Boulevard des Capucines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Opera urbana}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Il boulevard des Capucines all'inizio del XX secolo

Il boulevard des Capucines è uno dei Grands Boulevards di Parigi. Passa per il e il arrondissement. Lungo 440 m (e largo 35,4), va dal n. 25 di rue Louis-le-Grand e n. 1 di rue de la Chaussée-d'Antin al n. 24 di rue des Capucines e al N. 2 di rue de Caumartin. Sua naturale prosecuzione è il boulevard de la Madeleine.

È servito dalle stazioni della metropolitana di Opéra e di Madeleine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il boulevard venne aperto nel luglio del 1676 e deve il suo attuale nome al Convento dei Cappuccini, il cui giardino si estendeva lungo il lato sud fiancheggiante l'allora rue Neuve-des-Capucines, prima che diventasse un boulevard. Durante il periodo rivoluzionario era una parte del boulevard Cerutti.

La rue Basse-du-Rempart, che era stata tracciata su una parte del sedime dell'attuale boulevard, esprime bene il fatto che la via era situata originalmente ai piedi stessi della cinta difensiva fatta erigere da Luigi XIII.

Luoghi di particolare interesse[modifica | modifica wikitesto]

(per numero civico)

Paramount Opéra
Prima sede della sala cinematografica
Mistinguett
  • N. 1: Il Café napolitain, celebre per gli scrittori, giornalisti e attori che lo frequentarono: Catulle Mendès, Jean Moréas, Paul Armand Silvestre, Laurent Tailhade
  • N. 2: ubicazione dell'antico "palazzo Montmorency", che fece posto al théâtre du Vaudeville nel 1869, poi al cinema Paramount Opéra nel 1927. La sua grande sala corrisponde alla fondazione del grande salone del palazzo del XVIII secolo, la cui facciata rotonda è stata conservata.
  • N. 5: ubicazione del laboratorio fotografico di Pierre-Louis Pierson, associato poi ai fratelli Mayer, che fu il fotografo accreditato dalla contessa di Castiglione.
  • N. 7: ubicazione nel 1825 del Géorama oe si vedeva « l'intero globo terrestre» dall'interno d'una sfera di 14 metri di diametro.
  • N. 8: l'antica sede parigina della Gresham Life Assurance Limited. Più tardi Offenbach vi abitò dal 1876 e vi morì nel 1880.
  • N. 11: ubicazione del laboratorio fotografico di Adrien Tournachon, aperto nel 1853.
  • N. 12: le Grand-Hôtel.
  • N. 14: l'hôtel Scribe e ubicazione del Grand Café ove avevano luogo, nel Salone indiano del seminterrato, le prime proiezioni pubbliche a pagamento del cinema d'Auguste e Louis Lumière, il 28 dicembre 1895. Vi si sperimentarono i raggi X, scoperti dal dottor Wilhelm Conrad Röntgen.
  • dal N. 16 al N. 22, ubicazione della sede de L'Événement, giornale fondato da Victor Hugo.
  • N. 24: dal 1905 al 1956, luogo d'abitazione di Mistinguett.
  • N. 25: antica ubicazione del museo Cognacq-Jay, installato nel 1931.
  • N. 27: antico Samaritaine de luxe, le cui facciate e tetti, scale interne con la rampa e ascensori sono classificate ad opera del maestro dell'Art nouveau, Frantz Jourdain.
  • N. 28: ubicazione nel 1889 delle montagne russe, rimpiazzate nel 1893 dalla sala di spettacoli de l'Olympia, celebre music-hall fondato nel 1888 da Joseph Oller e riacquistata nel 1952 da Bruno Coquatrix.
Numéro 35, abitato da Nadar.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Présentation livre.
Parigi Portale Parigi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parigi