Zeger Bernard van Espen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bernardo Van Espen)

Zeger Bernard van Espen, in latino Sigerus Bernardus Espenius (Lovanio, 9 luglio 1646Amersfoort, 2 ottobre 1728), era un canonista belga, professore a l'università di Lovanio e il più importante ripresentante del movimento giansenista in Europa.

Jus ecclesiasticum universum, 1781 (Milano, Fondazione Mansutti).

La sua difesa dei diritti dei re in materia ecclesiastica (regalismo) e le sue posizioni episcopalistiche gli valsero l'accusa di giansenismo e lo costrinsero a lasciare la cattedra a Lovanio (all'epoca nel territorio dei Paesi Bassi meridionali, in seguito del Belgio) per andare a Leida (nella parte settentrionale dei Paesi Bassi).

Ha appoggiato un'ordinazione episcopale presso il vescovato di Utrecht, considerato scismatico da Roma. Ha avuto un grande impatto sulla Spagna del XVIII secolo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mestre Sanchís, Antonio La influencia del pensamiento de Van Espen en la España del siglo XVIII[1]
  • Carlos Martínez Shaw La ilustración cristiana, en artehistoria
  • (IT) Fondazione Mansutti, Quaderni di sicurtà. Documenti di storia dell'assicurazione, a cura di M. Bonomelli, schede bibliografiche di C. Di Battista, note critiche di F. Mansutti. Milano: Electa, 2011, pp. 148-149

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN9937610 · LCCN: (ENn88070666 · ISNI: (EN0000 0000 8339 2046 · GND: (DE118682385 · BNF: (FRcb124215601 (data) · CERL: cnp00874733