Assedio di Maastricht (1579)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assedio di Maastricht
Beleg Maastricht 1579.jpg
Le truppe spagnole attaccano le mura di Maastricht.
Data 12 marzo - 1º luglio 1579
Luogo Maastricht, Paesi Bassi
Esito Vittoria degli spagnoli
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2.000 20.000
Perdite
9.000 morti e feriti 4.000 morti e feriti
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

L’assedio di Maastricht, durato dal 12 marzo al 1º luglio 1579, è un episodio della Guerra degli ottant'anni.

Introduzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1579 la città di Maastricht era nelle mani dei ribelli olandesi. Il 12 marzo, il generale spagnolo Alessandro Farnese duca di Parma, alla testa di circa 20.000 uomini, cinse d'assedio la città difesa da circa 2.000 olandesi e alcune milizie cittadine.

L'assedio[modifica | modifica wikitesto]

Per entrare nella città Alessandro Farnese fece scavare dei tunnel sotto le mura. Sottoterra si svolsero cruenti combattimenti, con gli abitanti di Maastricht che gettavano acqua bollente e bombe nei tunnel. La notte del 29 giugno dopo due mesi di accaniti combattimenti e con i difensori della città ormai esausti, l'esercito spagnolo espugnò Maastricht saccheggiandola per tre giorni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Lenti, I Paesi Bassi verso il «secolo d'oro» nelle relazioni di osservatori stranieri, COEDIT
  • Geoffrey Parker, La Rivoluzione Militare, ed. Il Mulino, ISBN 88-15-10782-7
  • Geoffrey Parker, La Guerra dei trent'anni, ed. Vita e Pensiero, ISBN 88-343-2536-2
In lingua inglese
  • Pieter Geyl (1932), The Revolt of the Netherlands, 1555-1609, Williams & Norgate, UK.
  • Pieter Geyl (1936), The Netherlands Divided, 1609-1648, Williams & Norgate, UK.
  • Jonathan I. Israel (1998), The Dutch Republic. Its Rise, Greatness, and Fall 1477-1806", Clarendon Press, Oxford, ISBN 0-19-820734-4.
  • Geoffrey Parker (1977), The Dutch revolt, Penguin books, London

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]