Buco bianco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Modello di possibili evoluzioni di un multiverso o di un universo, con al centro un buco bianco che crea il Big Bang

In relatività generale, un buco bianco è un'ipotetica regione dello spaziotempo e una singolarità dentro cui non si può entrare dall'esterno, ma dalla quale può uscire energia-materia e luce. In questo senso è l'opposto del buco nero, in cui si può entrare solo dall'esterno e da cui non può uscire né energia-materia né luce. Attualmente, nessuno ha potuto osservare un buco bianco, l'ipotetica finestra su altri universi e grandi singolarità. I buchi bianchi, tra i più grandi misteri della fisica, appaiono nella teoria dei buchi neri eterni: alcuni autori affermano che buchi neri e buchi bianchi potrebbero essere collegati. In aggiunta a una regione di buco nero nel futuro, questa soluzione dell'equazione di campo di Einstein prevede una regione di buco bianco nel passato.[1] Tuttavia, Stephen Hawking credeva che questa regione non esista per i buchi neri originatisi da un collasso gravitazionale e inoltre non ci sono processi fisici noti, tramite i quali possa formarsi un buco bianco. Sebbene le prove e le informazioni riguardanti i buchi bianchi siano ancora inconcludenti, l'evento del 2006 GRB 060614 è stato proposto come la prima osservazione documentata di un buco bianco.[2]

Si prevedeva teoricamente che i buchi neri supermassicci (SBH dall'inglese) fossero al centro di ogni galassia e che forse una galassia non potesse formarsi senza di esso. La previsione teorica ha poi ritrovato riscontro, almeno per quanto riguarda la Via Lattea, in una serie di studi effettuati nel 2017, e pubblicati nel 2022, che hanno inoltre permesso di fotografare Sagittarius A*, nome con cui è noto il buco nero supermassiccio al centro della galassia.[3]

Stephen Hawking[4] e altri hanno suggerito che questi SBH generino un buco bianco supermassiccio.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sean M. Carroll, Spacetime and Geometry, 5.7ª ed., Addison-Wesley, 2004, ISBN 0-8053-8732-3.
  2. ^ Martin Ratcliffe, State of the Universe 2008 : new images, discoveries and events, Springer Science & Business Media, febbraio 2008, p. 57, ISBN 978-0-387-73998-4.
  3. ^ @NatGeoItaly, La prima foto del buco nero al centro della nostra galassia, su National Geographic, 18 maggio 2022. URL consultato il 12 giugno 2022.
  4. ^ Hawking e Penrose, The Nature of Space and Time (Princeton, 1996)
  5. ^ Is the Big Bang a black hole?, su math.ucr.edu.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85146481 · J9U (ENHE987007556015005171