Buco nero AdS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella fisica teorica, per buco nero AdS si intende una soluzione di buco nero nell'ambito della relatività generale o delle sue estensioni, che rappresenta un oggetto massivo isolato, ma con una costante cosmologica diversa da zero. Una tale soluzione avvicina asintoticamente lo spazio Anti de Sitter (AdS) a un infinito spaziale, ed è una generalizzazione della soluzione del vuoto di Kerr, la quale avvicina asintoticamente lo spaziotempo di Minkowski all'infinito spaziale.

Metrica[modifica | modifica wikitesto]

In 3+1D, la metrica è data da

dove t è la coordinata del tempo, r è la coordinata radiale, Ω sono le coordinate polari, C è una costante e k è la curvatura AdS.

In generale, in d+1D, la metrica è data da

Secondo la corrispondenza AdS/CFT, se la gravità fosse quantizzata, un buco nero AdS sarebbe duale allo stato termico sul limite isogonico.
Nel contesto della corrispondenza AdS/QCD, questo corrisponderebbe alla fase di deconfinamento del plasma di quark e gluoni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Einstein, Zur allgemeinen Relativitatstheorie, Sitzungsberichte der Königlich Preussischen Akademie der Wissenschaften (1915) 778, Addendum-ibid. (1915) 799.
  • K. Schwarzschild, On the gravitational field of a sphere of incompressible fluid according to Einstein's theory, Sitzungsber. Preuss. Akad. Wiss. Berlin (Math. Phys. ) 1916 (1916) 424-434
  • M.D. Kruskal, Maximal Extension of Schwarzschild Metric, Phys. Rev. 119, 1743 (1960)
  • R. Kerr, Gravitational field of a spinning mass as an example of algebraically special metrics, Physical Review Letters 11 237-238 (1963).
  • R.H. Boyer, R.W. Lindquist, Maximal analytic extension of the Kerr metric, J. Math. Phys. 8, 265-81 (1967)
  • Jacob Bekenstein, Buchi neri, comunicazione, energia, Di Renzo Editore
  • Stephen Hawking, Dal big bang ai buchi neri. Breve storia del tempo, Rizzoli, Milano 2000
  • Immanuel Kant, Metaphysiche anfangsgründe der naturwissenschaft, ediz. II, pag.33.
  • John Taylor, I buchi neri. La fine dell'universo?, Eco, Milano, 2002
  • Mitchell Begelman, L'attrazione fatale della gravità. I buchi neri dell'universo, Zanichelli, Bologna, 1997.
  • H. Stephani, D. Kramer, M. MacCallum, C.Hoenselaers, and E. Herlt, Exact Solutions of Einstein's Field Equations, (Cambridge University Press, 2002).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]