorama della regione
Stati Afghanistan Afghanistan
Regioni Badakhshan
Lingue pashtun, persiano, tagico
Fusi orari UTC+4:30
Corridoio del Vacan.JPG
Il Corridoio del Vacan evidenziato in blu
Mappa di localizzazione: Asia
Corridoio del Vacan
Corridoio del Vacan

Coordinate: 37°03′22″N 72°59′46″E / 37.056111°N 72.996111°E37.056111; 72.996111

Il corridoio del Vacan (chiamato anche del Wakhan [o Wakkan]; in persiano واخان; in cinese semplificato 瓦罕走廊; in cinese tradizionale 瓦罕走廊) è una stretta striscia (larga tra i 12 e i 60 km e lunga circa 260[1]) di territorio afgano nella provincia del Badakhshan.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nella regione montuosa del Pamir, con a nord il Tagikistan, a sud il Pakistan e ad est la Cina.

All'estremità orientale c'è il Vachir, un passo attraverso l'Hindu Kush a 4.923 m che ha il più notevole cambiamento d'ora di tutte le frontiere internazionali (da UTC+4:30 in Afghanistan a UTC+8 in Cina). Il confine con la Cina è tra i più alti al mondo. Il passo è chiuso per almeno cinque mesi all'anno ed è aperto con irregolarità nei restanti mesi. Cina e Afghanistan hanno un confine in comune per soli 76 km.

Il corridoio è scarsamente popolato. Le principali genti presenti lì sono i vachi, assieme a un esiguo numero di kirghisi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente il Vacan è stato un'importante regione per millenni ed è il punto d'incontro tra Asia centro-occidentale e Asia centro-orientale. Prima dell'avvento dell'Islam la regione fu soggetta a disputa tra Tibet e Cina.

Il "corridoio" fu creato alla fine del XIX secolo dall'impero britannico, affinché facesse da cuscino contro potenziali ambizioni russe verso l'India in un'ipotetica guerra tra Russia e Regno Unito per il controllo dell'Asia centrale.

Jacob Townsend (2005), analista di problematiche centro-asiatiche, valutò le possibili implicazioni del contrabbando di droga dall'Afghanistan alla Cina attraverso il corridoio del Vacan e il passo del Vachir, ma concluse che, a causa delle difficoltà del viaggio e dell'attraversamento del confine, anche se un tale traffico fosse esistito, sarebbe stato più corto, confrontato con questo, il passaggio attraverso la Provincia Autonoma di Gorno-Badachšan in Tagikistan o anche attraverso il Pakistan, poiché entrambi presentano passaggi più accessibili verso la Cina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Wakhan Corridor: An Unlikely Afghan-China Link (PDF), su CIA.gov, 21 febbraio 2006. URL consultato il 20 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN234142700 · GND (DE4064342-6