Battaglia di Oosterweel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Oosterweel
Battle of Oosterweel.jpg
Battaglia di Oosterweel
Data 13 marzo 1567
Luogo Oosterweel, vicino ad Anversa, ora in Belgio
Esito Vittoria spagnola
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
2.500 uomini 1.000 uomini
Perdite
700 – 800 giustiziati Ignoto
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Oosterweel ebbe luogo il 13 marzo, 1567, ed è tradizionalmente considerata come l'inizio della guerra degli ottant'anni[1]. La battaglia fu combattuta nei pressi del villaggio di Oosterweel, a nord di Anversa. L'esercito spagnolo (tercio) sotto il comando del generale Beauvoir sconfisse l'esercito dei ribelli radicali calvinisti sotto il comando di Jan van Marnix, barone di Tolosa (1537 – 1567).

I prigionieri furono considerati ribelli e furono tutti uccisi. Morirono 700-800 protestanti.

Guglielmo d'Orange, allora burggraaf di Anversa, non permise ai protestanti della città di andare a prestare il loro aiuto poiché lui, come signore della città di Anversa, era legato con un giuramento al re di Spagna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli olandesi considerano in realtà la vittoria di sorpresa di Luigi di Nassau a Heiligerlee nel 1568 come prima vera battaglia nella guerra degli ottant'anni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna