Catino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Bacile" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Bacile (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'elemento architettonico, vedi catino absidale.
Un catino metallico per la pulizia personale

Il catino o bacino o bacile è un recipiente o vaso in forma rotonda e concava, basso con bordi rovesciati all'esterno. Costruito in terracotta, plastica o metallo, è destinato a contenere liquidi, comunemente usato per lavarsi.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Catino deriva dal latino catīnus che significa ‘piatto largo’, di etimo sconosciuto, forse relitto mediterraneo affine a cadus[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lavaggio della biancheria in un catino all'interno di un kibbuz (anni trenta)
Bacinella (anni 1950)

Le dimensioni, la materia e la forma erano in funzione all'utilizzo specifico. Fabbricati da una lamina di bronzo lavorata a maglio, con decorazioni incise su ampi bordi di forma schiacciata, erano comuni nella produzione bronzistica etrusca. Avevano molteplici usi come vassoi, piatti di portata, ma anche come coperchi d'urne cinerarie.

Ampiamente diffusi dalla Puglia alla Gallia, erano considerati simboli di prestigio, ottenuti come dono o attraverso scambi commerciali.

Nell'antichità veniva dato questo nome a contenitori metallici che venivano arroventati ed utilizzati per abbacinare.

Nel Medioevo assunsero grandi dimensioni quelli utilizzati a tavola, in quanto dovevano servire tutti i commensali. Nell'età rinascimentale ottennero grande diffusione quelli di ottone, mentre nei secoli precedenti erano in maggior numero quelli di rame e di bronzo, e in minor numero di oro e argento. Tra le espressioni artistiche più significative vi è stata la produzione spagnola di derivazione moresca, relativa soprattutto ai catini di maiolica con riflessi metallici, sbocciata nei secoli XV e XVI. Uno dei centri di produzione più importanti è stato quello di Dinant, in Francia.

Nel XVII e nel XVIII secolo sono stati prevalentemente gli inglesi a realizzare eleganti parures di bacile e brocca[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Battisti e Giovanni Alessio, Dizionario etimologico italiano, Firenze, Barbera, 1950-57, p. I, 813, SBN IT\ICCU\LIA\0963830.
  2. ^ Le muse, I, Novara, De Agostini, 1964, p. 512.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cl. Albore Livadie La situazione in Campania - Il commercio etrusco arcaico, da Quaderni per l'Archeologia Etrusco-Italica 9.
  • Werner Johannowsky, A proposito delle importazioni di suppellettile di lusso e da tavola lungo la costa orientale della Lucania e la Campania dalla fine del VII al IV secolo, in Navies and Commerce of the Greeks, the Carthaginians and the Etruscans in the Tyrrhenian Sea.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Bacile con orlo a treccia, su archeona.arti.beniculturali.it. URL consultato il 17 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2007).