Coordinamento internazionale per il Decennio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il 10 novembre 1998, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha proclamato il primo decennio del ventunesimo secolo e del terzo millennio, gli anni dal 2001 al 2010 Decennio internazionale di promozione di una cultura della nonviolenza e della pace a profitto dei bambini del mondo.

Dal 2001 sono stati creati in molti paesi dei coordinamenti nazionali di ONG per promuovere questo Decennio. È il caso, per esempio, in Francia, in Austria, nei Paesi Bassi o in Italia. Questi coordinamenti nazionali hanno fondato, in giugno 2003, con un certo numero di organizzazioni internazionali, il Coordinamento internazionale per il Decennio della cultura e della pace e della nonviolenza. E presieduto da Christian Renoux, rappresentante della Coordination française pour la Décennie.

Obiettivi[modifica | modifica sorgente]

Il Coordinamento internazionale per il Decennio ha un ruolo di coordinamento dell'azione dei suoi membri nel campo del Decennio dell'ONU per la cultura di pace e di nonviolenza, particolarmente nel campo dell'educazione alla pace e alla nonviolenza.

Sta preparando una campagna internazionale per fare adottare all'UNESCO un dichiarazione internazionale sul diritto dei bambini del mondo a un'educazione senza violenza e a un'educazione alla pace e alla nonviolenza.

Le associazioni membri del Coordinamento internazionale[modifica | modifica sorgente]

Il Coordinamento internazionale per il Decennio è costituito dai coordinamenti nazionali, da associazioni internazionali e da membri osservatori.

Il comitato di patrocinio[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]