Carne di cane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero non essere legalmente accurati, corretti, aggiornati o potrebbero essere illegali in alcuni paesi. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli legali: leggi le avvertenze.
Carne di cane in una pentola
Cane macellato nel Guangdong
Il Bosintang, piatto tipico della tradizione coreana a base di carne di cane
Carne di cane ad Hanoi

La carne di cane è un alimento consumato in diversi paesi del mondo (in particolare in Asia Orientale e Oceania) dove alcune razze canine sono allevate appositamente per la macellazione. La storia di questo prodotto alimentare, e le implicazioni culturali e legali del suo consumo, variano notevolmente da paese a paese.

Approccio culturale al consumo[modifica | modifica wikitesto]

In alcune società, il consumo alimentare di carne di cane si fonda su una stabile tradizione culturale, in altre, come in molti paesi occidentali, è generalmente ritenuto offensivo quando non immorale, sebbene alcuni autori occidentali ritengano che le critiche verso questa scelta culinaria siano un sintomo di intolleranza e di imperialismo culturale.[1][2][3] Altre culture e individui, compresi alcuni non occidentali, si oppongono, di contro, al consumo di carne di cane nei paesi non occidentali, essendo i cani creature emotive e amichevoli nei confronti dell'uomo e/o perché si oppongono a metodi di macellazione che, secondo alcune associazioni animaliste o comunque contro il consumo di questo tipo di carne, sarebbero crudeli.[4][5][6][7]

Nella cultura ebraica, così come in quella islamica, il consumo di cane è proibito dalle leggi alimentari islamiche e dalle regole ebraiche del Casherut.[8]

Nella cultura indiana, chi si ciba della carne di cane viene definito chandala ("intoccabile" nel senso di impuro)[senza fonte].

Nei media, la macellazione ed il consumo di carne di cane e di altri carnivori è stato correlato ad alcuni casi di trasmissione di rabbia,[9] sebbene il WHO affermi che la consumazione della carne, anche cruda, di animali infetti non sia un vettore della rabbia.[10]

Dal 2009 ad oggi, la popolazione locale, nella città cinese di Yulin si tiene il Yulin Dog Meat Festival, un festival della carne di cane dalla durata di 10 giorni. [11][12] [13]

Un quoditiano locale considera le campagne contro lo Yulin Dog Meat Festival come un'interferenza occidentale, e ha citato la corrida come esempio di crudeltà verso gli animali a cui l'Occidente ha chiuso un occhio. Il quoditiano ha ulteriormente classificato la controversia come parte di una campagna occidentale contro la Cina. [14]

Nel corso degli anni si è visto un crescente odio espresso sui sui social nei confronti della popolazione cinese ed asiatica passando da una campagna d'indignazione a una crociata sinofobica. [15]

Consumo nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Artico e Antartico[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente i cani sono stati una fonte di cibo d'emergenza per vari popoli della Siberia, dell'Alaska, della parte più settentrionale del Canada e della Groenlandia. Sono menzionati in letteratura alcuni casi di consumo alimentare di cani da slitta da parte di esploratori occidentali: l'esploratore britannico Ernest Shackleton, durante la spedizione Endurance in Antartide, fu costretto, in mancanza di viveri, a cibarsi dei propri cani da slitta. Casi analoghi coinvolsero gli esploratori Roald Amundsen[16], Douglas Mawson e Xavier Mertz. Quest'ultimo soffrì di ipervitaminosi A, indotta dal consumo del fegato dei cani.[17]

Canada[modifica | modifica wikitesto]

Per una larga fascia della società canadese contemporanea, il consumo di carne di cane è tabù, ma la pratica permane presso alcune minoranze etniche. La legge ambientale canadese (Canada's Wildlife Act, 1973) proibisce la vendita delle carni di qualsiasi specie selvatica, ma nessuna legge, tuttavia, disciplina la vendita di carne canina che può essere quindi liberamente distribuita, se preventivamente macellata sotto il controllo di un ispettore sanitario federale.[18]

Nel 2003, alcuni ispettori sanitari scoprirono quattro carcasse congelate di canidi nel freezer di un ristorante cinese di Edmonton.[19] Dopo gli opportuni controlli, le carcasse, che non erano state denunciate, risultarono appartenere a dei coyote; anche se il ristorante venne chiuso, gli ispettori dichiararono che non era illegale la vendita e il consumo di canidi, fin tanto che la carne fosse stata regolarmente sottoposta ai controlli igienico-sanitari.[20]

Cina[modifica | modifica wikitesto]

In Cina, il consumo varia da regione a regione ma per lo più viene consumata negli stati del Guangdong, Yunnan e del Guangxi nel sud e a Heilongjiang, Jilin e Liaoning nel nord[21].

Vietnam[modifica | modifica wikitesto]

In Vietnam sono ancora oggi assai diffusi piatti a base di carne di cane (thịt chó), retaggio dell'influenza Cinese, tra cui carne alla griglia e stufati, salsicce e polpette. Questi piatti vengono serviti da ristoranti dedicati oppure generalisti, dal sud (Ho Chi Minh City) al nord del paese (Hanoi).

Corea[modifica | modifica wikitesto]

Nella penisola Coreana la carne di cane viene raramente usata per alcune ricette, di antica tradizione sudcoreana come il Bosintang. Il dittatore della Corea del Nord Kim Jong ha invitato la popolazione a mangiare carne di cane come per risolvere il problema della fame di milioni di nordcoreani. Il governo nordcoreano ha avviato campagne di sponsorizzazione parlando di in buon apporto nutritivo della carne di cane. [22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ William Saletan, Wok The Dog -- What's wrong with eating man's best friend?, slate.com, 16 gennaio 2002. URL consultato il 23 luglio 2007.
  2. ^ Ahmed Zihni, Dog Meat Dilemma, sunysb.edu, 2004. URL consultato l'11 maggio 2008 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2007).
  3. ^ John Feffer, The Politics of Dog - When globalization and culinary practice clash, su prospect.org, 2 giugno 2002. URL consultato l'11 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2006).
  4. ^ Comments on action 'Stop the dog-meat trade in Korea', AnimalFreedom.org. URL consultato il 6 agosto 2007.
  5. ^ Sunnan Kum, Sunnan's speech at the HK conference, Friends of Dogs, Korean Animal Protection Society, settembre 2003. URL consultato il 6 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2009).
  6. ^ Withdraw The "Hygienic Control of Dog Meat", Korean Animal Protection Society, marzo 2005. URL consultato il 6 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2008).
  7. ^ Koreans At Their Worst - Killing & Eating Dogs and Cats, dogbiz.com. URL consultato il 6 agosto 2007 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2007).
  8. ^ Translation of Sahih Muslim, Book 21: The Book of Games and the Animals which May be Slaughtered and the Animals that Are to be Eaten., USC-MSA Compendium of Muslim Texts. URL consultato il 27 maggio 2007 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2007). Chapter 3: It is unlawful to eat fanged beasts of prey and birds with talons
  9. ^ Kathleen E. McLaughlin - GlobalPost, Eat a dog, catch rabies?, su globalpost.com, 2 giugno 2009. URL consultato il 4 giugno 2009.
  10. ^ Rabies (Fact Sheet N°99), World Health Organization. URL consultato il 23 giugno 2015. Transmission
  11. ^ In Cina il "Festival della carne di cane". A Yulin è prevista la macellazione di 10.000 animali, su ilmessaggero.it. URL consultato il 17 giugno 2015.
  12. ^ (EN) Dog Days of Yulin, su vice.com. URL consultato il 17 giugno 2015.
  13. ^ https://www.bbc.com/news/world-asia-china-33220235
  14. ^ https://opinion.huanqiu.com/article/9CaKrnJMi7c
  15. ^ https://www.ilfattoquotidiano.it/2016/06/27/cina-giusto-fermare-la-strage-dei-cani-a-yulin-ma-non-saremo-solo-ipocriti/2863094/
  16. ^ Roald Amundsen, The South Pole, su gutenberg.org. URL consultato il 30 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 29 marzo 2012).
  17. ^ Douglas Mawson, The Home of the Blizzard, su gutenberg.org.
  18. ^ Canine carcasses at Edmonton restaurant were coyotes, Canadian Broadcasting Corporation, 11 novembre 2003. URL consultato il 19 aprile 2007.
  19. ^ Ready-to-cook canines at Edmonton restaurant, Canadian Broadcasting Corporation, 5 novembre 2003. URL consultato il 19 aprile 2007.
  20. ^ Dog meat legal, health inspector says, Canadian Broadcasting Corporation, 7 novembre 2003. URL consultato il 19 aprile 2007.
  21. ^ How many cats & dogs are eaten in Asia? AP 9.03, in animalpeoplenews.org (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2012).
  22. ^ http://www.corriere.it/esteri/16_agosto_17/invito-kim-jong-un-mangiate-carne-cane-piu-nutriente-34083a14-645b-11e6-8281-0851fdf23454.shtml

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fredrik Colting, Carl-Johan Gadd, The Pet Cookbook: Have your best Friend for dinner, a cura di Magnus Andersson Gadd, Canada, Nicotext, 10 luglio 2005, ISBN 91-974883-4-8.
  • (KOEN) Yong-Geun Ann, Ph.D, Dog Meat, Hyoil Book Publishing Company. URL consultato il 18 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011). (contains some recipes)
  • (DE) Uwe Dressler, Alexander Neumeister, Der Kalte Hund, Dresden, IBIS-Ed., 1º maggio 2003, ISBN 3-8330-0650-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina