Campovico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campovico
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Sondrio-Stemma.png Sondrio
Comune Morbegno-Stemma.png Morbegno
Territorio
Coordinate 46°08′N 9°34′E / 46.133333°N 9.566667°E46.133333; 9.566667 (Campovico)Coordinate: 46°08′N 9°34′E / 46.133333°N 9.566667°E46.133333; 9.566667 (Campovico)
Abitanti 900
Altre informazioni
Cod. postale 23017
Prefisso 0342
Fuso orario UTC+1
Cod. catastale B571
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campovico
Campovico

Campovico, in Provincia di Sondrio, è stato un comune autonomo fino al 1939 quando divenne una delle quattro frazioni del Comune di Morbegno.

È collegato alla città dal settecentesco Ponte di Ganda e confina ad est con la frazione di Paniga e a sud con il fiume Adda. La Chiesa Parrocchiale di Campovico, intitolatata alla Visitazione della Beata Vergine, fu costruita a partire del 1665 e consacrata nel 1706.

Testimonianze storiche[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Guler von Weineck, che fu governatore grigione della Valtellina dal 1587 al 1588, così descrive l'abitato di Campovico:

« Vicino ai Torchi c’è Campovico, in basso nella pianura vicino all’impetuoso torrente Tovate; è un villaggio assai antico che fu un giorno molto fiorente, sia per la sua numerosa popolazione, sia ancora per i mercati settimanali e per le fiere annuali che ivi si tenevano prima che fossero trasferiti a Morbegno. L’Adda ed il torrente Tovate, in mezzo ai quali sta Campovico, hanno poi rovinata e insabbiata non solo la pianura che era vasta e ridente, ma anche il paese stesso; e a tal segno che oggi si scorgono appena poche tracce della sua passata floridezza, perché gli abitanti si sono trasferiti in alto, a Cermeledo. »

(Giovanni Guler von Weineck, 1616)