Titti De Simone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
on. Titti De Simone
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Titti De Simone nel 2007.
Titti De Simone nel 2007.
Luogo nascita Palermo
Data nascita 15 febbraio 1970
Titolo di studio Diploma istituto tecnico per il turismo
Professione Giornalista
Partito PRC
Legislatura XIV e XV
Gruppo Rifondazione Comunista-Sinistra Europea
Coalizione L'Unione
Circoscrizione Campania 1 (XIV Leg.) e XI Emilia-Romagna (XV Leg.)
Incarichi parlamentari

Segretario di Presidenza;
Presidente del Comitato per le Pari Opportunità;
Componente - VII Commissione (Cultura, Scienza e Istruzione);
Componente - Comitato per gli Affari del Personale

Pagina istituzionale

Caterina De Simone detta Titti (Palermo, 15 febbraio 1970) è una giornalista e politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stata redattrice del quotidiano L'Ora di Palermo, diventando successivamente attivista dei movimenti per i diritti civili e della comunità gay: nel 1994 si è trasferita a Bologna, diventando vicepresidente dell'Arcigay provinciale, e fondando successivamente l'Arcilesbica, di cui è stata presidente dal 1996 al 2002.

Nel 2001 è stata eletta deputata alla Camera con il sistema proporzionale nella circoscrizione XX (Campania 2) ed ha aderito al gruppo di Rifondazione Comunista. Nel corso della XIV legislatura ha fatto parte della VII commissione (cultura, scienza ed istruzione).

Alle elezioni politiche del 2006 si è candidata alla Camera con il PRC nelle circoscrizioni di Campania 1 ed Emilia-Romagna ed ha ricevuto un nuovo mandato parlamentare. Il 4 maggio 2006 è stata nominata Segretario alla Presidenza della Camera.

Nel 2012 è stata presidente del Sicilia Queer Filmfest (che si svolge a Palermo nel mese di giugno) e ha diretto la collana, I racconti di Nzocchè per la casa editrice Navarra di Palermo. Per la stessa casa editrice cura un libro, dedicato alla regista e drammaturga palermitana Emma Dante: un libro-intervista che articola una riflessione sulle ragioni del degrado culturale - oltre che morale - in cui versa Palermo, metafora di una condizione generale del Paese. Con questa pubblicazione vince nel 2011 il premio Enriquez[1], come miglior testo sul teatro di impegno civile.

Dopo aver aderito al Partito Democratico ed all'area renziana in particolare[2], dal 24 luglio 2013[3] fino al dicembre dello stesso anno[4] viene nominata assessore con delega all'Ambiente, Attività produttive e Agricoltura, nel Comune di San Cipirello, in provincia di Palermo. Dal 5 marzo al 9 giugno 2014 è stata assessore al Patrimonio e ai Servizi Demografici del comune di Bari nella giunta di Michele Emiliano. In occasione delle elezioni regionali della Puglia ha fatto parte dello staff del candidato del centrosinistra Michele Emiliano coordinando il programma, realizzato attraverso un processo partecipativo denominato Le Sagre del Programma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Titti De Simone, Intervista a Emma Dante, Navarra Editore, Collana I racconti di Nzocchè, Palermo, 2011. ISBN 978-88-95756-42-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN250776315
  1. ^ http://www.navarraeditore.it/dicono-di-noi/1-ultime/1202-navarra-editore-e-titti-de-simone-vincono-il-premio-enriquez-sirolo-2011-per-un-teatro-una-tv-un-cinema-una-musica-una-comunicazione-di-impegno-sociale-e-civile.html
  2. ^ http://www.italiaoggi.it/giornali/stampa_giornali.asp?id=1870123&codiciTestate=1&accesso=FA
  3. ^ http://palermo.blogsicilia.it/titti-de-simone-designata-assessore-nel-comune-di-san-cipirello/201860/
  4. ^ http://www.monrealepress.it/mp-san-cipirello-sindaco-azzera-la-giunta-gli-ex-assessori-quot;ha-rotto-il-patto-con-i-cittadiniquot;-3135.asp