Automotore FS 207

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Automotore FS 207
Locomotiva Diesel
4 Automotori 207 "sogliole".jpg
Sogliole 207
Anni di costruzione 1931-1935
Anni di esercizio 1931 - 1984
Quantità prodotta 71
Costruttore Antonio Badoni Lecco
Dimensioni 3.400 mm x ??? x ???
Passo dei carrelli 2.775 mm
Massa in servizio 5.500 kg
Massa aderente 5.500 kg
Rodiggio B
Diametro ruote motrici 500 mm
Potenza oraria 59 Kw
Velocità massima omologata 30 km/h
Alimentazione Benzina o Gasolio

Gli automotori dei gruppi FS 207 e 208[1], comunemente conosciuti con i soprannomi di "sogliole" e "i Badoni". Come i predecessori del gruppo 206 e i successori dei gruppi 210 e 211, sono una realizzazione della fabbrica Antonio Badoni Lecco (ABL). Vennero costruiti in Italia, su licenza della fabbrica tedesca Breuer, a partire dal 1931 e rimasero in produzione, nelle varie serie fino al 1952. Il nomignolo di "sogliola" venne loro assegnato a causa della loro forma tipica: la cabina di manovra, unica e centrale era stretta e verticale, atta ad occupare pochissimo spazio tra i rotabili trainati, come del resto era contenuta la lunghezza complessiva di tutto il rotabile.

Nelle intenzioni progettuali il rotabile era destinato alle manovre nei piccoli scali ferroviari, nei depositi, nei raccordi civili e militari, di semplice manovrabilità e quindi adatto ad un uso universale.

Venne fornito anche all'Esercito, all'Aviazione e alla Marina Militare italiana e prestò servizio anche in Nord Africa nell'ultima guerra. Prodotto in svariate centinaia di unità ha prestato servizio nelle Ferrovie dello Stato fino agli anni ottanta; venne acquisito anche da numerose società private per il servizio di movimentazione carri merci all'interno dei raccordi ferroviari industriali ove qualche esemplare presta ancora servizio.

La motorizzazione a benzina o a nafta venne fornita dalla Fiat con vari tipi di propulsore: Fiat 366 da 83 kW e da 77 kW, Fiat 355 da 55 kW e Fiat 326 da 51 kW. La trasmissione del moto era a catena di trasmissione e corona dentata con cambio a quattro velocità. Il carrello era a ruote piccole da 500–600 mm, a due assi motori. Il tutto permetteva una velocità massima molto modesta di 30–40 km/h ma ciò era del tutto sufficiente allo scopo per cui il mezzo era stato costruito.

Gli automotori 206 - 207 e 208 hanno pressoché le stesse dimensioni e caratteristiche; differiscono solo nella motorizzazione e nel peso in servizio, maggiore di 1 t nella serie 208.

Rotabili conservati[modifica | modifica wikitesto]

Automotore FS 208
Locomotiva Diesel
Automotori 207 e 208.jpg
Automotore 208 in accantonamento
Anni di costruzione 1937-1952
Anni di esercizio 1939 - 1985
Quantità prodotta 60
Massa in servizio 6.500 kg
Massa aderente 6.500 kg
Rodiggio B
Potenza oraria 50 Kw)
Velocità massima omologata 30 km/h
Alimentazione gasolio
  • L'automotore 207.020 è conservato presso il Museo FS dei rotabili storici di Pietrarsa;
  • L'automotore 207.040 è esposto al Museo Ferroviario di Trieste Campo Marzio;
  • L'automotore, tipo IV, ABL 4581 costruito nel 1947 facente parte della collezione Ogliari è ora esposto nel parco e museo del volo di VOLANDIA a Somma Lombardo.
  • N° 2 sogliole alienate dall'Esercito Italiano sono state acquisite dal Museo Ferroviario Piemontese di Torino.ABL 4729 restaurata funzionante;
  • L'automotore 207.023 costruito da Badoni nel 1934 è ancora funzionante nel Museo Ferroviario della Puglia a Lecce;
  • L'automotore ABL 4102 è esposto a Verona, presso il centro direzionale del consorzio ZAI;
  • L'automotore ABL 4703 costruito nel 1957 è esposto e funzionante presso il Museo Nazionale dei Trasporti della Spezia;
  • L'automotore tipo IV N, matricola 0415 del 1938, è stato acquisito dalla FTI - Ferrovie Turistiche Italiane, sezione Ferrovia Basso Sebino, che l'ha fatto restaurare da un'azienda privata, rendendolo nuovamente operativo. L'automotore restaurato, che porta ora la marcatura 208.003, fu costruito dalla Badoni nel 1938 per il Genio Ferrovieri e successivamente acquisito dalle Trafilerie Gnutti di Chiari dove prestò servizio fino all'accantonamento avvenuto nel 1990; nel 2009 fu infine donato all'associazione Ferrovia Basso Sebino[2].
  • L'automotore L914, ex Casalecchio-Vignola, è in fase di restauro da parte di SVF a Primolano.

Curiosità e notizie[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del 1942 la Badoni effettuò una fornitura di 40 "sogliole" del tipo Badoni IV al Regio Esercito impegnato nelle operazioni belliche in nord Africa. Vennero immatricolate come FS 4172-4212. Di queste, 8 andarono perdute per l'affondamento della nave che le trasportava. A differenza della madrepatria vennero qui soprannominate "scatola di sardine" o "armadio viaggiante".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo la definizione dell'articolo 112 della Prefazione generale all'orario di servizio, edizione 1963, aggiornamento 2002, delle Ferrovie dello Stato si definisce "automotore" un mezzo di trazione da manovra avente una potenza installata di non oltre 200 CV (147 kW)
  2. ^ News storici, in Tutto treno, 24 (giugno 2011), n. 253, p. 12.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti