Chiesa di Sant'Agostino (Licata)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di Sant'Agostino
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
LocalitàLicata-Stemma.png Licata
ReligioneCattolica
Titolaresant'Agostino
Arcidiocesi Agrigento
Stile architettonicorococò
Inizio costruzione1611

La chiesa di Sant'Agostino si trova a Licata, in provincia di Agrigento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sua costruzione risale al 1611, quando i padri agostiniani ottennero il possesso, dal vescovo di Agrigento, dell'antica chiesa di Santa Margherita, presso il regio Caricatore di grano, che trasformarono completamente, girando la facciata della chiesa, ed edificarono accanto una casa per la loro comunità che rimase attiva fino al 1735.

È la chiesa per eccellenza dei lavoratori del porto e custodisce una statua lignea dell'Addolorata. Il 13 aprile 1973 è stata elevata a santuario con il titolo di "Maria SS. Addolorata".

La statua lignea dell'Addolorata[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa conserva una statua lignea di una Madonna Addolorata, attribuita ad un tal Giuseppe Piccone, scolpita nella 2ª metà del XVIII secolo.

La leggenda narra che un veliero naufragava, nel bel mezzo di una fortissima tempesta, nei pressi del porto di Licata. I marinai di quel luogo, accorsi in aiuto, scoprirono che il veliero conservava una statua lignea dell'Addolorata. Allora i licatesi chiesero al comandante del veliero se potevano tenere la statua, e così la collocarono nell'altare maggiore di una piccola chiesa dei dintorni.

La statua porta un medaglione con le reliquia della crocifissione, un'aureola d'argento e un pugnale al seno.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Di stile rococò, la chiesa ad un'unica navata di pochi metri, conserva opere rilevanti, come il dipinto della Madonna della cintura con il bambino e i SS. Agostino e Monica, e un crocifisso molto antico e di pregiata fattura. Il sotto arco è adornato di sette dipinti a forma circolare che raffigurano i 7 dolori della Vergine, dipinti da un autore locale, Giuseppe Spina.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]