Carlo Faucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Carlo Faucci (Firenze, 1729Firenze, 1784) è stato un incisore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attivo soprattutto nella natia Firenze, fu allievo del noto incisore fiorentino Carlo Gregori, con il quale studiò la calcografia al bulino e all'acquaforte, specializzandosi nell'incisione di riproduzione.[1][2]

Nell'Abecedario pittorico edito a Firenze nel 1776 si fa menzione di Faucci come «celebre incisore fiorentino».[1] Fu coinvolto nelle iniziative della Galleria d'arte del marchese Andrea Gerini,[2] mentre Giuseppe Pelli Bencivenni gli commissionò nel 1767 un ritratto di Montesquieu.[1] Faucci ebbe legami anche con l'editore inglese John Boydell.[1][2]

Il suo allievo Gaetano Vascellini lo raffigurò in un'incisione all'acquaforte rappresentandolo di tre quarti, con in mano il bulino e in testa il turbante.[1] Ebbe un nipote, Raimondo, anch'egli incisore, con il quale collaborò.[1]

Opere (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Faucci realizzò incisioni e illustrazioni per i seguenti volumi:[1][2][3]

  • Giuseppe Maria Brocchi, Descrizione della provincia del Mugello con la carta geografica del medesimo, Firenze, 1748.
    • Topografia della provincia del Mugello situata alle falde degli Appennini in Toscana
  • Opus Bernardini Poccetti qd. in saccello Ss.rum Nerei et Achillei in atrio templi S. M.ae Magdalenae de Pazzis Florentiae adservatum, Firenze, 1758-1759, con Ferdinando Gregori e Giovanni Battista Betti.
  • Raccolta di stampe rappresentanti i quadri più scelti de' signori marchesi Gerini, Firenze, 1759.
  • Chronologica series simulacrorum regiae familiae Mediceae, Firenze, 1761, con Giovanni Domenico Campiglia, Giuseppe Zocchi e Francesco Allegrini.
  • Vita di Anton Domenico Gabbiani, Firenze, 1762.
  • Serie di ritratti d'uomini illustri toscani con gli elogi storici dei medesimi, Firenze, 1766-1778.
  • Raccolta di ottanta stampe rappresentanti i quadri più scelti de' signori marchesi Gerini, Firenze, 1786.
    • Ritratto di Anton Vandich (autoritratto a mezzo busto)
    • Lo Sposalizio di Maria Vergine, da Pietro da Cortona
    • Gesù Cristo deposto di croce da' discepoli, da Jacopo Bassano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Artemisia Abrami Calcagni, FAUCCI, Carlo, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 45, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1995. URL consultato il 24 novembre 2017.
  2. ^ a b c d Luigi De Angelis, Notizie degli intagliatori con osservazioni critiche, vol. 9, Siena, Onorato Porri, 1811, pp. 291–293. URL consultato il 24 novembre 2017.
  3. ^ Giovanni Gori Gandellini, Notizie istoriche degli intagliatori, vol. 2, Siena, Onorato Porri, 1808, pp. 12–14. URL consultato il 24 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 1665 4349