Befehlshaber der U-Boote

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Befehlshaber der U-Boote, l'ammiraglio Karl Dönitz (a sinistra), saluta il capitano Werner Hartmann, comandante dell'U-37

Il Befehlshaber der U-Boote (BdU) costituì il titolo di comandante supremo della flotta sottomarina della Kriegsmarine durante la seconda guerra mondiale.

Detentori del titolo[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo appartenne a Karl Dönitz che, dal gennaio 1936, con il grado di contrammiraglio, deteneva il titolo di "comandante supremo dei sommergibili", Führer der U-Boote (FdU); esso fu mutato, il 19 settembre 1939, in "comandante in capo dei sommergibili", Befehlshaber der U-Boote (BdU)[1] e la sede del comando fu istituita a Kiel e, nel 1940, dopo l'occupazione della Francia, fu spostata a Lorient.

Dönitz mantenne il comando del BdU fino al 30 gennaio 1943 quando, promosso Großadmiral, sostituì Erich Raeder come comandante supremo della Kriegsmarine, a seguito delle dimissioni di quest'ultimo[2], ed il suo posto fu preso dal suo capo di Stato Maggiore, il contrammiraglio Eberhard Godt. Successivamente il titolo fu assunto dall'ammiraglio Hans-Georg von Friedeburg che lo mantenne fino alla fine della guerra, quando, dopo la sconfitta della Germania, il titolo fu soppresso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Léonce Peillard, La Battaglia dell'Atlantico, 1992, Mondadori, pag. 42.
  2. ^ Le dimissioni del Großadmiral Erich Raeder furono provocate a causa dell'intenzione di Hitler di smantellare le navi di superficie, da questi ritenute costose ed inefficaci, per utilizzare i loro cannoni come batterie costiere. Nella sua lettera di dimissioni il Großadmiral indicò come suo successore l'ammiraglio Rolf Carls ed, in alternativa, Karl Dönitz. V. Enzo Biagi, La seconda guerra mondiale, vol. III, 1995, Fabbri Editori, pag. 792.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enzo Biagi, La seconda guerra mondiale, vol. III, 1995, Fabbri Editori ISBN non esistente
  • Léonce Peillard, La Battaglia dell'Atlantico, 1992, Mondadori ISBN 88-04-35906-4

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]