Caterina di Guimarães

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Infanta Caterina di Portogallo
Catarina duquesa braganza.jpg
Duchessa di Braganza
Nascita Lisbona, Portogallo, 18 gennaio 1540
Morte Vila Viçosa, Portogallo, 15 novembre 1614
Padre Infante Edoardo del Portogallo, duca di Guimarães
Madre Isabella di Braganza
Consorte di Giovanni I, duca di Braganza

Caterina d'Aviz (Lisbona, 18 gennaio 1540Vila Viçosa, 15 novembre 1614) fu una principessa portoghese e duchessa consorte di Braganza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era la figlia del Principe Eduardo d'Aviz, quarto duca di Guimarães, infante di Portogallo e figlio di Manuele I del Portogallo, e di Isabella di Braganza.

Quando Enrico I del Portogallo morì senza figli nel 1580, i figli di Eduardo d'Aviz e quelli di Isabella d'Aviz furono gli unici discendenti legittimi rimasti in vita di Manuele I. La linea maschile di Eduardo sarebbe stata da preferire rispetto a quella di Isabella, pertanto Caterina avrebbe avuto maggiore diritto al trono rispetto al cugino Filippo II di Spagna, figlio di Isabella.

Caterina aveva inoltre sposato Giovanni di Braganza, pronipote di Giacomo di Braganza, un legittimo erede al trono. Il figlio di Caterina, Teodosio, avrebbe dovuto quindi essere designato legittimo successore di Enrico I.

Filippo II cercò di far desistere i duchi di Braganza dalla rivendicazione dei loro diritti ereditari offrendo a Giovanni il titolo di viceré del Brasile, quello di Gran Maestro dell'Ordine del Cristo, la licenza di inviare una nave personale in India ogni anno, il principe ereditario di Spagna Diego d'Asburgo in matrimonio con una delle figlie dei duchi.

Giovanni, influenzato dalla moglie, rifiutò l'offerta.

Altro pretendente al trono portoghese fu Antonio, Priore di Crato, di discendenza illegittima in quanto figlio del priore Luigi d'Aviz.

Su tutti i pretendenti ebbe alla fine la meglio il re di Spagna che unì sotto un unico sovrano i regni di Portogallo e di Spagna.

I diritti di Caterina sul trono portoghese le vennero riconosciuti indirettamente dopo la sua morte quando nel 1640 suo nipote Giovanni divenne re del Portogallo col nome di Giovanni IV del Portogallo.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Venne data in sposa a Giovanni I di Braganza nel 1563 a cui diede dieci figli:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

"Nobreza de Portugal e Brasil" - Vol. II, pages 29 and 30. Published by Zairol Lda., Lisbon 1989

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]