Bolbeno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bolbeno
comune
Bolbeno – Stemma
Scorcio dell'abitato
Scorcio dell'abitato
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Sindaco Diego Chiodega (lista civica "Costruire per Bolbeno") dal 17/05/2010
Territorio
Coordinate 46°02′00″N 10°44′00″E / 46.033333°N 10.733333°E46.033333; 10.733333 (Bolbeno)Coordinate: 46°02′00″N 10°44′00″E / 46.033333°N 10.733333°E46.033333; 10.733333 (Bolbeno)
Altitudine 585 m s.l.m.
Superficie 12,5 km²
Abitanti 354[1] (31-12-2010)
Densità 28,32 ab./km²
Frazioni Stele
Comuni confinanti Bleggio Superiore, Bondo, Breguzzo, Preore, Tione di Trento, Zuclo
Altre informazioni
Cod. postale 38079
Prefisso 0465
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022019
Cod. catastale A933
Targa TN
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti bolbenesi
Patrono san Zenone
Giorno festivo 16 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Bolbeno

Bolbéno (Bolbén[2] o Balbén[3][4] in dialetto trentino) è un comune di 354[5] abitanti della provincia di Trento situato nel cuore del comprensorio delle Valli Giudicarie. Bolbeno dispone anche di una piccola frazione denominata Stèle che conta poco più di 20 abitanti.

Il paese dista 43 chilometri dal capoluogo.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Il paese sorge su un terrazzo alluvionale rialzato dai dintorni e guarda a nord-ovest verso Tione di Trento. A sud sovrasta il monte Piza.

Il territorio del comune risulta compreso tra i 518 e i 2.127 (Monte Altissimo) metri sul livello del mare.

Topograficamente il centro disegna un quadrilatero con vie simmetriche intercalate da androni, orti e da piazze ornate dalle solite fontane Giudicariesi indicatrici dell'abbondanza d'acqua.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Villaggio antico, vi si rinvennero monete romane del periodo imperiale, da Tito a Domiziano, da Antonio Pio a Giulia Mammea. Le vecchie dimore, rustiche e rustico-signorili, hanno ballatoi, ampio tetto a due falde, androni, portali, bifore, popolaresche pitture sacre murali.

Le origini di Bolbeno risalirebbero all'epoca imperiale romana, il Centro Storico disegna un Quadrilatero (castrametazione romana).

Nella via 3 novembre vi si notano austere residenze cinque-seicentesche, alcune delle quali con bifore e portali blasonati.

Di fronte ad un caratteristico vicolo con archi tesi tra le case, vi è la casa Marchetti, residenza dell'omonima illustre famiglia Giudicariese. Ai lati della porta sono presenti due targhe in bronzo a ricordo del patriotta-scrittore gen. Tullio Marchetti e la riproduzione "del bollettino della vittoria" di A. Diaz.

Dal II secolo ai giorni nostri[6][modifica | modifica sorgente]

Tra il II e il VI secolo d.C. Bolbeno, assieme ai comuni di Bondo, Breguzzo, Roncone e Zuclo era compreso in una regione geografica soprannominata Judicaria Summa Laganensis.

Documentato nel testamento del 15 novembre 928 del vescovo di Verona Nokterio si trova il lascito di queste terre da parte di quest'ultimo verso gli ecclesiastici veronesi; il testamento ne rende accertabile la giurisdizione.

I territori furono di proprietà della chiesa per diversi secoli, così come con i Rex Romanorum Ottone II nel 983, Enrico II nel 1014 e Enrico III nel 1047.

Anche dopo la formazione della contea vescovile del 1027, questi luoghi costituirono fino alla fine del Trecento un'enclave immunitaria nel Principato vescovile.

Nel 1348 il vescovato tridentino risultava essere già in possesso dei territori nei quali era compreso anche Bolbeno. Dall'annessione al principato le comunità dei paesi beneficiarono della possibilità di organizzarsi autonomamente: Bolbeno e Zuclo con Giugià diedero forma ad un'unica universitas con a capo un decanus, ma gli organi e le proprietà rimasero divise.

Nel 1803 Bolbeno passò, come tutto il Trentino, a far parte del Tirolo fino al 1918 quando entra a far parte del Regno d'Italia.

Dal 1803 resta sempre un Comune autonomo, eccezion fatta per l'unione forzata imposta dal regime fascista al Comune di Tione.

Si separa dal comune di Tione per tornare ancora una volta autonomo nel 1952 e lo è tuttora.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[7]


Persone legate a Bolbeno[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Sono numerose le attività presenti sul territorio comunale, in particolare imprese a carattere prevalentemente familiare, molte delle quali negli anni hanno raggiunto dimensioni notevoli. Diverse realtà concentrano la propria attività nell'artigianato del legno, ma non mancano nemmeno aziende agricole, edili, fonderie e produttori di stufe e caminetti.

Ruolo rilevante è rivestito dal settore turistico, grazie soprattutto alla presenza del piccolo impianto sciistico dove, durante la stagione invernale, sono impegnate varie associazioni.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Bolbeno è famosa per il suo impianto sciistico, gestito da oltre 40 anni dalla Pro Loco di Bolbeno. Un'area sciistica facile da raggiungere, dislocata ai margini dell'abitato, che si presta ottimamente per la pratica dello sci in modo particolare per i più giovani.

L'area sciabile è costituita da 2 tracciati paralleli della lunghezza di 500 m, serviti da una sciovia (skilift) con portata di 720 persone/ora. L'impianto di innevamento (composto da 17 cannoni sparaneve) assieme alla favorevole esposizione a nord costituiscono i principali fattori di successo per la piccola stazione sciistica, collocata a soli 600 m.s.l.m. Data la rilevanza sovraccomunale della struttura, il Comune di Bolbeno ha stipulato una convenzione sovraccomunale per suddividersi una parte dei costi di gestione, in cambio di tariffe particolarmente vantaggiose per i residenti. Ad oggi sono oltre 50 i comuni convenzionati, coinvolgendo una popolazione che sfiora le 70.000 unità.

Nei pressi della stazione di partenza è presente un attrezzato campo scuola denominato "Bolbenolandia", dotato di 2 tappeti nastro trasportatori rispettivamente della lunghezza di 36 e 60 m Un'area perfetta per chi si avvicina alla pratica dello sci, all'interno della quale troviamo anche la "pista gommoni", nonché un tracciato riservato a bob e slittini.

Sono numerose le manifestazioni che vi si svolgono in ogni stagione invernale, organizzate dallo Sci club locale, lo Sci club Bolbeno, con la collaborazione del Gruppo Alpini e Dei Vigili del fuoco di Zuclo e Bolbeno. Memorabile la data del 21 febbraio 2010 allorquando si svolse la gara di fine corso "Trofeo Giovanissimi", che ha visto la presenza di oltre 500 bambini.

A fondo pista era presente un servizio bar che a partire dalla stagione invernale 2010/2011 è stato sostituito da un ristorante bar di nuova costruzione, grazie all'opera di una società mista cui partecipano una cordata di imprenditori locali (nella misura del 51% del capitale sociale) e il Comune di Bolbeno per la parte di capitale residua. Nelle immediate vicinanze si segnala la presenza di un servizio noleggio e laboratorio sci con una dotazione di quasi 1000 paia di sci e scarponi.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Quaresima, Enrico (1964; rist. 1991). Vocabolario anaunico e solandro. Firenze: Leo S. Olschki. ISBN 8822207548
  3. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizonario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  4. ^ Carla Marcato, Bolbeno in Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 1990, p. 83.
  5. ^ ISTAT
  6. ^ www.trentinocultura.net (PDF)
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]