Carlo Mezzanotte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Mezzanotte (Modena, 4 ottobre 1942Gaeta, 22 marzo 2008) è stato un giurista e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Leopoldo Elia, è stato Professore ordinario di diritto costituzionale presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università LUISS Guido Carli, ed ha svolto inoltre la professione di avvocato. Ha difeso alcuni gruppi imprenditoriali italiani, tra i quali il Gruppo Fininvest, società per la quale tra gli anni ottanta e la metà degli anni novanta è stato, assieme ad Aldo Bonomo, il legale di riferimento[1].

Attività giurisdizionale[modifica | modifica wikitesto]

Fu eletto giudice della Corte costituzionale dal Parlamento in seduta comune (con 608 voti) il 24 gennaio 1996.

Nominato Vice Presidente della Corte medesima il 28 gennaio 2004 e il 22 settembre 2004, è cessato dalla carica di Vice Presidente e di Giudice il 30 gennaio 2005.

Nel suo operato alla Corte costituzionale si ricorda la[2] sentenza n. 303 del 2003, pronuncia in materia di rapporto tra Stato e Regioni, nonché la sentenza n. 379 del 1996, tra le prime dare ingresso alla “grande regola” dello Stato di diritto anche nel micro-ordinamento parlamentare[3].

Produzione scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Fra le sue opere, Il giudizio sulle leggi. Le ideologie del Costituente, Milano, 1979; Corte Costituzionale e legittimazione politica, Roma, 1984; nonché (con Antonio Baldassarre) Gli uomini del Quirinale, Roma-Bari, Laterza, 1985, e, infine, sempre con Antonio Baldassarre, Introduzione alla Costituzione, Roma-Bari, Laterza 1986.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 19 febbraio 2001[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anche di lui Giuliano Vassalli scrisse che, come altri avvocati divenuti giudici, operò "dimostrando sempre grande senso di indipendenza e dispiegando la propria saggezza e la propria dottrina nelle camere di consiglio": Giuliano Vassalli, Testimonianza, Giornale di storia costituzionale. I semestre, 2006, p. 60.
  2. ^ Definita "la sentenza audace e geniale (...) di Carlo Mezzanotte" da Andrea Manzella, Vincenzo Caianiello, un giurista indipendente, Nuova Antologia, Luglio-Settembre 2010, p. 45.
  3. ^ Giampiero Buonomo, La legge sulle lobbies, Mondoperaio, 22 maggio 2014.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
Controllo di autoritàVIAF: (EN4994100 · ISNI: (EN0000 0000 2797 7840 · SBN: IT\ICCU\CFIV\023801 · LCCN: (ENn85384491 · BNF: (FRcb12288893d (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie