Castello di Marchione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello di Marchione
Villa Marchione
CastelloMarchione.jpg
La facciata della villa-castello
Stato
Stato attualeItalia Italia
RegionePuglia
CittàConversano,
Contrada Marchione, 58
Coordinate40°55′20″N 17°06′55″E / 40.922222°N 17.115278°E40.922222; 17.115278Coordinate: 40°55′20″N 17°06′55″E / 40.922222°N 17.115278°E40.922222; 17.115278
Mappa di localizzazione: Italia
Castello di Marchione
Informazioni generali
Tipovilla fortificata-castello
StileMedievale e tardo barocco
Inizio costruzionesecolo XIV,
poi 1730
CostruttoreVincenzo Ruffo
MaterialePietra calcarea
Primo proprietarioFamiglia Acquaviva d'Aragona
Condizione attualeOttima
Proprietario attualeFamiglia Tomacelli
VisitabileProprietà privata
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Marchione, o villa Marchione, si trova a circa sei chilometri da Conversano: era, soprattutto nel secolo XVIII, una palazzina di caccia e residenza estiva dei conti di Conversano, gli Acquaviva d'Aragona.

Descrizione e storia[modifica | modifica wikitesto]

L'arme degli Acquaviva, nel castello
Lo stemma degli Acquaviva

L'edificio, recintato e circondato da un verdeggiante giardino, è soprattutto una villa fortificata, nonostante la frequente denominazione di castello; ha un impianto rettangolare con quattro torri mozze angolari balaustrate ed è formato da un pianterreno, uno sopraelevato e uno superiore. Le loggette delle finestre, alle estremità del prospetto principale, comunicano con eleganti terrazzini circolari ricavati dalla copertura delle torrette. Lo scalone d'accesso a doppia rampa che conduce ad una armoniosa loggia con trifora, le menzionate balaustre e le due facciate simmetriche e tripartite caratterizzano la costruzione per la leggiadria e la signorilità della sua architettura.[1]

Il piano terra, medievale, si distingue per un ampio salone ornato da quadri, blasoni gentilizi e simboli venatori. Gli ambienti sovrastanti, tardo barocchi, sono arredati con mobili d'epoca, ceramiche artistiche, i ritratti ad olio del conte di Conversano Giangirolamo II (1600-1665, detto il Guercio delle Puglie) e della moglie Isabella Filomarino, con un prezioso soffitto ligneo in cui campeggia lo stemma e l'albero genealogico degli Acquaviva d'Aragona. Interessante la cappella con un dipinto barocco raffigurante la Vergine con il Bambino.[2]

Non si conosce il significato del nome attribuito al piccolo castello che individua anche la borgata. I feudatari di Conversano risiedevano stabilmente nel poderoso castello della cittadina, ma dimoravano stagionalmente nel palazzetto di Alberobello e a Marchione, per le battute di caccia, attorniato da una boscaglia di alberi di querce e macchia mediterranea, con una superficie di 1260 ettari. Gli abitanti del luogo parlavano di un presunto sotterraneo che congiungeva la villa al castello comitale, a volte utilizzato dal famigerato Guercio, ma pure dai suoi eredi.[3]

Nel 1730 il conte Giulio Antonio III (1691-1746), attratto dalla bellezza della zona, volle trasformare il casino di caccia in una residenza gentilizia e affidò l'incarico all'architetto Vincenzo Ruffo, allievo di Luigi Vanvitelli, autore della Reggia di Caserta.[4]

Dopo la devoluzione della contea al regno di Napoli, nel 1806, la villa andò incontro ad una triste situazione di decadimento culturale ed ambientale: il bosco fu scassato per rendere il terreno coltivabile ed il complesso dato in affitto a famiglie di contadini, assai laboriose ma un po' incuranti del suo patrimonio artistico e storico.[5]

Intorno al 1920, la principessa Giulia Acquaviva d'Aragona (1887-1972) riprese il possesso di Marchione e avviò un'intensa operazione di intelligente restauro, proseguita dal figlio, autentico gentiluomo ed appassionato d'arte, Fabio Tomacelli Filomarino (1920-2003), ultimo discendente della casa Acquaviva d'Aragona, morto senza eredi.[3]

Nel 1976 il castello di Marchione è stato dichiarato monumento nazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Patruno, p. 152.
  2. ^ Maurogiovanni, p. 35.
  3. ^ a b Patruno, p. 153.
  4. ^ Maurogiovanni, p. 36.
  5. ^ Puglia, p. 50

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Puglia, Touring Club Italiano, Milano 1978.
  • G. Bolognini, Storia di Conversano, Bari 1935.
  • V. Maurogiovanni, Castelli pugliesi, Adda, Bari 1978.
  • L. Patruno, Puglia e Basilicata. Mura, Castelli e Dimore, Giorgio Mondadori, Milano 1995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]