Martino di Bartolomeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coronazione della Vergine, olio su tavola del 1400 circa, (Los Angeles County Museum of Art)

Martino di Bartolomeo o Martino di Bartolomeo di Biago (1370/1375 circa – 1434 circa) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei principali pittori di scuola senese della sua generazione e fu attivo come pittore e doratore di manoscritti tra il 1389[1] e il 1434.

Dal suo stile si ritiene che abbia appreso l'arte pittorica nello studio di Taddeo di Bartolo (1362-1422).

Da giovane Martino collaborò con Giovanni di Pietro da Napoli (attivo negli anni 1402-1405) a Pisa. L'affresco nell'oratorio di San Giovanni Battista di Cascina, a circa 10 chilometri da Pisa, è opera di Martino, e risale al 1398. Egli ritornò definitivamente a Siena nel 1405 dove realizzò diversi affreschi nel duomo e nel palazzo Pubblico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Menzionato nel registro dei pittori di Siena.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN95782443 · ULAN: (EN500016530