Barbara Fusar Poli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barbara Fusar Poli
Fusar poli margaglio.jpg
Barbara Fusar Poli in coppia con Maurizio Margaglio
Nazionalità Italia Italia
Altezza 168 cm
Peso 52 kg
Pattinaggio di figura Figure skating pictogram.svg
Specialità Danza sul ghiaccio
Record
Torino 2006 Danza sul ghiaccio totale: 183,46
Torino 2006 Danza obbligatoria: 38,78
Torino 2006 Danza originale: 51,73
Torino 2006 Danza libera: 92,95
Squadra Agora Skating Team
Ritirata luglio 2006
Palmarès
Giochi olimpici invernali 0 0 1
Mondiali di pattinaggio di figura 1 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Barbara Fusar Poli (Sesto San Giovanni, 6 febbraio 1972) è un'ex danzatrice su ghiaccio italiana, campionessa europea e mondiale ai Campionati mondiali di pattinaggio di figura in coppia con Maurizio Margaglio e vincitrice della medaglia di bronzo ai XIX Giochi olimpici invernali.

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a meno di dieci anni, nel 1982, a praticare il pattinaggio-corsa sul ghiaccio, quando dopo aver assistito ad un saggio di Natale ed esser rimasta folgorata dal pattinaggio artistico, si iscrive al Club Agorà Skating Team di Milano. È in coppia dal 1986 con Matteo Bonfà ed in seguito con Alberto Reani, raggiungendo però i migliori risultati con il terzo partner, Maurizio Margaglio, con il quale inizia a lavorare nella primavera del 1994 e vince nove titoli nazionali dal 1995 al 2006, un oro e un argento ai Campionati mondiali di pattinaggio di figura nel 2001, un oro (nel 2001) e due argento (nel 2000 e 2002) ai Campionati europei, e un bronzo alle Olimpiadi di Salt Lake City nel 2002.

La coppia Fusar Poli-Margaglio viene allenata da Paola Mezzadri e Roberto Pelizzola, curata nella preparazione atletica da Mirco Botta, e seguita da Tatiana Tarassova. Dopo un periodo di ritiro iniziato nel 2002, e ripetuti incitamenti da parte dell'ambiente sportivo del pattinaggio non solo nazionale, la coppia artistica decide improvvisamente di tornare a gareggiare in occasione delle Olimpiadi di Torino nel 2006, da cui non usciranno vincitori a causa di una caduta, ma donando comunque grandi emozioni al pubblico mondiale.[1]

Dopo questa occasione si ritireranno definitivamente dalle competizioni sportive.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nasce e cresce a Sesto San Giovanni, fin dai primi anni d'età si fa notare per il carattere molto estroverso e solare, a tratti esibizionista e con tanta voglia di fare; anche i suoi maestri a scuola si accorgono di una certa predisposizione verso il ballo, tanto che a soli cinque anni e mezzo inizia lo studio della danza classica, e in seguito due anni di nuoto.

Frequenta l'Istituto d'Arte alla Villa Reale di Monza e contemporaneamente dal 1982 si allena a Bergamo nel pattinaggio artistico.[2]

Nel giugno del 2000 sposa Diego Cattani, ex azzurro di short track, oggi tecnico della nazionale. Pochi mesi prima di partecipare all'ultima competizione sportiva a Torino 2006, ha la sua prima figlia, Giorgia.[3] Era inoltre particolarmente legata a suo nonno, scomparso nel luglio 2005.

Dopo aver studiato all'Istituto Superiore Educazione Fisica diventa insegnante di pattinaggio per adulti e bambini all'Agorà, in cui lei stessa maturò professionalmente.

Con Maurizio Margaglio il 1º ottobre del 2009 partecipa al videoclip del singolo Un dolce incantesimo di Dolcenera.

Vive nella sua città d'origine e ha due figli.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Mondiali Europei Giochi olimpici Finale Coppa del Mondo Nazionali Skate America Skate Canada Gelsenkirchen Trophée Lalique Coppa di Russia NHK Trophy
1995 10 1 7 6
1996 10 8 1 3 5
1997 9 7 1 2 3
1998 5 5 6 5 1 3 2
1999 5 4 5 1 1 2 1
2000 2 2 2 1 1 1 1
2001 1 1 1 1 1 1
2002 2 3 4 1
2006 6 1

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 26 aprile 2002. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su fusarpolimargaglio.com. URL consultato il 19 febbraio 2006 (archiviato dall'url originale il 19 febbraio 2006).