Comandante Faà di Bruno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comandante Faà di Bruno
Descrizione generale
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg
Tipo sommergibile
Classe Marcello
Proprietà Regia Marina
Cantiere OTO - La Spezia
Impostata 28 aprile 1938
Varata 18 giugno 1939
Entrata in servizio 23 ottobre 1939
Destino finale scomparso nell'ottobre 1940
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione 1313 t
Dislocamento in emersione 1060 t
Lunghezza 73 m
Larghezza 7,2 m
Altezza 4,7 m
Propulsione 2 motori principali Diesel da 3000HP
2 motori secondari Diesel da 1100HP
Velocità in immersione  8 nodi
Velocità in emersione  17,4 nodi
Autonomia in superficie 7500 miglia a 9,4nodi
in immersione 120 miglia a 3nodi
Equipaggio 7 ufficiali
50 sottufficiali e comuni
Armamento
Armamento artiglieria alla costruzione:

siluri:

informazioni prese da [1]

voci di sommergibili presenti su Wikipedia

Il Comandante Faà di Bruno è stato un sommergibile della Regia Marina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'ingresso dell'Italia nel secondo conflitto mondiale era inquadrato nella XII Squadriglia Sommergibili con base a La Spezia[1].

Svolse una prima missione in Mediterraneo dal 10 al 16 giugno 1940 ed una seconda dal 15 al 23 luglio, entrambe nei pressi di Orano e prive di risultati[1].

Se ne decise poi l'invio in Atlantico. Il Faà di Bruno lasciò La Spezia il 28 agosto 1940 e attraversò lo stretto di Gibilterra nella notte fra il 2 ed il 3 settembre[1]; causa le correnti e guasti all'ecoscandaglio perse quota scendendo sino a 140 metri di profondità e a toccare il fondale, senza però danneggiarsi[1][2].

Dall'8 al 24 settembre stazionò in pattugliamento a sud delle Azzorre[1]. Compì tre attacchi: il primo, l'8 settembre, ai danni di un piroscafo, il secondo, il giorno seguente, contro la nave cisterna britannica Auris (8000 tsl), il terzo, il 19 settembre, con obiettivo un altro piroscafo; l'Auris fu sicuramente danneggiata mentre riguardo alle altre due navi non si hanno conferme[1]. Il 5 ottobre 1940 attraccò a Bordeaux, sede della base italiana di Betasom[1].

Il 31 ottobre[1] o il 3 novembre[3] il sommergibile lasciò Bordeaux diretto a ovest della Scozia, in una zona d'agguato compresa fra i paralleli 57°20' e 58°20' N, a ovest del meridiano 20° O; da allora non se ne seppe più nulla[1].

Fonti inglesi ne attribuirono l'affondamento al cacciatorpediniere HMS Havelock, che l'8 novembre aveva bombardato un sommergibile con cariche di profondità in posizione 56°01' N e 17°50' O rilevando poi l'emersione di relitti, bolle d'aria e macchie di carburante; da successivi riscontri è però risultato che bersaglio di quell'azione era stato un altro sommergibile italiano, il Guglielmo Marconi, che se l'era comunque cavata senza danni rilevanti[1] (i rottami, l'aria ed il carburante erano stati espulsi proprio per indurre l'unità britannica a sospendere la caccia). In realtà ad affondarlo sarebbe stata l'azione combinata dei cacciatorpediniere HMCS Ottawa (canadese) e HMS Harvester (Royal Navy) che difendevano il convoglio HX-84.[4] Con il sommergibile scomparvero il comandante, capitano di corvetta Aldo Enrici, 6 altri ufficiali e 48 fra sottufficiali e marinai[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Sommergibile "Faa' Di Bruno"
  2. ^ Giorgio Giorgerini, Uomini sul fondo. Storia del sommergibilismo italiano dalle origini a oggi, p. 441
  3. ^ Giorgio Giorgerini, Uomini sul fondo. Storia del sommergibilismo italiano dalle origini a oggi, p. 470
  4. ^ Rohwer, p. 48
  • Jürgen Rohwer, Chronology of the War at Sea 1939-1945: The Naval History of World War Two, Third Revised, Annapolis, Maryland, Naval Institute Press, 2005, ISBN 1-59114-119-2.
Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina