Martino di Bartolomeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coronazione della Vergine, olio su tavola del 1400 circa, (Los Angeles County Museum of Art)

Martino di Bartolomeo o Martino di Bartolomeo di Biago (1370/1375 circa – 1434 circa) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu uno dei principali pittori di scuola senese della sua generazione e fu attivo come pittore e doratore di manoscritti tra il 1389[1] e il 1434.

Dal suo stile si ritiene che abbia appreso l'arte pittorica nello studio di Taddeo di Bartolo (1362-1422).

Da giovane Martino collaborò con Giovanni di Pietro da Napoli (attivo negli anni 1402-1405) a Pisa. L'affresco nell'oratorio di San Giovanni Battista di Cascina, a circa 10 chilometri da Pisa, è opera di Martino, e risale al 1398. Egli ritornò definitivamente a Siena nel 1405 dove realizzò diversi affreschi nel Duomo, nella chiesa di San Cristoforo e nel Palazzo Pubblico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Menzionato nel registro dei pittori di Siena.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bénézit, Emmanuel, ed., Dictionnaire critique et documentaire des Peintres, Sculpteurs, Dessinateurs et Graveurs, Originally published 1911-1923, Paris, Librairie Gründ, 1976.
  • El Paso Museum of Art, The Samuel H. Kress Collection, El Paso, El Paso Museum of Art, 1961.
  • Encyclopedia of World Art, New York, McGraw-Hill, 1959-1987.
  • Pinacoteca Nazionale, Siena: Altarpiece with Saints James, Catherine, Magdalen and Ansano, su scholarsresource.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31853588 · ISNI (EN0000 0000 5489 7520 · LCCN (ENnr91028676 · GND (DE124233031 · ULAN (EN500016530 · CERL cnp00579691