TERF

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

TERF è l'acronimo di trans-exclusionary radical feminist (femminista radicale trans-escludente).

Registrato per la prima volta nel 2008[1], il termine originariamente si applicava alla minoranza di femministe che assumevano posizioni che altre femministe consideravano transfobiche, come il rifiuto dell'affermazione che le donne trans siano donne, l'esclusione delle donne trans dagli spazi femminili e l'opposizione a leggi sui diritti delle persone transgender[2]. Da allora il significato si è ampliato per riferirsi in modo più ampio a persone con visioni trans-esclusive che potrebbero non avere alcun coinvolgimento con il femminismo radicale[3][4].

Coloro a cui si fa riferimento con la parola TERF in genere rifiutano il termine o lo considerano un insulto; alcuni si identificano come gender critical[5]. I critici della parola TERF dicono che è stata usata in modo troppo ampio, negli insulti e insieme alla retorica violenta.[6][7][8][9] In ambito accademico non c'è consenso sul fatto che TERF costituisca o meno un insulto.[8][10][11] [12][13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I'm credited with having coined the word 'Terf'. Here's how it happened, su theguardian.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  2. ^ Chi sono le «Terf», le femministe «critiche del genere» che si oppongono al ddl Zan., su 27esimaora.corriere.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  3. ^ How British Feminism Became Anti-Trans, su nytimes.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  4. ^ Why is British media so transphobic?, su theoutline.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  5. ^ It's Time to End the Long History of Feminism Failing Transgender Women, su bitchmedia.org. URL consultato il 12 agosto 2021.
  6. ^ Perché il termine Terf è un insulto e incita all’odio, su lepersoneeladignita.corriere.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  7. ^ Bullies everywhere delight in coming up with new insults, su theguardian.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  8. ^ a b ‘TERF’ War. Philosophers object to a journal's publication of a term referring to radical feminists who don't necessarily count trans women among their ranks. Is it a slur?, su insidehighered.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  9. ^ Pensieri di una T.E.R.F., su panorama.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  10. ^ On an Alleged Case of Propaganda: Reply to Rachel McKinnon (PDF), su philpapers.org. URL consultato il 12 agosto 2021.
  11. ^ The Epistemology of Propaganda (PDF), su storage.googleapis.com. URL consultato il 12 agosto 2021.
  12. ^ Judith Butler: “Chiamarle Terf è giusto”. Sui conflitti nel femminismo, su feministpost.it. URL consultato il 12 agosto 2021.
  13. ^ TERF NON È UN INSULTO: PAROLA DI JUDITH BUTLER E VOCABOLARIO ALLA MANO, su gaypost.it. URL consultato il 12 agosto 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]