Area naturale protetta di interesse locale del Monteferrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Area naturale protetta di interesse locale
del Monteferrato
Tre gobbe del Monteferrato.JPG
Tipo di areaANPIL
Codice EUAPEUAP1028
Class. internaz.SIC (cod.: IT5150002)
StatiItalia Italia
Regioni  Toscana
Province  Prato
ComuniMontemurlo, Prato e Vaiano
Superficie a terra4.486 ha
Provvedimenti istitutiviD.C.C. 76, 26.03.98 - D.C.C. 16, 30.03.98 - D.C.C. 20, 30.03.98
GestoreComuni di Montemurlo, Prato e Vaiano, Provincia di Prato,

Comunità Montana Val di Bisenzio

Mappa di localizzazione
Coordinate: 43°56′01.68″N 11°03′15.12″E / 43.9338°N 11.0542°E43.9338; 11.0542

L'ANPIL del Monteferrato è un'area naturale protetta riconosciuta dal 1998 che interessa una parte del territorio collinare e montuoso toscano a nord delle zone pianeggianti di Firenze, Prato e Pistoia.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'area protetta occupa una superficie di 4.486 ha.[1] nel Monteferrato, una struttura montuosa formata dalle quattro cime di Poggio Ferrato o Monte Chiesino, di 420 m sl.lm., di monte Mezzano, di 390 m s.l.m., di Monte Piccioli di 363 m s.l.m., e Poggio Pe'Parte di 263 m s.l.m i quali si ergono rispettivamente nei comuni di Montemurlo, Prato e Vaiano.

All'interno dell'ANPIL ricade interamente il sito di interesse comunitario "Monteferrato e Monte Iavello", di 1.391 ha, un'ulteriore forma di tutela istituita per proteggere tre tipi di habitat: i terreni calcarei erbosi a Alysso-Sedion albi, le rupi a Sedo dasyphylli-Asplenietum cuneifolii e le lande secche[2].


Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Nell'area del Monteferrato sono presenti varie tipologie di mammiferi come cervi, caprioli, daini, cinghiali, lepri, donnole, faine, puzzole, tassi, volpi, toporagni, istrici, e pipistrelli orecchioni, sono presenti anche molte specie di uccelli nidificanti come il picchio verde, il martin pescatore, la poiana, l'albanella e l'airone cenerino che si può incontrare lungo il torrente Bagnolo.

Nel mese di dicembre 2021, alcune fototrappole poste all'interno dell'area protetta sono riuscite a catturare immagini di un esemplare di sciacallo dorato: si tratta del primo avvistamento dell'animale in Toscana.

Flora[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Provincia di Prato.
  2. ^ Fonte: Provincia di Prato Archiviato il 20 luglio 2007 in Internet Archive.. URL consultato il 2 marzo 2010


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]