Cimitero di Ohlsdorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Friedhof Ohlsdorf
Friedhof Ohlsdorf 61103.JPG
Tipocivile
Confessione religiosamista
Stato attualein uso
Ubicazione
StatoGermania Germania
CittàAmburgo
Costruzione
Periodo costruzione1874-1877; 1896-1900; 1914-1920
Data apertura1877
Area391 ha (3,91km²)
ArchitettoWilhelm Cordes e Otto Linne
Mappa di localizzazione

Coordinate: 53°37′29″N 10°03′42″E / 53.624722°N 10.061667°E53.624722; 10.061667

Il cimitero di Ohlsdorf (in tedesco Friedhof Ohlsdorf) si trova ad Amburgo, in Germania, e prende il nome dal quartiere cittadino di Ohlsdorf in cui sorge. Realizzato in più fasi tra il 1874 e il 1877 (data di apertura), tra il 1896 e il 1900 e tra il 1914 e il 1920.[1][2]
È, con i suoi 391[3][4]-404/405[1][2] ettari di estensione, non solo il principale cimitero cittadino, ma anche il più grande cimitero d'Europa[5] e il più grande cimitero civile del mondo occidentale,[1][3][4][6] nonché secondo o terzo cimitero in assoluto al mondo.[4]

Alla realizzazione del complesso hanno partecipato nel corso della storia, tra architetti e scultori, circa 330 persone.[7] I principali autori del progetto furono Wilhelm Cordes e Otto Linne.[1][7]

Nel cimitero di Ohlsdorf sono state sepolte sinora oltre 1,7 milioni di persone (dato del 2009),[4] di varie religioni[3][5] Vi sono sepolte anche numerose personalità legate alla città di Amburgo.[5][8][9][10][11][12]

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero si trova ad est dell'Aeroporto di Amburgo e del corso del fiume Alster e a nord-est dello Stadtpark.[13]
L'entrata principale del cimitero si trova al nr. 756 della Fuhlsbüttlerstraße.[1][14][15]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il cimitero ha - come detto - una superficie 391[4]/404-405[1][2] ha. e misura 3,5 km in lunghezza[1][2] e 1,3/1,5 km in larghezza[1][2]
Ospita circa 260.000[5]-280.000,[1][4] 800 sculture,[6] 12 cappelle,[6] 16 mausulei di famiglie amburghesi[6] e vi sono piantati circa 36.000 alberi.[5]

Il cimitero è suddiviso in varie aree, ognuna delle quali è segnalata dalla presenza di una cappella.[4]

Gran parte della superficie è occupata dal Zentralfriedhof ("Cimitero Centrale").[10]
All'interno del complesso, si trovano anche un cimitero ebraico, il Garten der Frauen ("Giardino delle donne") con la Wasserturm, un forno crematorio (opera di Fritz Schumacher), un museo e alcuni monumenti dedicati alle vittime della guerra e dell'Olocausto.[6][10]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione di un cimitero centrale per la città di Amburgo fu decisa nel 1854, quando i cimiteri delle varie parrocchie non furono più sufficienti per accogliere i defunti, data l'espansione demografica della città.[2]
Fu così acquistato, nel 1874, un appezzamento terriero nel quartiere di Ohlsdorf.[2]

I primi lavori, affidati a Wilhelm Cordes, terminarono nel 1877, quando sorse quello che ora è il lato occidentale del complesso.[1] Nello stesso anno, iniziarono anche le prime sepolture.[2]
La superficie del cimitero era allora di 133 ha.[2]

In seguito, tra il 1896 e il 1900, fu realizzata la parte orientale.[2] Tale opera di ampliamento portò il cimitero a raggiungere una superficie di 189 ha.[2]

Sempre tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo, furono costruite anche le cappelle del cimitero.[5]

Un'ulteriore opera di ampliamento, grazie alla quale il cimitero raggiunse la superficie attuale di circa 4 ha., fu intrapresa - in gran parte sotto la direzione di Otto Linne[1][3] - tra il 1914 e il 1920.[2]

Tra il 1930 e il 1932, furono realizzati i forni crematori, su progetto di Fritz Schumacher.[10]

Punti d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Garten der Frauen[modifica | modifica wikitesto]

