Carla Bley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carla Bley
Fotografia di Carla Bley
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Periodo di attività 1959 – ?
Strumento pianoforte, organo, tastiere

Carla Bley, cognome di nascita Borg (Oakland, 11 maggio 1936), è una compositrice, pianista e organista statunitense di musica jazz.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce ad Oakland in California ma già dall'età di sedici anni si trasferisce a New York, per entrare in contatto con l'ambiente jazz più importante all'epoca. A 21 anni si sposa con il pianista jazz Paul Bley, del quale terrà il nome da sposata, sebbene la coppia abbia in seguito divorziato. Già a partire dal 1960 sue composizioni sono eseguite da diversi jazzisti di fama come George Russell, Jimmy Giuffrè, Art Farmer e lo stesso Paul Bley. Diventa in seguito importante figura del movimento Free jazz degli anni sessanta: collabora con la Liberation Music Orchestra di Charlie Haden e con artisti di diverso stampo come Steve Lacy, Don Cherry, Roswell Rudd, Jack Bruce, Robert Wyatt e con il batterista dei Pink Floyd Nick Mason.

Il suo album Escalator over the Hill del 1968, una collaborazione con Paul Haines, è un'Opera jazz-rock informale che vide la partecipazioni di ospiti quali Jack Bruce, Sheila Jordan, Linda Rostandt e Jeanne Lee.[senza fonte]

Nel corso degli anni settanta fonda una big band, tuttora attiva, che porta il suo nome e che l'ha vista esibirsi sui palchi di tutto il mondo. Tale big band si rifà all'insegnamento delle orchestre di Gil Evans e dell'ultimo Duke Ellington potendo contare sull'apporto di molti valenti musicisti, provenienti dai più disparati contesti musicali.[1] Da diversi anni suo importante partner musicale e di vita è il bassista elettrico Steve Swallow. In Italia ha lavorato con l'orchestra Jazz Siciliana The Brass Group, e con i trombettisti Paolo Fresu e Enrico Rava e con il trombonista Gianluca Petrella.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Albums[modifica | modifica sorgente]

Carla Bley nel 2009 a Innsbruck

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Carla Bley Big Band

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44484407 LCCN: n80159163