Chiesa e convento di Santa Marta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa e convento di Santa Marta
Siena, santa marta 01.JPG
StatoItalia Italia
RegioneToscana
LocalitàSiena
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Arcidiocesi Siena-Colle di Val d'Elsa-Montalcino
Inizio costruzione1328
CompletamentoXVII secolo

Coordinate: 43°18′44.72″N 11°19′35.25″E / 43.312423°N 11.326458°E43.312423; 11.326458

La chiesa e il convento di Santa Marta sono un complesso religioso di Siena.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Interno della chiesa

La fondazione del convento risale al 1328, per volontà di una ricca signora rimasta vedova, contessa Emilia d'Elci, che lo volle intitolare a santa Marta e destinare a monache di clausura che seguissero la regola agostininana. La struttura originaria dovette rimanere invariata fino all'inizio del secolo XVI, quando furono intrapresi a partire dal 1535 radicali lavori di ristrutturazione, riferiti, per la chiesa, ad Anton Maria Lari detto il Tozzo, architetto allievo di Baldassarre Peruzzi. Il convento fu soppresso nel 1810 in seguito ai decreti napoleonici, ristrutturato per ospitare un orfanotrofio che è stato abolito nel 1980, ma già da alcuni anni l'intero complesso architettonico versava in pessime condizioni. Dopo essere stato parzialmente restaurato ospita dal 2004, in alcune sale, la sede dell'Archivio Storico del Comune di Siena. Sono ancora da recuperare vaste aree dell'ex-Convento[1].

L'arredo pittorico dell'interno, consistente sia di affreschi che di pale, risale al primo quarto del XVII secolo. Di Pietro Sorri sono il riquadro con Santa Cecilia, la Caduta di Gesù e nell'abside l'Annunciazione e la lunetta con la Resurrezione di Lazzaro. Di Francesco Vanni è invece l'Incoronazione della Vergine. Gli affreschi della volta spettano invece prevalentemente a Sebastiano Folli.

Nel coro trecentesco sono presenti affreschi raffiguranti Storie della Passione ad opera di un pittore duccesco vicino a Segna di Bonaventura, Funerali di Santa Marta attribuito a Naddo Ceccarelli, seguace di Simone Martini, ed altri affreschi attribuiti a Martino di Bartolomeo. È presente un presepe in terracotta di Giovanni Duprè del XIX secolo[2].

Nel chiostro sono raffigurate le Scene della Tebaide, affreschi monocromi a terra ocra, attribuiti al pittore Benedetto di Bindo, databili nei primi anni del 1400. Il chiostro è stato oggetto di interventi seicenteschi, come ad esempio le volte, che in parte hanno coperto i dipinti[2].

Nella sala ex-refettorio dell'Orfanotrofio, divenuta sala di lettura dell'Archivio Storico è stato rinvenuto un grande affresco L'ultima cena di Giacomo Pacchiarotti, datato 1522[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paola D'Orsi, Il recupero e riuso del Complesso. Stato dell'arte e prospettive, in Quaderni del San Marco n. 1 - Un gioiello da riscoprire, maggio 2017, p. 23-25.
  2. ^ a b Letizia Galli, Il Complesso San Marco, vicende storiche. Dall'antico monastero all'ex orfanotrofio, in Quaderni del San Marco n. 1 - Un gioiello da riscoprire, maggio 2017, p. 13-21.
  3. ^ Filippo Pozzi, L'Archivio Storico del Comune di Siena al San Marco, in Quaderni del San Marco n. 1 - Un gioiello da riscoprire, maggio 2017, p. 9-11.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Corsi, Le agostiniane di Santa Marta a Siena, in Per corporalia ad incorporalia. Spiritualità, agiografia, iconografia e architettura nel medioevo agostiniano, a cura del Centro Studi “Agostino Trapè”, Biblioteca Egidiana, Tolentino 2000, pp. 233-242 - EAN: 9788898033171
  • Toscana. Guida d'Italia (Guida rossa), Touring Club Italiano, Milano 2003
  • Maria Corsi, Gli affreschi medievali in Santa Marta a Siena: studio iconografico, volume 2, Cantagalli editore, Siena 2005 - ISBN 8882722201 - ISBN 9788882722203
  • Quaderni del San Marco n. 1 - Un gioiello da riscoprire, Betti editore, Siena 2017

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]