Nella parte antica del cimitero, segnatamente nei pressi della Cordesallee,[16] si trova il Garten der Frauen, ovvero il "Giardino delle donne", un'area di circa 1000 km²[16] dove sono sepolte oltre 50 donne celebri[12] Fu realizzato per rendere omaggio alle donne che hanno contribuito in modo significativo alla storia della città di Amburgo.[12]

Cimitero di Ohlsdorf: scultura nel Garten der Frauen

Wasserturm[modifica | modifica wikitesto]

La Wasserturm (ovvero una torre adibita serbatoio idrico), situata alla fine della Cordesallee,[17] fu realizzata nel 1898 su progetto di Wilhelm Cordes.[17][18] Alta 34 metri,[17][18] perse la sua originaria funzione di serbatoio idrico nel 1919.[17][18]

Crematorio e Monumento alle vittime del nazismo[modifica | modifica wikitesto]

Il crematorio del cimitero di Ohlsdorf, eretto tra il 1930 e il 1932, fu l'ultima opera realizzata sotto la direzione di Fritz Schumacher, prima del licenziamento di quest'ultimo da parte del governo nazista.[10]
È costruito in materiali lavorabili con il fuoco, come clinker, ceramica e bronzo.[10] In cima alla cupola del crematorio campeggia una statua raffigurante la fenice.[10]

Di fronte al crematorio si trova un monumento dedicato alle vittime del nazismo, che fu realizzato come monito nel 1949.[10]

Museo[modifica | modifica wikitesto]

Il museo del cimitero di Ohlsdorf fu realizzato nel 1996.[19]

Il museo, che occupa un'area di 60 m²,[19] ospita, tra l'altro, una biblioteca con oltre 800 volumi.[19] Vi si trovano inoltre articoli di giornale riguardanti le personalità di spicco sepolte nel cimitero.[19]

Personaggi celebri (Lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Tra i numerosi personaggi celebri sepolti nel cimitero di Ohlsdorf, figurano, tra gli altri.[5][8][9][10][11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Altrogge, Gudrun, Hamburg, ADAC Verlag, München, 2005, p. 98.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l Ohlsdorf.de: Friedhof > Geschichte & Zahlen Archiviato il 27 settembre 2011 in Internet Archive..
  3. ^ a b c d Hamburg-Magazin: Friedhof Ohlsdorf Archiviato il 19 dicembre 2011 in Internet Archive..
  4. ^ a b c d e f g Enzyklopädie des Islam: Friedhof Ohlsdorf Hamburg.
  5. ^ a b c d e f g Hamburg.de: Sehenswürdigkeiten > Friedhof Ohlsdorf.
  6. ^ a b c d e Vacanze in Germania: Cimitero di Ohlsdorf.
  7. ^ a b Significant Cemeteries > Cimitero di Ohlsdorf[collegamento interrotto].
  8. ^ a b Friedhof Hamburg: Friedhof Ohlsdorf > Prominente Archiviato il 16 luglio 2011 in Internet Archive..
  9. ^ a b Ohlsdorf.de: Friedhof Ohlsdorf > Prominentengräber Archiviato il 26 novembre 2011 in Internet Archive..
  10. ^ a b c d e f g h i Altrogge, Gudrun, op. cit., p. 99.
  11. ^ a b Garten der Frauen: Die Frauen.
  12. ^ a b c d Kulturkarte.de: Garten der Frauen.
  13. ^ Altrogge, Gudrun, op. cit., p. 145.
  14. ^ Friedhof Ohlsdorf (städt.) Friedhof Hamburg Ohlsdorf.
  15. ^ Friedhof Ohlsdorf in Hamburg auf Kulturkarte.de - Kultur-Stadtplan von Hamburg (Adresse, Standort, Anfahrt, Telefon, Homepage und Foto).
  16. ^ a b Garten der Frauen: Homepage.
  17. ^ a b c d Garten der Frauen - Der historische Wasserturm.
  18. ^ a b c Kulturkarte.de: Wasserturm.
  19. ^ a b c d Kulturkarte.de: Friedhofsmuseum.
  20. ^ (DE) Eva-Maria Bauer, Steffi-Line. URL consultato il 18 maggio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN153745687 · LCCN (ENn91129252 · GND (DE4245091-3 · WorldCat Identities (ENlccn-n91129252