Abbacinamento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'abbacinamento era un'antica forma di tortura, di origine cartaginese poi bizantina.

Il supplizio consisteva nel causare la cecità della vittima, o esponendola al sole dopo averla privata delle palpebre, oppure avvicinando un bacino rovente (una sorta di spillone) agli occhi, che venivano forzosamente tenuti aperti.

Questa forma di tortura era solitamente usata in guerra dai Bizantini, contro i nemici catturati come prigionieri, ma, secondo la leggenda, una illustre vittima fu già Attilio Regolo. Storicamente tale tortura era praticata specialmente contro re che venivano deposti dal trono o anche contro nobili e feudatari che tramavano contro i sovrani.

Episodi storici[modifica | modifica wikitesto]

Basilio II della dinastia macedone fece accecare tutti i nemici catturati e li mandò indietro al re bulgaro Samuele, legati a gruppi di cinquanta (secondo altre fonti, i gruppi erano di cento), al primo dei quali era stato lasciato uno solo dei due occhi.

Federico II, scoperto un complotto dei baroni siciliani per rovesciarlo, muove contro i traditori e li uccide a Napoli, dopo averli fatti accecare. I congiurati vennero puniti secondo la prassi, mediante accecamento con chiodo rovente (una variante dello spillone) conficcato negli occhi. Allo stesso supplizio fu sottoposto il suo segretario particolare, Pier delle Vigne, secondo una chiosa trecentesca al Canto XIII dell'Inferno. L'episodio è dichiarato avvenuto in piazza San Gimignano a Pontremoli nel marzo del 1249.

Episodio analogo accadde alla morte di Carlo I d'Angiò. Il re di Francia avanza pretese circa la Sicilia e raduna una grossa flotta sulle coste catalane, minacciando Girona ai danni degli aragonesi. Ruggiero di Lauria, barone e fratello di latte di Costanza di Hohenstaufen, informato delle intenzioni dell'armata nemica, lascia l'assedio di Taranto, naviga verso la Spagna, approda a Les Formigues e tende un agguato alla flotta nemica dei francesi, che soccombe. Molte navi sono catturate, altre affondate: Ruggiero fa accecare 259 prigionieri che non sono in grado di riscattarsi: ad uno è, invece, tolto un solo occhio, affinché guidi i suoi compagni dal re di Francia Filippo II l'Ardito.

L'incoronazione imperiale di Carlo Magno fu ritenuta legittima, in quanto il trono di Costantinopoli era considerato vacante: vi sedeva infatti una donna, Irene, che aveva fatto abbacinare il figlio Costantino VI per usurparne il posto.

Nel 1514 il capitano imperiale Francesco Cristoforo Frangipani durante l'assedio al castello del colle di Osoppo da parte di Girolamo Savorgnan il giorno 02 di marzo inflisse un'esemplare punizione a 134 abitanti di Muzzana del Turgnano che passerà alla storia col nome di "li Orbi de Mozana". Ai 56 prigionieri anziani vennero cavati ambedue gli occhi, ai quattro più giovani venne incisa la croce di Sant'Andrea su ambo le guance e ai rimanenti 74 prigionieri venne cavato l’occhio destro e tagliate le tre dita della mano destra affinché non impugnassero mai più le armi. Tutti gli occhi strappati ai prigionieri muzzanesi vennero riposti in un bacile e fatti vedere dal boia agli astanti e, in gesto di sfida macabro e terribile, agli esterrefatti assediati sul colle che assistettero alla terribile rappresaglia.[1][2]

In campo letterario, un celebre episodio di abbacinamento è quello in cui a tale pena viene condannato Michele Strogoff (nel romanzo omonimo di Giulio Verne), catturato dai Tartari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Casasola Renzo, Li orbi de Mozana.
  2. ^ comune.muzzanadelturgnano.ud.it, http://www.comune.muzzanadelturgnano.ud.it/index.php?id=30134.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia