Graziano e Claudio Cicogna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Claudio Cicogna)

Graziano Cicogna (193626 gennaio 1994) e .Claudio Cicogna (Perugia, 26 febbraio 1943Mariano Comense, 9 marzo 2005) furono due fumettisti italiani.

Vite e carriere[modifica | modifica wikitesto]

Graziano, insegnante con la passione per il fumetto, nei primi anni '70 realizza il suo sogno entrando a far parte della Casa Editrice Universo di Milano, scrivendo soggetti e sceneggiature in coppia con il fratello minore Claudio, giovane scrittore con in curriculum un romanzo pubblicato per De Vecchi Editore, La battaglia delle Midway (1971)[1].

Lasciato l’insegnamento, Graziano entra a tempo pieno a far parte della redazione della Universo, e nel 1976 diventa vicedirettore delle testate Intrepido, Il Monello e Albo tv[1].

Fra i vari personaggi creati dai fratelli Cicogna spicca il noto personaggio Sorrow, protagonista degli albi omonimi pubblicati per quasi un decennio (1976-1985), disegnato da un giovane Giovanni Freghieri con le fattezze di Humphrey Bogart[1].

I fratelli Cicogna sono inoltre i creatori di Doting Doug, serie ospitata dalla testata BLIZ (ideata da Graziano Cicogna) dal 1977 al 1982, avvalendosi della sapiente mano di Mario Cubbino come disegnatore[1]. Altre serie di notevole successo da loro ideate sono state Mister Kappa[2] e Western Family (1977-1981)[3][4].

Graziano Cicogna vanta inoltre una breve collaborazione a cavallo degli anni 1984-1986 con la Sergio Bonelli Editore, essendo coautore degli albi numero 115, 116, 125 e 128, e autore degli albi 125 e 126 di Mister No.

Graziano subisce un intervento al cuore, da cui pare riprendersi. Affetto da depressione, muore per scompenso cardiaco, a 57 anni, il 26 gennaio 1994[1][5].

Dopo la morte del fratello, Claudio si dedica alla scrittura di fotoromanzi per le testate della casa editrice Lancio e per il periodico Grand Hotel[1].

Claudio Cicogna muore il 9 marzo 2005 all'età di 62 anni a causa di un male incurabile[1], lasciando la moglie Annamaria e il figlio Francesco.

L'ultima casa dei fratelli cicogna è il Cimitero di Lambrate, a Milano, città in cui hanno svolto la loro attività fumettistica. Graziano, cremato, ha le ceneri tumulate nel Riparto D del Laghetto Cinerario, nella celletta 7, mentre Claudio è sepolto, fino al termine della concessione, nel Campo 19, nella tomba 295[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g For ALBERTO CASTIGLIONI, su comiccargoteam.blogspot.it. URL consultato il 28 marzo 2017.
  2. ^ For ROMANZO SPORT, su comiccargoteam.blogspot.it. URL consultato il 28 marzo 2017.
  3. ^ Comicus Forum -> OPERAZIONE RECUPERO!, su comicus.forumfree.org. URL consultato il 28 marzo 2017.
  4. ^ cronologia INSERTI OMAGGIO - FUMETTI - Il Forum degli Eternauti, freeforumzone.com, 13 agosto 2002. URL consultato il 29 marzo 2017.
  5. ^ a b Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.