Bandiera del Guatemala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bandera de Guatemala
Bandera de Guatemala
Proporzioni5:8
Simbolo FIAVBandiera di stato e di guerra, bandiera navale di stato e militare
ColoriRGB

     (R:73 G:151 B:208)

     (R:255 G:255 B:255)

UsoBandiera civile e di stato
NazioneGuatemala Guatemala
Altre bandiere ufficiali
Bandiera civilebandiera Bandiera civile
Stendardo presidenzialebandiera Stendardo presidenziale
Fotografia
Bandera Guatemala.jpeg

La bandiera del Guatemala è un bicolore in tre bande verticali, di uguali dimensioni: la centrale è bianca e le laterali celesti.

Tradizionalmente il celeste simboleggia gli oceani Pacifico e Atlantico, il bianco la purezza dei valori della nazione. Nei fatti la bandiera derivò da quella degli Stati Uniti dell'America Centrale, con i colori centroamericani, anche se la versione guatemalteca pone le bande in verticale piuttosto che in orizzontale come il disegno originale.[1]

La banda centrale è caricata dell'emblema con il quetzal, l'uccello simbolo di libertà dei Maya, e la data del 15 settembre 1821 che ricorda l'indipendenza dell'America centrale dalla Spagna. Sono presenti anche due fucili e due spade incrociate, per rammentare la disponibilità del Guatemala a difendersi con la guerra, ma insieme si notano due rami di ulivo a significare che il paese predilige comunque la pace.

Nel 2008 è stata adottata una bandiera rappresentativa delle popolazioni indigene chiamata Bandera de los pueblos ("Bandiera dei popoli"), esposta insieme alla bandiera nazionale in tutti gli eventi in cui sia presente il Presidente della Repubblica. La bandiera è divisa in quattro parti di colore rosso, giallo, bianco e nero che rappresentano rispettivamente i popoli Xinca, Garifuna, Maya e Ladino.

La Bandera de los Pueblos, insegna delle popolazioni indigene.

Bandiere storiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia