Claudio Ferrarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Claudio Ferrarini (Zurigo, 25 luglio 1954) è un flautista italiano.

Nasce a Zurigo, fin da giovane mostra una spiccata sensibilità artistica, non solo per la musica ma anche per le arti visive. È stato allievo di Marcel Moyse, Conrad Klemm, Aurèle Nicolet, Wolfgang Schulz, Sándor Végh, Karlheimz Stockhausen e inoltre è uno degli allievi più importanti del flautista italiano Severino Gazzelloni. È stato il primo a dare un nome ad uno strumento a fiato copiando la formula degli antichi liutai. Suona su tre preziosi flauti creati appositamente per lui da Hammig di Lahr (Germania): uno di platino detto J.S.Bach di Bernard, uno d'oro W. Amade' Mozart di Johann, uno d'argento Atem di Philipp. Ha tenuto recitals con attori quali Adalberto Maria Merli, Gabriele Lavia, Franco Nero, Michele Placido.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Il suo debutto come solista avviene all'età di 24 anni al Teatro Regio di Parma. Ha dedicato 30 anni della sua vita alle prestigiose tournée che l'hanno portato a viaggiare in tutta Europa, Nord e Sud America, India, Giappone, Australia. Alcune sue esecuzioni sono state registrate da vari enti radio-televisivi (anche in mondovisione) come la ORF, ZDF, RSI, RAI, Radio Vaticana, SDR, RTE, BBC, ALL INDIA. Oggi la sua discografia comprende più di 108 titoli ed è stata insignita di importanti riconoscimenti critici internazionali tra cui nove Globe dell'American Records Guide. Una delle sue interpretazioni discografiche è stata inserita nella Enciclopedia Multimediale Encarta di Microsoft e tra i flautisti europei è il più rappresentato da iTunes con 47 cd.

Repertorio[modifica | modifica wikitesto]

Ha interpretato un vasto repertorio spaziando da brani di geni classici come Bach, Vivaldi, Mozart, alla produzione contemporanea, eseguendo anche musica appositamente dedicatagli da Dimitri Nicolau e Paolo Castaldi. Si deve, inoltre, riconoscere che Ferrarini ami riscoprire altri generi musicali, come la New Age, il Rock e il Beat.

Attività didattica[modifica | modifica wikitesto]

È docente e titolare della cattedra di flauto traverso del Biennio per il Diploma Accademico di II livello in Flauto Solistico presso il Conservatorio di Parma Arrigo Boito. È stato invitato a tenere masterclass per prestigiose accademie e università presso: Royal College of Music in London, Yamaha Ginza Centre in Tokyo, UBC[1] School of Music University in Vancouver in Canada, Music Schule di Bruch in Austria.

Arte, società e controconcerti[modifica | modifica wikitesto]

Interessandosi al tema arte e società, si è sempre dichiarato contrario all'isolamento comunicativo a cui viene condannata la musica classica quando la si rende una possibilità elitaria. Così tra il 74-77 intraprende l'avventura giovanile dei cosiddetti “Controconcerti”, nati per creare un percorso per la comprensione e l'avvicinamento, anche attraverso l'imprevista riscoperta di strumenti del periodo barocco, alla musica contemporanea. Ed è sempre negli anni settanta che Ferrarini mette in scena a Parma alcune interessanti performance in cui vengono interrelate innovative possibilità dialettiche tra musica e teatro. Queste performance furono presentate in eventi in cui solitamente il pubblico interagiva attivamente con lo spettacolo diventandone parte. Ferrarini ha spiegato i suoi eventi dicendo che il genio artistico non deve rimanere rinchiuso in un museo o in un palazzo dorato perché la ‘vera' arte è interattiva e partecipativa riportando in chiusura di un concerto le parole del filosofo Wittgenstein, “ il vero significato è l'uso”.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Si è occupato di ricerca musicologica, esplorando il repertorio della musica per flauto in tutti suoi aspetti, curando, in collaborazione con la Casa Musicale Mnemes - Alfieri e Ranieri Publishing - l'avvio di una collana editoriale intitolata Flutilitae[2] e per la edizioni MUP Parma è il direttore editoriale della collanna MUP musica[3]. Inoltre, creatore e direttore artistico dello Slow Flute Festival che si tiene dal 2008 in Parma e provincia e dal 2009 è responsabile della collana Edizioni Ut Orpheus per il flauto traverso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - Giovanni Amighetti Windy Valley Giovanni Amighetti analog synths, Angela Benelli violino, Max Meola percussioni
  • 2010 - Mozart 6 Sonate KV 301-306 roberto issoglio, piano
  • 2008 - Piazzolla Rota Glass Satie Cras Shankar Tango Suite
  • 2007 - Krumpoltz Sei Sonate
  • 2006 - Reicha Danzi Sonate
  • 2001 - Hoffmaister Sette Sonate
  • 2001 - Danzi Tre quintetti
  • 2000 - Abel Six miniature sonatas
  • 1999 - J.S.Bach Sei Sonate
  • 1999 - Bohm Fantasie e variazioni
  • 1999 - Pepusch Sonate e Concerti
  • 1998 - Rossini/Gambaro Il Barbiere di Siviglia
  • 1998 - Quantz Concerti Sonate Soli
  • 1998 - Campagnoli Sei quartetti
  • 1997 - Jommelli Sei Sonate
  • 1997 - Paisiello Sei quartetti
  • 1997 - Vivaldi Cantate
  • 1997 - Vivaldi Cantate con Flauto e Soprano
  • 1997 - Vinci 12 Sonate
  • 1997 - Castello 12 Sonate
  • 1997 - Paganelli Sei Sonate
  • 1997 - Corrette Vivaldi Corelli Concerti di Natale
  • 1997 - Rossini Arie con flauto
  • 1997 - Ricordando la Fenice Casaretto Genin Wolf Ferrari
  • 1997 - In Gondola con Paggi Catalani
  • 1996 - Sammartini Sei sonate notturne op.1
  • 1996 - Sammartini 12 Trio Sonate
  • 1996 - Carulli Sette Trii
  • 1996 - Cambini Sei duo
  • 1996 - Couperini Les Nations e L'aphoteose di Corelli e de Lulli
  • 1996 - Bon Sei Sonate op.1
  • 1996 - Mislivecek Sei Trii
  • 1996 - Schubert Opere per flauto
  • 1996 - Caldara 12 Sinfonie
  • 1996 - Purcell 22 Trio Sonate
  • 1996 - Tartini Sette Sonate
  • 1996 - J.C.Bach Sei Sonate
  • 1996 - Blavet Sei Sonate
  • 1996 - Marcello 12 Sonate
  • 1996 - Vivaldi Sei Sonate
  • 1996 - Paganini Giuliani Carulli
  • 1996 - Vitali Balletti Correnti Capricci
  • 1996 - Sarti 10 Sonate
  • 1995 - Albinoni Sei Sonate
  • 1995 - Corelli Sei Sonate op.5
  • 1995 - Legnani Battioli Fantasie
  • 1995 - Vivaldi The Four Seasons
  • 1994 - Mancini 12 Sonate
  • 1993 - Besozzi Sei Trii
  • 1993 - Borne Briccialdi Doppler Ciardi Schubert Sonate Fantasie e Variazioni
  • 1993 - Viotti Tre quartetti
  • 1992 - Scarlatti Cinque Sonate
  • 1992 - Devienne Nove Sonate
  • 1990 - J.S. Bach Concerto Italiano - Offerta Musicale e Tre Sonate
  • 1990 - Paganini Carulli Giuliani Virtuoso sonata
  • 1990 - Vivaldi Handel Concerti
  • 1989 - Mozart Schubert Beetovhen Sonate

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN63273724