Cornelio Malvasia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cornelio Malvasia

Cornelio Malvasia (16031664) è stato un nobile e militare italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel 1603 in una famiglia aristocratica di Bologna, era cugino di Carlo Cesare Malvasia.[1]

Durante la guerra di Castro guidava la cavalleria papale contro il ducato di Parma. Si avvicinò ai nipoti di papa Urbano VIII e suo cugino Carlo fu sostenuto a Roma da Marzio Ginetti, lealista dei Barberini.

Malvasia diventò poi consigliere militare di Alfonso IV d'Este e fu nominato Marechal delle truppe francesi in Italia di cui Francesco II d'Este era generale. Nel 1656 visitò Parigi e fu premiato da Luigi XIV di Francia con una pensione di 400 luigi d'oro annuali e dal cardinal Mazzarino con una bottoniera di diamante.[1]

Astronomia[modifica | modifica wikitesto]

Malvasia fu sempre interessato all'astronomia durante la propria carriera militare; eletto senatore a Bologna, nel 1640 cominciò la costruzione dell'osservatorio di Panzano.[2]

Nel 1645 invitò Giovanni Domenico Cassini a Bologna[3] e 17 anni dopo pubblicarono un'opera a quattro mani, Ephemerides novissimae motuum coelestium. Inoltre Malvasia fu in corrispondenza con numerosi altri astronomi contemporanei.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Malvasia's Life of the Caracci by Carlo Cesare Malvasia (conte) & Anne Summerscale (Reprint - Penn State Press, 2000)
  2. ^ Biographical Encyclopedia of Astronomers by Virginia Trimble, Thomas Williams, Katherine Bracher, Richard Jarrell, Jordan D. Marché and F. Jamil Ragep (Springer Reference, 20/11/2007)
  3. ^ Rodolfo Calanca: L'astronomia nel ducato estense tra il XVII ed il XIX secolo (Astronomy in the duchy of Este between the seventeenth and the nineteenth century)
  4. ^ BNCF
Controllo di autorità VIAF: (EN17564927 · GND: (DE1055411461 · CERL: cnp00995502
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie