Climacteridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Climacteridae
Climacteris scandens - - Print - Iconographia Zoologica - Special Collections University of Amsterdam - UBA01 IZ19200395.tif
Climacteris picumnus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Corvida
Famiglia Climacteridae
Sélys Longchamps, 1839
Generi

Climacteridae Sélys Longchamps, 1839 è una famiglia di uccelli dell'ordine Passeriformes[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uccelli di piccole dimensioni (14-19 cm), dall'aspetto robusto e massiccio, con grossa testa squadrata che sembra direttamente incassata nel torso, becco sottile e appuntito lievemente adunco nella parte distale, coda piuttosto rigida e rettangolare, ali appuntite e zampe ben sviluppate e dalle forti dita artigliate: nel complesso, questi uccelli ricordano dei tordi dal becco corto.

La livrea è sobria e dominata dai toni del grigio o del bruno, con testa e area ventrale in genere più chiare e non di rado con gola striata: le femmine possiedono solitamente livrea più sobria rispetto ai maschi.

I due generi sono piuttosto simili fra di loro, ma sono presenti alcune differenze:

  • in Climacteris il becco è nero, in Cormobates è più chiaro;
  • le femmine di quest'ultimo presentano sfumature rossicce sulla faccia, mentre in Climacteris il rosso delle femmine è sul petto;
  • i richiami di Cormobates sono più complessi rispetto a Climacteris, e variano nei due sessi;
  • il colore delle uova è differente;

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è quasi interamente endemica dell'Australia (ad eccezione della Tasmania), della quale le varie specie popolano le aree alberate: una singola specie (il rampichino papua) vive nella foresta montana della Nuova Guinea.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia Climacteridae è essenzialmente l'equivalente oceaniano dei rampichini: questi uccelli, infatti, sono instancabili scalatori di alberi, la cui corteccia ispezionano minuziosamente col becco per reperire il cibo (piccoli artropodi).
Il nido viene costruito in cavità dei tronchi: le coppie vengono talvolta aiutate da altri individui nella cova e nell'allevamento della prole[2]. Le specie ascritte alla famiglia sono in genere residenti, ma il pattern di dispersione dei giovani al momento dell'indipendenza varia in maniera netta nei due generi.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende 2 generi, per un totale di 7 specie viventi[1]:

Famiglia Climacteridae

A dispetto delle somiglianze morfologiche e comportamentali (frutto di convergenza evolutiva), i climacteridi non sono imparentati coi Certhiidae, bensì fanno parte di un clade molto basale della radiazione evolutiva australasiana degli uccelli canori e risultano molecolarmente affini sia al clade Atrichornitidae-Menuridae che agli uccelli giardinieri della famiglia Ptilonorhynchidae[3][4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Climacteridae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato il 3 novembre 2014.
  2. ^ Noske, N. A., A Demographic Comparison of Cooperatively Breeding and Noncooperative Treecreepers (Climacteridae), in Emu, vol. 91, nº 2, 1991, p. 73-86.
  3. ^ (EN) Climacteridae: Australasian Treecreepers, su TiF Checklist. URL consultato il 2 aprile 2018.
  4. ^ Sibley, C. G.; Schodde, R.; Ahlquist, J. E., The relationship of the Australo-Papuan Treecreepers Climacteridae as indicated by DNA-DNA hybridization, in Emu, vol. 84, nº 4, 1984, p. 236-241.
  5. ^ Christidis, L.; Norman, J.; Scott, I.; Westerman, M., Molecular Perspectives on the Phylogenetic Affinities of Lyrebirds (Menuridae) and Treecreepers (Climacteridae), in Australian Journal of Zoology, vol. 44, nº 3, 1996, p. 215-222.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli