Arcilesbica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Striscione di Arcilesbica di Roma al Gay Pride nazionale di Grosseto (2004).

Arcilesbica è un'associazione nazionale delle donne lesbiche italiane.

Nel suo sito dichiara che i suoi scopi sono:

  • "combattere ogni forma di pregiudizio e di discriminazione nei confronti delle lesbiche e delle persone omosessuali;
  • potenziare la visibilità delle lesbiche;
  • rivendicare il riconoscimento e il pieno godimento dei diritti civili".

Nascita e storia[modifica | modifica wikitesto]

Arcilesbica nasce ufficialmente nel dicembre 1996 dalla suddivisione di Arcigay e Arcilesbica in due distinti soggetti federati tra loro[1]. Ad Arcilesbica possono aderire sia singole individue che gruppi organizzati, purché composti e diretti da sole donne[2]. Nel 2014, ultimo anno di cui il dato è disponibile, Arcilesbica contava 1017 socie, dopo un progressivo declino nel corso degli anni precedenti.

Nel corso degli anni l'associazione ha portato avanti numerose iniziative sulle tematiche della lotta all'omofobia, alla violenza sulle donne e per i diritti civili delle coppie lesbiche.

Attualmente Arcilesbica conta 7 circoli attivi. La sua presidente è Cristina Gramolini, eletta nel 2017[3]. Il logo di Arcilesbica rappresenta due simboli di Venere che si intrecciano all'interno di due ali che vanno a formare una farfalla. Il colore del logo è viola.

Arcilesbica ha promosso la realizzazione e la distribuzione su territorio nazionale di un testo che raccoglie saggi sull'attivismo delle lesbiche nel nostro paese e indetto un premio di laurea in studi sul lesbismo e sul genere per favorire la cultura lesbica.[senza fonte]

Nel 2016 e nel 2017 assume posizioni progressivamente più critiche nei confronti della gestazione per altri[4], verso l'inclusione delle donne transgender negli spazi femminili e verso le identità di genere non-binarie. Queste posizioni hanno portato molte associazioni LGBT italiane a dissociarsi da Arcilesbica.

Il congresso nazionale del dicembre 2017 conferma la linea politica femminista radicale e trans-escludente, con la vittoria delle tesi "A mali estremi, lesbiche esteme" su quelle delle più liberali "Riscoprire le relazioni".[5] Il 15 dicembre, a seguito della direzione intrapresa da Arcilesbica, il circolo di Perugia, Omphalos, cessa ufficialmente ogni futura collaborazione con l'associazione.[6]. Il 31 dicembre il circolo di Udine si autosospende, e il giorno successivo il circolo di Treviso annuncia la propria chiusura. A marzo anche i circoli di Bergamo[7] e Bologna[8] abbandonano l'associazione, e ad aprile ad abbandonare è Arcilesbica Napoli.[9]

Presidenti Arcilesbica[modifica | modifica wikitesto]

  • dal 2017: Cristina Gramolini
  • dal 2015 al 2017: Roberta Vannucci
  • dal 2012 al 2015: Paola Brandolini
  • dal 2005 al 2012: Francesca Polo
  • dal 1996 al 2005: Titti De Simone

Congressi Nazionali Arcilesbica[modifica | modifica wikitesto]

Il Congresso Nazionale è l'organo di maggiore partecipazione associativa. Il Congresso Nazionale decide l'indirizzo politico della Associazione.

  • Bologna, 8-10 dicembre 2017: VIII congresso nazionale "A mali estremi, lesbiche estreme"
  • Cagliari, 27-29 marzo 2015: VII congresso nazionale "Il lesbismo non è semplice come bere un bicchier d'acqua"
  • Milano, 23-25 marzo 2012: VI congresso nazionale "Esserci Adesso"
  • Firenze, 12-14 dicembre 2008: V congresso nazionale "Nell'Italia della crisi economica e democratica teniamo alti i diritti e la cultura del lesbismo"
  • Roma, 16-18 dicembre 2005: IV congresso nazionale "Arcilesbica: un decennio di politica"
  • Roma, 15-17 novembre 2002: III congresso nazionale "Consolidiamo la scelta di autonomia attiva delle lesbiche nella comunità GLBT e nel campo della sinistra pacifista mondiale"
  • Ancona, 12-14 novembre 1999: II congresso nazionale "Successi e limiti di tre anni"
  • Padova, 14-15 dicembre 1996: I congresso nazionale "Nasce Arcilesbica"

Circoli[modifica | modifica wikitesto]

  • ArciLesbica Bari Mediterranea
  • ArciLesbica Ferrara
  • ArciLesbica Milano Zami
  • ArciLesbica Novara L'isola che c'è
  • ArciLesbica Roma
  • ArciLesbica Pisa-Livorno
  • ArciLesbica Trentino-AltoAdige L'Altra Venere

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

LGBT Portale LGBT: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di LGBT