Chiesa di San Martino (Caprino Veronese)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Martino
Platano, chiesa di San Martino 01.jpg
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàPlatano (Caprino Veronese)
Coordinate45°36′37.47″N 10°48′56.98″E / 45.610407°N 10.815828°E45.610407; 10.815828
Religionecattolica
TitolareMartino di Tours
Diocesi Verona

La chiesa di San Martino è una chiesa cattolica situata a Platano, frazione del comune di Caprino Veronese, in provincia di Verona; è sussidiaria della parrocchiale dei Santi Vito, Modesto e Crescenzia di Pazzon, e fa parte della diocesi di Verona[1][2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Interno

La data di costruzione di questo luogo di culto è ignota, collocabile probabilmente nel XII secolo, o forse anche più indietro; la prima citazione documentale giunta sino a noi è il verbale di una visita pastorale del 1228, quando è detta cappella soggetta alla pieve di Santa Maria di Caprino[1]. L'edificio venne decorato a più riprese: parte degli affreschi esterni risale a fine Duecento-inizio Trecento, mentre il resto degli affreschi esterni e tutti quelli interni sono del Cinquecento[1]. Entro il 1650 un edificio venne costruito contro la facciata, oscurando[3], e nel corso del XVIII secolo venne eretto il campanile[1].

La chiesa, che nel 1534 era di proprietà della famiglia nobile dei Montagna, passò ai Brenzoni nel 1595; nel frattempo (1568) era stata accorpata alla neonata parrocchia di Pazzon, che ne avrebbe ottenuto anche la proprietà quattro secoli dopo, nel 1950[1].

La struttura è stata sottosposta a restauro varie volte dal Novecento; prima nel 1913-14, poi nel 1983 (ad opera del Gruppo Alpini di Lubiara), ancora nel 2002 (restauro degli affreschi esterni) e infine nel 2010-11 (restauro degli affreschi interni)[1][2]. L'adeguamento liturgico è stato effettuato gradualmente tra il 1965 e il 2014, recuperando l'altare preconciliare e disponendolo versus populi, e aggiungendo un ambone in pietra[1]. Oltre che essere luogo di culto, la chiesa è anche "museo di sé stessa", ed è sottoposta a costante monitoraggio per la conservazione delle sue opere, con attenzione al microclima dell'interno e manutenzione periodica[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

L'affresco di san Martino sotto al portico
Paliotto raffigurante i santi Caterina d'Alessandria, Martino e Lucia con gli stemmi dei Brenzoni e dei Boldieri
L'altare dei Montagna con il trittico dei santi Antonio di Padova, Francesco e Agapito

La chiesa si presenta al visitatore con il fianco destro (quello verso sud), dove due portali a tutto sesto riparati da un porticato consentono l'accesso; contro l'originale facciata a capanna, infatti, si trova ora addossato un edificio residenziale[1][2]. La parete meridionale è decorata da tre affreschi: una raffigurazione di san Martino mentre taglia il suo mantello per donarne metà al povero, eseguita tra la fine del Duecento e l'inizio del Trecento da autore ignoto; un san Cristoforo trecentesco, realizzato nello stesso stile di san Martino (forse dello stesso autore); e infine una Madonna con Bambino tra i santi Sebastiano e Rocco, in parte sovrapposta a san Cristoforo, con un'iscrizione che recita OMNIUM. OPIFICI MDXII: questa venne realizzata nel 1512, probabilmente a seguito dell'epidemia di peste che colpì il Veronese in quegli anni[2].

Sulla destra, appoggiato al fianco meridionale del presbiterio e stretto sul lato opposto da un altro edificio residenziale, si eleva il campanile; si tratta di una massiccia torre a base quadrata, con una piccola sagrestia al piano terra, cella campanaria aperta da monofore e cuspide piramidale in pietra[1][2].

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno è ad aula unica, pavimentata con pianelle di cotto e con copertura a capanna con travi e capriate a vista; il presbiterio, rialzato di un gradino, è concluso da un'abside semicircolare[1][2]. Nella parete settentrionale si apre una piccola cappellina absidata, con lacerti di sinopia e dipinti murali, che ospita l'altare "dei Montagna", commissionato nel 1496 da Antonio Montagna, che ha per pala una tavola lignea raffigurante i santi Antonio di Padova, Francesco d'Assisi e Agapito, che è il dipinto più antico conservato nella chiesa[1][2].

Nel presbiterio si trova il paliotto dell'altare maggiore, datato 1513, che ritrae i santi Martino, Caterina e Lucia: venne realizzato per commemorare un matrimonio tra le famiglie Brenzoni e Boldieri, i cui stemmi appaiono sulle colonnine centrali[2]. In chiesa è conservata anche una cornice lignea tripartita, ornata in alto da una Madonna con Bambino; in origine essa ospitava un trittico dei santi Martino, Sebastiano e Rocco, ora in una collezione privata[2].

Nella chiesa vi sono anche altri affreschi, databili al tardo XV-inizio XVI secolo, purtroppo assai degradati: in particolare si distinguono un'Annunciazione con Dio Padre sull'arco santo, e nel catino absidale un frammento di mandorla con il volto di Cristo e i simboli di due evangelisti, l'angelo di Matteo e il leone di Marco[1][2]. In controfacciata è dipinta la figura di un orante, settecentesca e attribuita a Giovanni Ghirlandini[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Chiesa di San Martino <Pazzon, Caprino Veronese>, su Le chiese delle diocesi italiane, Conferenza Episcopale Italiana. URL consultato il 9 settembre 2022.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l Anche nell’arte: cura e prevenzione. Il caso della Chiesa museo di San Martino a Caprino Veronese, su RestaurArts. URL consultato il 9 settembre 2022.
  3. ^ Chiesa oratorio di San Martino, su Garda Tourism. URL consultato il 9 settembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]