Brassica rupestris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cavolo rupestre
Brassica rupestris.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Brassica
Specie B. rupestris
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Rosidi
(clade) Euasteridi II
Ordine Brassicales
Famiglia Brassicaceae
Nomenclatura binomiale
Brassica rupestris
Raf., 1810

Il cavolo rupestre (Brassica rupestris Raf., 1810) è una pianta erbacea della famiglia delle Brassicacee[2], endemica della Sicilia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una specie erbacea perenne, con portamento suffruticoso, con fusti legnosi alti sino a 150 cm.[3]
Le foglie basali sono lirate, glabre o talora ricoperte da una corta peluria, lunghe da 15 a 40 cm, mentre le foglie cauline sono ovate e gradualmente più piccole.
I fiori, di colore giallo, posseggono, come tutte le crucifere, 4 petali e 6 stami e sono riuniti a formare densi racemi.
Il frutto è una siliqua a sezione quadrangolare, più o meno curva, lunga 40–100 mm, con un becco di circa 10 mm.
Il numero cromosomico di Brassica rupestris è 2n=18 [4].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è endemica della Sicilia centro-occidentale [5]. In passato è stata segnalata anche in Calabria e Campania ma tale presenza non è più stata confermata.[1]

Cresce sulle rupi calcaree, da 200 a 1.200 m di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono note due sottospecie:[5]

  • Brassica rupestris subsp. rupestris
  • Brassica rupestris subsp. hispida

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Branca, F. & Donnini, D. 2013, Brassica rupestris, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017. URL consultato il 18 febbraio 2016.
  2. ^ (EN) Brassica rupestris Raf., in The Plant List. URL consultato il 25 febbraio 2016.
  3. ^ (EN) Raimondo F.M. , Mazzola P. & Ottonello D., On the taxonomy and distribution of Brassica sect. Brassica (Cruciferae) in Sicily (PDF), in Flora Mediterranea, vol. 1, 1991, pp. 63-86.
  4. ^ Colombo, P., Colombo, R., Marcenò, C. & Pavone, P., Numeri cromosomici per la flora italiana, in Inform. Bot. Ital., vol. 10, 1979, pp. 406-413.
  5. ^ a b (EN) Raimondo F.M., Scialabba A., Zecca G., Grassi F., Casazza G., Minuto L., Genetic diversity in the endangered Sicilian endemic Brassica rupestris: Proposals for a conservation strategy, in Plant Biosystems, vol. 146, nº 4, 2012, pp. 847-856.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica