Carlo Chiostri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Chiostri, Pinocchio col Gatto e la Volpe al Gambero Rosso, 1901

Carlo Chiostri (Firenze, 1863Firenze, 1939) è stato un pittore e illustratore italiano tra i primi illustratori di Pinocchio nel 1901.

Copertina di Carlo Chiostri per il romanzo di Emilio Salgari Le meraviglie del duemila (1907).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Chiostri, "figurinaio fiorentino" [1], realizzò i suoi primi disegni alla fine dell'Ottocento. Collaborò principalmente con gli editori Bemporad e Salani. Per il Pinocchio di Carlo Collodi [2] le sue illustrazioni furono eseguite a penna e acquerello; poi incise su legno, a scapito però dello sfumato.

I disegni per il libro Ciondolino (1896) di Vamba, furono eseguiti con la fotoincisione e quindi "restituiti all'eleganza e alla grazia dell'originale".

Chiostri lavorò anche per i testi di molti autori, fra i quali Alberto Cioci (Lucignolo, l'amico di Pinocchio), Luigi Capuana, Emma Perodi, Collodi Nipote, Emilio Salgari, Victor Hugo [3] e Tommaso Catani, di cui illustrò tutte le opere. Collaborò a Il giornalino della Domenica. Scrisse Il falco e la colomba: melanconie d'un Gatto bigio nel 1910 e illustrò anche cartoline.

Piero Bernardini ha scritto di Carlo Chiostri:

« ... dovette, curvo sul suo piccolo tavolo (forse d'inverno con lo scaldino fra le gambe), farne molte di queste figurine per vivere in una decorosa povertà. [4] »

E Giuseppe Pollicelli:

« Tematica costante dei disegni di Chiostri è stato il nordico mondo delle fate e degli elfi, che l'autore toscano ha saputo adattare magistralmente al gusto e alla mentalità italiani. Scorrendo le pagine di Tra fate e nani ci imbattiamo in personaggi che hanno ereditato innumerevoli caratteristiche dagli angeli presenti nell'immaginario figurativo cattolico, e certe fate hanno l'aspetto delle mamme di una volta: grassottelle e dal volto dolce. [5] »

Nell'opera del Chiostri sono presenti realtà oggettive assieme a elementi magici e surreali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Faeti, Guardare le figure. Gli illustratori italiani dei libri per l'infanzia, Torino, Einaudi, 1972, p. 195 (nuova edizione, Roma, Donzelli, 2011).
  2. ^ C, Collodi, Le avventure di Pinocchio, Firenze, Bemporad, 1901.
  3. ^ Victor Hugo, I Miserabili. Illustrazioni di Carlo Chiostri, ebook https://books.google.it/, Edimedia, 2013.
  4. ^ Piero Bernardini in: Antonio Faeti, Guardare le figure. Gli illustratori italiani dei libri per l'infanzia, Torino, Einaudi, 1972, p. 66 (nuova edizione, Roma, Donzelli, 2011).
  5. ^ Giuseppe Pollicelli: Tra fate e nani, su Fumo di China n. 8/35, Ed. Alessandro Distribuzioni, Bologna, settembre 1989, p. 45.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tiziano Loschi, Documentazione. Dal figurinaio al cartoonist in Almanacco italiano 1975, volume LXXV. Firenze, Giunti-Marzocco, 1974.
  • Antonio Faeti, Guardare le figure. Gli illustratori italiani dei libri per l'infanzia, Torino, Einaudi, 1972, (nuova edizione, Roma, Donzelli, 2011)
  • C'era una volta un mago. Carlo Chiostri, a cura di Paola Pallottino, introduzione di Antonio Faeti, Bologna, Cappelli editore, 1979
  • Paola Pallottino, Storia dell'illustrazione italiana. Cinque secoli di immagini riprodotte, nuova edizione, Firenze, Usher Arte, 2010
  • Valentino Baldacci, Andrea Rauch, Pinocchio e la sua immagine, Firenze, Giunti, 1981 (nuova edizione 2006)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69985595 · ISNI: (EN0000 0000 5950 8467 · SBN: IT\ICCU\CFIV\091187 · LCCN: (ENn87855673 · GND: (DE128605340 · BAV: ADV12272708